Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Lega Pro: Si vince anche senza stipendi

fonte: gds

31/10/2008

Arezzo, Crotone, Pescara e Pro Patria stanno andando forte malgrado non paghino i giocatori.
I soldi non fanno la felicità. Ma i punti in classifica a quanto pare sì. I movimenti sul conto corrente non stanno infatti incidendo sui risultati in campo, visto che molte delle squadre ai vertici del campionato sono in ritardo nel pagamento regolare degli stipendi.

Prime ma in ritardo - Il problema parte dell´alto. Due delle tre squadre in testa alla Prima divisione, Pro Patria nel girone A e Arezzo nel girone B, finora hanno infatti pagato appena un mese di stipendio. Addirittura, tra i lombardi soltanto alcuni giocatori (non tutti) hanno incassato la paga di luglio. Il cambio di proprietà può aver rallentato le operazioni, ma intanto la squadra ha cominciato a dare i primi segni di insofferenza e c´è chi, come la stella argentina Correa, starebbe pensando di andarsene. L´Arezzo, invece, ha prima dovuto provvedere al saldo degli ultimi due mesi della stagione scorsa e poi ha versato anche luglio. Di certo, hanno inciso le vicende giudiziarie che hanno coinvolto il presidente Piero Mancini.

Pescara nel caos - Chi sta peggio è il Pescara, dove i giocatori non hanno ancora visto un centesimo. La squadra abruzzese domenica ha fatto il proprio dovere sul campo battendo il Gallipoli dopo una settimana di caos, tra sciopero dei giocatori e proteste dei tifosi contro la società. C´è infatti poca chiarezza sui nuovi proprietari umbri del club, che hanno invitato la squadra proprio in Umbria alla vigilia della partita con il Foligno di domenica: i giocatori, che ieri hanno incontrato l´Assocalciatori, hanno rifiutato; prima vogliono gli stipendi, e comunque lamentano il fatto di non avere un vero interlocutore in società. Ieri c´è stato un incontro tra la squadra e il nuovo presidente Lisi (e con l´intermediario Rizzuto). «Pagano», però, per ora è solo il nome dell´ex giocatore biancazzurro riportato nell´organigramma come responsabile dei rapporti con i tifosi.

Crotone in difficoltà - Il Crotone invece ha pagato soltanto un terzo del primo stipendio ed è in difficoltà. L´allarme è già stato lanciato dal presidente Gualtieri: «Il Crotone è in crisi, ci aspettiamo un aiuto». Il patron Vrenna è sotto inchiesta, le sue proprietà sono state bloccate e la situazione si ripercuote inevitabilmente sul club. Intanto però la squadra corre: tre vittorie consecutive e secondo posto in classifica. Ha pagato un mese ma è tutt´altro che drammatica la situazione del Gallipoli: questa è la prassi del presidente Barba, la cui solidità economica gli permette di saldare anche tre stipendi in una volta. Restando in Puglia, pure il Foggia avrebbe pagato soltanto luglio, ma intanto è quarto. Riassumendo: nel girone B, le prime quattro arrivano a malapena a tre mesi di stipendio pagati.

Il ricco nord - L´eccezione, al Sud, è il Benevento della famiglia Vigorito (quinto in classifica), che in estate ha investito parecchio sul mercato e che ora versa puntualmente lo stipendio. Da questo punto di vista, stanno benissimo le squadre al vertice del girone A, Pro Patria a parte. L´altra capolista Novara, le inseguitrici Cremonese e Padova, le matricole Spal e Lumezzane (quinta e sesta) hanno regolarmente saldato i primi tre mesi di stipendio. Sulla stessa strada virtuosa sono avviate Cesena e Reggiana al Nord e Cavese al Sud: luglio e agosto sono già in banca, settembre è in arrivo.

Il Perugia ha versato luglio e agosto: per gli umbri tutto secondo i piani, visto che c´è un accordo perché lo stipendio sia pagato ogni due mesi.

La Gazzetta dello Sport - Alex Frosio

[Foggiacalciomania.com - Gian Franco lo Muzio]

Pubblicato il 31/10/2008 alle 12.42 nella rubrica Generiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web