Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Arezzo, I ragazzi della Fossa si dedicano al sociale

fonte: amarantomagazine.it
 

Scritto da: Andrea Avato, sabato 25 ottobre 2008
Visto: 184 volte.

Image
il bandierone della Fossa in curva
Pubblico volentieri questo comunicato arrivato in redazione. Come leggerete, ad Arezzo sta nascendo un'associazione culturale e ricreativa nella zona di Saione, piuttosto chiacchierata negli ultimi tempi per i vari problemi che la tormentano. A promuovere l'iniziativa sono i ragazzi che fanno parte del gruppo Fossa 1991, uno dei più assisui nel seguire le vicende amaranto direttamente dalla curva Minghelli. La sede del gruppo e dell'associazione sarà la stessa, in via Mincio, anche se è giusto sottolineare che la nuova "creatura" vivrà di vita propria, con un tesseramento e assemblee dei soci, e svolgerà le sue iniziative nel totale rispetto della legalità e della trasparenza. Per quanto mi riguarda, rivolgo i complimenti più sinceri a chi si è preso la briga di muoversi in questa direzione.

Con il presente comunichiamo che ad Arezzo nasce l' Associazione culturale e ricreativa "Dai Sobborghi".
L' associazione ha come principali scopi quelli di promuovere ed incoraggiare la cultura musicale, di promuovere manifestazioni ludico-sportive, di promuovere dibattiti, cineforum e momenti di aggregazione presso la propria sede, di organizzare eventi e progetti di solidarietà, di collaborare con altre associazioni, comitati e altri enti presenti nel territorio.
Questo, in un quartiere sempre più considerato degradato e dormitorio, dove gli spazi di ritrovo per le persone si sono ridotti al minimo. Parliamo del quartiere di Saione, la nostra sede è infatti in via Mincio 33.
Crediamo nelle enormi potenzialità sociali e aggregative rappresentate dalle varie culture musicali giovanili, purtroppo relegate ai margini dai circuiti cosiddetti "mainstream" e nelle manifestazioni sportive come creatrici di legami di solidarietà e fratellanza.
E' per questo motivo che, dopo circa un anno di attività del tutto informali, abbiamo deciso di creare l' associazione, per portare avanti le nostre passioni e continuare ad aggregare persone che si riconoscono in questo modo di vivere la società.
Chiunque fosse interessato a saperne di più, o a partecipare alle iniziative che stiamo già mettendo in campo, può passare a trovarci presso la nostra sede di via Mincio 33 (aperta tutte le sere, vicino ai giardini di via Arno), o scriverci all' indirizzo e-mail associazionedaisobborghi@gmail.comIndirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

I soci fondatori dell' associazione "Dai Sobborghi"


L'Arezzo visto dal sito web del Foligno

Scritto da: Andrea Avato, sabato 25 ottobre 2008
Visto: 166 volte.

Image
Matteo Cavagna, 24 anni
Sul sito web del Foligno c'è un'interessante analisi tecnica dell'Arezzo. Alla vigilia della partita di campionato contro gli amaranto, il club biancazzurro ha presentato la squadra di Cari, ricostruendo i pregi e i difetti emersi in queste prime otto partite della stagione. C'è da riconoscere che la voce ufficiale della società umbra non ha lesinato complimenti all'Arezzo, mettendone in evidenza le qualità tecniche e caratteriali venute a galla di recente. Ecco il testo dell'articolo.

I Falchetti affrontano domenica l’Arezzo. Gli amaranto guidano la classifica del girone e si confermano come la squadra più accreditata alla vittoria finale. L’Arezzo vanta una rosa di primissimo ordine composta da individualità di assoluto valore e guidata da un tecnico come Marco Cari che conosce benissimo la categoria. I toscani hanno cambiato poco rispetto allo scorso anno e il valore aggiunto sembra essere proprio la mano dell’allenatore laziale ex Perugia e Taranto. Cari ha ricreato un gruppo e lo sta facendo rendere al massimo rispolverando quel carattere che gli amaranto avevano perduto. Il suo 4-4-2 viene esaltato da una manovra fluida che ha portato la squadra saldamente in vetta alla classifica. L’Arezzo visto fin qui, dunque, è una squadra che impone il proprio gioco e sfrutta il momento magico dei vari solisti. Grillo e Bricca offrono sicurezza, Fanucci e Terra sono due centrali di categoria superiore così come si fa apprezzare Beati, puntuale in cabina di regia, ed il brasiliano Bondi, davvero un altro giocatore rispetto a quello dello scorso anno. Davanti Chianese, Baclet e Martinetti sono tre implacabili bocche da fuoco che puntualmente finalizzano il lavoro dei compagni. Gli amaranto sono temibili anche sui calci piazzati con i due centrali che salgono rendendo la vita difficile alle difese avversarie. Una squadra che sta attraversando un momento straordinario di forma e che i Falchetti cercheranno di mettere in difficoltà affrontandola con cuore e carattere. Foligno ed Arezzo si sono incontrate solo negli anni Trenta e Quaranta in serie C e l’ultima volta nella stagione 1958/59 in IV serie. Gli ex della gara sono Matteo Cavagna e il bomber Juan Martin Turchi.


Amaranto primi, vincenti e spettacolari

Scritto da: Andrea Avato, sabato 25 ottobre 2008
Visto: 264 volte.

Image
la Minghelli nell'ultima gara casalinga
Considerato che: la squadra va a gonfie vele e macina risultati su risultati, in casa e fuori; si trova al primo posto della classifica praticamente dall'inizio, salvo un breve periodo di break; le vittorie non sono figlie di un atteggiamento cinico e sparagnino, con un golletto messo a segno e poi difeso con le barricate; la filosofia di Cari è quella di attaccare e giocare a viso aperto, anche a costo di subire qualche rischio più del dovuto; il reparto d'attacco amaranto è il migliore del girone, della Lega Pro e di tutti i tornei professionistici italiani; Chianese e Baclet la stanno buttando dentro con una frequenza incredibile; l'Arezzo propone un calcio divertente, semplice ed efficace; dopo la partita col Foligno ci saranno due trasferte di fila e al Comunale si tornerà soltanto il 16 novembre; le biglietterie sono aperte da mercoledì e ormai tutti sanno che è meglio premunirsi per tempo; le previsioni meteo danno per domenica bel tempo, temperature miti e cielo soleggiato; stanotte le lancette dell'orologio andranno spostate indietro di un'ora e si dormirà un po' di più; non risultano in programma comunioni e battesimi; non è stagione per pic nic e gite fuori porta. Considerato tutto ciò, la domanda è: l'avrà capito la gente che domani bisogna andare allo stadio oppure no?


Cari:"Dobbiamo fare risultato!"

Scritto da: Matteo Marzotti, sabato 25 ottobre 2008
Visto: 174 volte.

Image
Il Mister ha elogiato i suoi ragazzi
Durante questa settimana lo staff amaranto si è dovuto prodigare più del solito per porre rimedio agli acciacchi che la trasferta sul sintetico di Gallipoli aveva lasciato ad alcuni giocatori; ieri lo stesso Bondi aveva sottolineato che martedì, alla ripresa degli allenamenti, aveva avvertito un fastidio alla schiena dovuto proprio al particolare terreno di gioco. Quest’oggi Marco Cari ha spazzato via ogni preoccupazione riguardo le condizioni fisiche degli amaranto.
Attualmente quali sono le condizioni fisiche della squadra?
“La squadra fisicamente è apposto, in settimana abbiamo svolto un lavoro specifico per recuperare e smaltire i problemi che si erano presentati all’indomani della partita con i giallorossi. Siamo in una condizione ottimale, senza dimenticare che le ultime prestazioni hanno messa in evidenza la crescita di gruppo.”
Si sente fiducioso per la partita di domani?
“Sono convinto che possiamo fare bene visto che siamo quasi al top della condizione. Da adesso in poi dobbiamo sperare di non avere ulteriori infortuni che potrebbero danneggiarci.”
Domani l’unico assente sarà Matute?
“Al momento è l’unico indisponibile. Ovviamente Togni non è al meglio, infatti nella prossima settimana svolgerà un lavoro specifico per recuperare al più presto la condizione fisica ottimale.”
Come giudica il prossimo avversario dell’Arezzo?
“Sono molto forti fisicamente, soprattutto in difesa dove possono contare su giocatori molto energici e aggressivi. Come ho detto ai ragazzi in settimana non dobbiamo innervosirci, ma restare lucidi visto che avremo 90’ per cercare di fare risultato.”
Dopo il Foligno, gli amaranto saranno impegnati in due trasferte consecutive.
“Non dobbiamo pensare a ciò che ci aspetta dopo questa partita: adesso c’è solo il Foligno in testa. L’unica cosa importante è fare risultato domani altrimenti il punto di Gallipoli non avrebbe importanza.”
Ultimamente ha avuto modo di sentire il Presidente?
“Ci sentiamo spesso, d’altronde è il nostro primo tifoso. Anche se ha deciso di non venire più allo stadio tiene molto alla squadra e mi chiede spesso come si comportano i ragazzi.”
E lei cosa si sente di dire sui suoi ragazzi?
“Hanno formato un gruppo fantastico, dove c’è allegria, c’è voglia di fare qualcosa di importante, ma soprattutto hanno instaurato un rapporto molto forte tra di loro che li porta a passare molto tempo assieme anche fuori dal terreno di gioco. D’altronde il gruppo è alla base di tutto.”

Pubblicato il 25/10/2008 alle 19.6 nella rubrica Arezzo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web