Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Sorpasso del Novara ai danni di una Cremonese letteralmente asfaltata dal Monza, Benevento sbanca Crema - RealSports.it

Calcio Iª Div. A -  10ª giornata: il punto
Calcio Iª Div. A - 10ª giornata: il punto

Ancora un cambio con il Novara che opera il sorpasso ai danni di una Cremonese letteralmente asfaltata dal Monza nel posticipo di lunedì sera al Brianteo. Qualche avvisaglia del periodo di forma poco felice dei grigiorossi c’era già stato nelle precedenti gare, ma un paio di vittorie fortunate avevano contribuito a mascherare le difficoltà della squadra di Venturato

Fonte immagine RealSports.it

di Alessandro Maglione

Ancora un cambio al vertice nel girone A di Prima Divisione con il Novara che opera il sorpasso ai danni di una Cremonese letteralmente asfaltata dal Monza nel posticipo di lunedì sera al Brianteo. Qualche avvisaglia del periodo di forma poco felice dei grigiorossi c’era già stato nelle precedenti gare, ma un paio di vittorie fortunate avevano contribuito a mascherare le difficoltà della squadra di Venturato. Contro il Monza invece sono emerse in tutta la loro evidenza i limiti di un collettivo apparso come la brutta copia di quello ammirato solo fino a qualche domenica fa. Serata invece da ricordare per il Monza che disputa forse la più bella partita dell’anno segnando nel primo tempo per due volte con Eramo e Samb mentre il tris porta la firma di Iacopino su calcio di rigore a venti minuti dal termine.

Serve un penalty alla nuova capolista Novara per sbarazzarsi di un osso duro come il Perugia che spreca troppo e viene punito quasi in zona Cesarini da un tiro dagli undici metri del solito Motta. In precedenza c’era stato il botta e risposta tra Shala ed Ercolano ed ha del clamoroso l’errore di Del Core per gli umbri che centra in pieno la traversa con il portiere ormai fuori causa.

Un redivivo Felice Evacuo fa tornare il sereno in casa di un Benevento che sbanca Crema portandosi nuovamente nelle zone alte della classifica. Il bomber giallorosso, dopo una prima parte di campionato passata tra panchina e tribuna, ripaga mister Acori con una prestazione da ricordare condita da una doppietta e tanto lavoro al servizio della squadra, sintomo che probabilmente il periodo buio è ormai alle spalle. Al Pergocrema non basta il gol del solito Le Noci, ipnotizzato nella ripresa da Gori che respinge un tiro a botta sicura e salva il risultato per gli stregoni.

Esordio positivo per la coppia Brevi-Strano sulla panchina del Como, ma i lariani non vanno oltre lo zero a zero contro il temibile Arezzo del capocannoniere del girone Chianese. I padroni di casa sembrano più ordinati in campo rispetto al passato tuttavia non si rendono quasi mai seriemente pericolosi. Centra invece quasi il bersaglio l’Arezzo quando al 39’ Pecorari colpisce la traversa. Ripresa sulla stessa falsa riga e per poco gli amaranto sul finire di gara sfiorano la vittoria.

Un rigore di Ripa a cinque dal termine salva la Pro Patria dalla sconfitta mentre si mangia le mani il Varese che vede svanire i tre punti sul filo di lana. Dopo il vantaggio ospite con Tripoli al 39’, nella ripresa Ebagua manca il colpo del ko (palo per lui) e sull’azione successiva un fallo di mani di Dos Antos induce il direttore di gara a decretare il penalty poi realizzato da Ripa.

Succede tutto nel primo tempo tra Paganese e Lumezzane: campani già in vantaggio al 4’ con Zarineh ma Pesenti e Pintori ribaltano completamente la situazione con la complicità di Melillo. Sul finire di frazione il Lumezzane si dimentica di Tortori che scatta sul filo del fuorigioco (in posizione regolare) e segna il 2-2. Poco o nulla da segnalare in una ripresa alla camomilla.

Esordio senza gloria per il nuovo tecnico del Sorrento Novelli subentrato a mister Simonelli. Fa festa invece il Foligno al quale basta un gol Cavagna nel primo tempo per avere ragione di una compagine rossonera apparsa comunque in ripresa ma troppo imprecisa quando si è trattato di buttarla dentro.

Deve faticare e non poco il Figline per agguantare il 2-2 contro un Lecco che si porta in vantaggio per due volte e viene sempre ripreso dalla squadra di mister Torricelli. Da segnalare un premio consegnato a Chiesa prima della gara per le 500 presenze da professionista raggiunte la settimana scorsa.

Si conferma avaro di soddisfazioni il campo amico per un Alessandria che non riesce ancora una volta a vincere davanti ai propri tifosi. Anzi, a dirla tutta al Viareggio il pari va stretto considerando le straordinarie parate di Cicutti che sbarra la strada in almeno quattro occasioni alla formazione toscana. L’Alessandria si sveglia solo nella ripresa ma il punteggio non cambia.

fonte: realsports.it


Pubblicato il 27/10/2009 alle 22.51 nella rubrica 1a Div/A.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web