Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Marcianise: Il giallo dell’addio di Bizzarro

fonte: ultraskorpions.it

mercoled? 22 ottobre 2008

bizzarro2.jpgIl patron del club gialloverde: «Niente dichiarazioni, spiegherò tutto in un comunicato stampa»

Fonte: Il Mattino

Il Real Marcianise è con il fiato sospeso. La presunta volontà del patron Salvatore Bizzarro di lasciare la società ha messo in fibrillazione squadra e tifosi. Ma in pochi sono pronti a scommettere che l’imprenditore lasci davvero il calcio e il suo gioiello, portato in pochi anni dalla serie D alla Prima Divisione, l’ex C1, traguardo mai raggiunto dal calcio marcianisano. Dal canto suo Bizzarro prende tempo affidando il proprio pensiero a un comunicato stampa annunciato inizialmente per il pomeriggio di ieri e poi rinviato a oggi. «Non parlo, spiegherò tutto in un comunicato», dice laconicamente il patron all’indomani della cocente sconfitta di Lanciano, maturata nei nove minuti iniziali del match con gli abruzzesi a bersaglio addirittura tre volte. E sarebbe soprattutto l’amarezza della sconfitta a dettare lo stato d’animo di Bizzarro. Ma chi gli è vicino riferisce anche di alcuni commenti comparsi sul sito dei tifosi e relativi in particolare al mercato che avrebbero lasciato l’amaro in bocca al dirigente gialloverde, che così ha mandato un messaggio chiaro alla città. Sapendo che difficilmente si troveranno interlocutori pronti a rilevare la società. Bizzarro e il Marcianise, chiamato Real proprio con l’avvento del nuovo corso (sono cambiati anche i colori sociali: dal bianco e azzurro si è passati al giallo, rosso e verde, i colori della città), sono un’entità unica. E di questo il dirigente non ha mai fatto mistero. Non è un caso, infatti, vedere il patron, con trascorsi da calciatore dilettante, sulla panchina gialloverde. Quest’anno, complice la squalifica ereditata dalla scorsa stagione, si è seduto al fianco di Fusi soltanto in occasione del match interno disputato al Pinto contro il Foligno, finito con un pareggio senza reti, e domenica a Lanciano. Spesso lo si è visto parlare con il tecnico e dare anche indicazioni ai calciatori, cosa che in C2, al Progreditur, ha fatto da bordo campo pure con Boccolini e Vullo, i tecnici di due storiche promozioni (il primo esonerato nella stagione successiva al salto in C2, l’altro non confermato la scorsa estate dopo aver rilevato il posto di Giacomarro e conquistato la C1 ai play off) che hanno dato lustro alla città e al calcio cittadino, mai così in alto. Insomma, Bizzarro dovrebbe restare. Così come il padre Floridante, il presidente della società. Dell’attuale situazione, anche tecnica, se ne è discusso pure ieri. Certo, le assenze per infortuni (in primis quella pesante dell’attaccante Poziello) e squalifiche, che nelle ultime settimane hanno condizionato il lavoro di Fusi, hanno recitato un ruolo decisivo ma l’attenzione è stata posta anche sul modulo di gioco. Il 4-3-3, modulo prediletto da Fusi, comincia a destare qualche preoccupazione anche per le lacune palesate finora a centrocampo, il settore spesso finito sotto accusa, che poi finiscono con il ripercuotersi sulla lucidità della difesa. A regalare uno spiraglio di ottimismo il livello del campionato, finora abbastanza equilibrato. La salvezza, a condizione che si ritrovino la serenità e la continuità nei risultati, non è un’impresa impossibile. Ma per questo, la società conta di tornare quanto prima sul proprio campo non appena termineranno i lavori al Progreditur

Il Marcianise torna a lavoro

marted? 21 ottobre 2008
foto_filosa_1_piano.jpgE' ripresa questa mattina la preparazione del Real Marcianise. Il tecnico fa la conta degli infortunati. Poziello è out da tempo, Piscitelli migliora ma non è ancora al meglio.
 
Fonte: Armando Serpe - Casertasport.it
Domenica contro il Foggia non ci sarà neppure Liberato Filosa uscito al 25' del primo tempo nel match di Lanciano. Per il difensore centrale una forte contusione alla caviglia ma nessuna frattura. Al momento è a Parma in un centro medico per accellerare la guarigione. Da verificare le condizioni di Porpora che potrebbe scendere in campo dal primo minuto contro i pugliesi. La partita si giocherà al Pinto di Caserta vista l'indisponibilità del Progreditur.

Bizzarro lascia il Real

marted? 21 ottobre 2008

bizzarro2_thumb.jpgBizzarro “per motivi personali lascio la società, ho dato anche troppo”

Lanciano . Se uno shok sono state le reti in dieci minuti per  i gialloverdi, altrettanto clamore suscitano le parole del presidente  del Real Marcianise Salvatore Bizzarro che con tanta amarezza esordisce “Per motivi personali io e mio padre (Massimi dirigenti del sodalizio, ndr), siamo costretti a lasciare la società. Dunque invitiamo chiunque sia interessato a rilevarla a farsi avanti, sarà ben accolto. Se nessuno invece sarà disposto  subentrare al nostro posto, saremo costretti a lasciare il sodalizio al Commissariato piuttosto  al nuovo sindaco che verrà. Mi spiace tanto per i tifosi che ci hanno sempre sostenuto,  - ha poi proseguito il patron gialloverde -  ma pur a malincuore insieme a mio padre abbiamo presa questa decisione , che va al di la delle sorti della squadra in campionato e  di qualsiasi altro motivo e tengo a ripetere  è dovuta solo a motivi di natura personale. Per quanto mi riguarda abbiamo dato anche troppo, e riteniamo quindi di dovere allontanarci dal mondo del calcio , un mondo dove c’è troppa confusione  a mio parere. Dove non si fa altro che cercare di distruggere il prossimo. Piuttosto di parlare dei problemi reali si cerca soltanto di criticare. Le  critiche se costruttive , sono ben accette ma se sono soltanto frutto di strumentalizzazione non vanno prese nemmeno in considerazione secondo me.   Il presidente si riferisce poi anche ad alcune esperienze personali: Come per esempio posso apportare le mie parole che in diversi casi ritengo siano state oggetto di strumentalizzazione, a danno ovviamente della società e squadra che invece mi risulta  abbia sempre dato il massimo . Siamo riusciti ad arrivare in Prima Divisione con tanto lavoro e sacrificio e nonostante ciò le critiche nei nostri riguardi non sono mai mancate, e questa è una realtà che non mi piace. Per questo motivo annuncio che questa sarà la mia ultima intervista che rilascerò a qualsiasi organo di stampa”.  Parole forti dunque quella del presidente Bizzarro che prima di passare il testimone  vuole dunque togliersi quanto aveva tenuto dentro di se fin’ora. Dunque uno sfogo, forse l’ultimo questo del patron gialloverde, a  sottolineare il malumore  e il malcontento del massimo dirigente che nel 2004 rilevò la società del Marcianise  sino a condurla in questo campionato di Prima Divisione. Una strada lunga questa  del Real  di Bizzarro che con molta probabilità dunque si avvia al capolinea. Una pagina troppo pesante per la storia calcistica casertana da riuscire ad essere voltata in poco tempo per lasciare spazio ad un’altra  da dover  riempire con l’incertezza che seguirebbe la rinuncia del presidente . Eccezione fatta per ripensamenti dello stesso Bizzarro, come molti si auspicano, ove mai alcuno si facesse avanti infatti, il  destino della compagine gialloverde sarebbe a dir poco incerto.

 

Fonte  - Corriere di Caserta

Pubblicato il 21/10/2008 alle 21.37 nella rubrica Marcianise.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web