Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Ammissione ai campionati: deferiti Gallipoli, Crotone e in Lega Pro Figline, Rodengo Saiano, Igea Virtus Barcellona e Perugia - figc.it

http://www.figc.it/Assets/contentresources_2/ContenutoGenerico/45.$plit/C_2_ContenutoGenerico_2023_lstExtBoxes_itmBox0_upiExt.jpg

Ammissione ai campionati: deferiti 2 club di b e 4 della Lega Pro

Il Procuratore Federale, esaminati gli atti e valutate le risultanze dell’istruttoria espletata dalla Co.Vi.So.C., ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale due società di Serie B, Gallipoli e Crotone, e quattro della Lega Pro: Figline, Rodengo Saiano, Igea Virtus Barcellona e Perugia.

Mercoledì 5 agosto erano state deferite altre 8 società: Valdelsa Colligiana, Barletta, Legnano, Vibonese, Catanzaro, Pro Sesto, Alghero e Foggia.


La Federazione Italiana Giuoco Calcio comunica che il Procuratore Federale, esaminati gli atti e valutate le risultanze dell’istruttoria espletata dalla Co.Vi.So.C., ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale:
per la violazione di cui all’art. 8, comma 5, del C.G.S. in relazione al paragrafo IV, 1) dall’allegato A del C.U. 142/A del 28 maggio 2009 ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010:
• il Sig. BARBA Vincenzo, Amministratore Unico e Legale Rappresentante della società Gallipoli Calcio S.r.l.;
per non aver depositato presso la Lega competente, entro il termine del 26 giugno 2009, l’attestazione in ordine all’avvenuto pagamento degli emolumenti dovuti ad un tesserato, fino a marzo 2009 compreso;
per la violazione di cui all’art. 4, comma 1, del C.G.S.
• la società GALLIPOLI CALCIO S.r.l.;
a titolo di responsabilità diretta per le violazioni ascritte al proprio legale rappresentante.


La Federazione Italiana Giuoco Calcio comunica che il Procuratore Federale, esaminati gli atti e valutate le risultanze dell’istruttoria espletata dalla Co.Vi.So.C., ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale:
per la violazione di cui all’art. 8, comma 5, del C.G.S. in relazione al paragrafo V dell’allegato A del C.U. 142/A del 28 maggio 2009 in relazione al C.U. 152/A del 17 giugno 2009:
• il Sig. FERRARI Alessandro, Presidente e Legale Rappresentante della società A.C. Rodengo Saiano S.r.l.;
• il Sig. SPADA Mario, all’epoca dei fatti, Vice Presidente e Legale Rappresentante della società A.C. Rodengo Saiano S.r.l.;
• il Sig. PEZZOTTI Mario, all’epoca dei fatti, Vice Presidente e Legale Rappresentante della società A.C. Rodengo Saiano S.r.l.;
• il Sig. Frassi Massimo, Consigliere Delegato e Legale Rappresentante della società A.C. Rodengo Saiano S.r.l.;
per non aver depositato presso la Lega Italiana Calcio Professionistico, entro il termine del 30 giugno 2009, la fideiussione bancaria a prima richiesta dell’importo di Euro 100.000,00=;
per la violazione di cui all’art. 4, comma 1, del C.G.S.
• la società A.C. Rodengo Saiano S.r.l.;
a titolo di responsabilità diretta per le violazioni ascritte ai propri legali rappresentanti.


La Federazione Italiana Giuoco Calcio comunica che il Procuratore Federale, esaminati gli atti e valutate le risultanze dell’istruttoria espletata dalla Co.Vi.So.C., ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale:
per la violazione di cui all’art. 8, comma 5, del C.G.S. in relazione al paragrafo III, lett. B) – 4) dell’allegato A del C.U. 142/A del 28 maggio 2009:
• il Sig. Covarelli Leonardo, Amministratore Unico e Legale Rappresentante della società Perugia Calcio S.p.A.;
• il Sig. Scarpelloni Marco, Direttore Generale e Legale Rappresentante della società Perugia Calcio S.p.A.;
per non aver provveduto al pagamento delle ritenute IRPEF e dei contributi Enpals riguardanti gli emolumenti dovuti fino al mese di aprile 2009 compreso, entro il termine del 30 giugno 2009;
• il Sig. Covarelli Leonardo, Amministratore Unico e Legale Rappresentante della società Perugia Calcio S.p.A.;
• la Sig.ra Mattiaci Maria Luisa, Presidente del Collegio Sindacale, della società Perugia Calcio S.p.A.;
per aver sottoscritto la dichiarazione depositata presso la Co.Vi.So.c. in data 30 giugno 2009, attestante circostanze e dati contabili non veridici;
per la violazione di cui all’art. 4, comma 1, del C.G.S.
• la società Perugia Calcio S.p.A.;
a titolo di responsabilità diretta per le violazioni ascritte ai propri legali rappresentanti.


La Federazione Italiana Giuoco Calcio comunica che il Procuratore Federale, esaminati gli atti e valutate le risultanze dell’istruttoria espletata dalla Co.Vi.So.C., ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale:
per la violazione di cui all’art. 8, comma 5, del C.G.S., in relazione al paragrafo III, B) 5) dell’allegato A del C.U. 142/A del 28 maggio 2009:
• il Sig. FARRUGIO Bernardo, Presidente e Legale Rappresentante della società A.S.C. Figline S.r.l.;
• il Sig. FARRUGIO Maria Grazia, Vice Presidente e Legale Rappresentante della società A.S.C. Figline S.r.l.;
• il Sig. CASUCCI Vittorio, Amministratore Delegato e Legale Rappresentante della società A.S.C. Figline S.r.l.;
per non aver depositato, entro il termine del 30 giugno 2009, l’attestazione sottoscritta dal legale rappresentante e dal soggetto responsabile del controllo contabile o dal presidente del collegio sindacale, in ordine all’avvenuto pagamento del debito IRAP riferito al periodo d’imposta anno 2006
per la violazione di cui all’art. 4, comma 1, del C.G.S.
• la società A.S.C. Figline S.r.l.
a titolo di responsabilità diretta per le violazioni ascritte ai propri legali rappresentanti.


La Federazione Italiana Giuoco Calcio comunica che il Procuratore Federale, esaminati gli atti e valutate le risultanze dell’istruttoria espletata dalla Co.Vi.So.C., ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale:
per la violazione di cui all’art. 8, comma 5, del C.G.S. in relazione al paragrafo III, lett. B) 4) e 5) dall’allegato A del C.U. 142/A del 28 maggio 2009 ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010;
• Vrenna Giovanni, Vice Presidente, e Martucci Giancarlo Antonio, Amministra-tore Delegato, entrambi Legali Rappresen-tanti della società F.C. Crotone S.r.l.
per non aver depositato, entro il termine del 30 giugno 2009, l’attestazione sottoscritta dal legale rappresentante e dal responsabile del controllo contabile o dal presidente del collegio sindacale, in ordine al pagamento delle ritenute Irpef riguardanti gli emolumenti dovuti fino al mese di marzo 2009 compreso, e per non aver depositato, entro il medesimo termine del 30 giugno 2009, l’attestazione sottoscritta dal legale rappresen-tante e dal responsabile del controllo contabile o dal presidente del collegio sindacale, in ordine al pagamento del debito IRAP riferito al periodo d’imposta anno 2007;
per la violazione di cui all’art. 4, comma 1, del C.G.S.
• la società F.C. Crotone S.r.l.;
a titolo di responsabilità diretta per le violazioni ascritte ai propri legali rappresentanti.


La Federazione Italiana Giuoco Calcio comunica che il Procuratore Federale, esaminati gli atti e valutate le risultanze dell’istruttoria espletata dalla Co.Vi.So.C., ai fini dell’ammissione ai campionati professionistici 2009/2010, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale:
per la violazione di cui all’art. 8, comma 5, del C.G.S. in relazione al paragrafo V dell’allegato A del C.U. 142/A del 28 maggio 2009 in relazione al C.U. 152/A del 17 giugno 2009:
• il sig. DONATO Tommaso, all’epoca dei fatti, Amministratore Unico e Legale Rappresentante della Società F.C. Igea Virtus Barcellona S.r.l.;
• il sig. GRASSO Antonino, Procuratore Speciale e Legale Rappresentante della Società F.C. Igea Virtus Barcellona S.r.l.;
per non aver depositato presso la Lega Italiana Calcio Professionistico, entro il termine del 30 giugno 2009, la fideiussione bancaria a prima richiesta dell’importo di Euro 100.000,00=;
per la violazione di cui all’art. 4, comma 1, del C.G.S.
• la società F.C. Igea Virtus Barcellona S.r.l.;
a titolo di responsabilità diretta per le violazioni ascritte ai propri legali rappresentanti.


fonte: figc.it

Pubblicato il 6/8/2009 alle 21.1 nella rubrica Generiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web