Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Grande impresa del Perugia che in dieci espugna meritatamente il "Liberati"

fonte: ac-perugia.com



Una vittoria di inestimabile valore nella partita più sentita, raggiunta e difesa meritatamente addirittura in inferiorità numerica, al termine di un derby che potrebbe rappresentare la vera svolta di questo tribolato inizio di campionato dei grifoni. Una squadra che ha giocato come si deve giocare in questa categoria, tanto per citare una parola cara al tecnico Maurizio Sarri che, con grande meticolosità e bravura, sta cominciando a cambiare i connotati di questa squadra, partita con i favori del pronostico all’inizio del torneo e trovatasi in un battibaleno al penultimo posto della classifica dopo ben tre cambi di allenatore. A Terni la squadra, orfana dei suoi tifosi, ha giocato un buonissimo primo terzo di gara, rimanendo finalmente corta con un centrocampo rinforzato dai due esterni, pronti a ribaltare velocemente l’azione. Un piccolo calo nel quarto d’ora finale del primo tempo dove però il tanto criticato, a torto, Max Benassi, ha dimostrato ancora una volta le sue grandi qualità con una superparata e soprattutto l’affrettata, anche se ingenua, espulsione di De Giorgio, avevano illuso la formazione di Giorgini, punita giustamente da un’invenzione di Aniello Cutolo ad inizio ripresa. A quel punto nessuno si è accorto che il Perugia fosse in dieci perché i ragazzi sacrificandosi fino al limite delle loro forze hanno continuato a raddoppiare e a sacrificarsi senza mai subire seri pericoli dalla frastornata squadra rossoverde, andando addirittura vicino alla seconda rete in un paio di circostanze e regalando alle migliaia di tifosi, forzatamente incollati davanti ai teleschermi, una gioia indescrivibile. Adesso che il Perugia è tornato sulla parte sinistra della classifica, anche se i play-out restano solo un punto dietro, bisognerà proseguire su questa strada, partita per partita, senza  pensare per il momento che i play-off non sono poi così distanti. Per riuscirvi sarà importante anche evitare critiche gratuite nei confronti di un tecnico intelligente e competente come Sarri, critiche piovutegli addosso sia per il pari con la Juve Stabia sia, soprattutto, per le sue giuste, a nostro modo di vedere, teorie sull’accettazione della categoria da parte dell’ambiente. Ripetere a due anni di distanza il grossolano errore di valutazione fatto con il tecnico di allora sarebbe veramente imperdonabile. Danilo Tedeschini

Pubblicato il 21/10/2008 alle 22.15 nella rubrica Perugia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web