Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

La Spal dirà la sua pure a Lumezzane

fonte: spallinati.forumfree.net

La Nuova Ferrara

L’ex Centi si dice fiducioso per la trasferta. Tante scelte per l’attacco. Rientra Bianchi

FERRARA. Procede senza intoppi la preparazione in casa Spal verso la seconda trasferta consecutiva, che domani vedrà impegnata la squadra a Lumezzane. Seduta tecnico-tattica, ieri pomeriggio, col gruppo quasi al completo e impegnato soprattutto nelle situazioni di gioco derivanti da palla inattiva. All’allenamento ha preso parte, dopo settimane di lavoro differenziato, anche Mauro Bianchi.
Il terzino, dunque, sembra avviato sulla via del recupero dalla fastidiosissima infiammazione al tendine della caviglia destra che lo ha costretto a saltare le ultime quattro gare di campionato. E dovrebbe tornare a piena disposizione di mister Dolcetti per il prossimo turno che vedrà la Spal impegnata al “Paolo Mazza” contro il Portogruaro tra otto giorni. In ripresa anche Gottardi, mentre, a meno di intoppi, la prossima settimana dovrebbe essere pure quella del ritorno in gruppo di Marco Moro, dopo il periodo di cure al ginocchio presso la struttura Isokinetik di Bologna.
L’UNDICI. Ancora carte coperte, da parte del tecnico biancazzurro, per quanto riguarda l’undici che affronterà i rossoblù lombardi domani pomeriggio sul campo del nuovo stadio comunale di Lumezzane. Dolcetti sembra infatti indirizzato a confermare la squadra che ha battuto - e dominato - domenica scorsa la Reggiana nel derby, anche se le buone condizioni di diversi elementi potrebbero spingere il trainer spallino ad una scelta dellultimo minuto. Le buone prestazioni di Agodirin, titolare a sorpresa a Reggio, Martucci e Quintavalla, subentrati a partita in corso e coprotagonisti del raddoppio con, rispettivamente, assist decisivo e rete del 2-0, nonché La Grotteria, rientrato con un gol in Coppa con la Giacomense mercoledì sera, portano ad una grande varietà di scelta per quanto concerne il reparto offensivo. Questa mattina, al Centro di via Copparo, la rifinitura e la partenza per Lumezzane.
L’ALTRO EX. Dopo Pozzi e Schena, a livello dirigenziale, oltre a Quintavalla, nell’organico biancazzurro cè anche un altro giocatore che ha vestito la casacca del Lumezzane, prossimo avversario della Spal. Si tratta di capitan Luis Fernando Centi. Il centrocampista savonese, ma di origini colombiane, è stato fra i protagonisti del Lumezzane di Giancarlo D’Astoli dal 2002 al 2004. Un ricordo agrodolce, quello di Centi: «Furono due belle annate, macchiate però da un finale che ancora oggi lascia lamaro in bocca - spiega -; la storia della finale con il Cesena, purtroppo, è nota ormai a tutti e credo che quella sfida ha negato al Lumezzane ed ai tanti giovani che ne facevano parte di poter prendere il volo e magari diventare quello che oggi è l’Albinoleffe. Io poi, a differenza di molti, fui fortunato perché riuscii a fare comunque il salto in avanti (al Treviso, in serie B; ndr), però altri miei compagni non ebbero la stessa occasione. Ora nella società lombarda è cambiato tutto, non è rimasto nessuno di quel biennio».
Per la Spal non sarà una gara semplice quella di domani: «Come non lo sarà per i nostri avversari - dice ancora il capitano -; sappiamo quali sono le difficoltà che ci aspettano: i rossoblù giocano un calcio dinamico, sanno difendere bene e gestire la palla. Ma se noi entreremo in campo come fatto sino ad ora in tutte le gare sin qui disputate, sapremo dire la nostra, sperando di poter sfruttare magari gli episodi favorevoli. Abbiamo visto come sino ad ora, anche una deviazione in gare tirate ed equilibrate, può fare la differenza».
Centi è anche un ex della capolista Pro Patria, la rivelazione del campionato: «Conosco l’ambiente, c’è entusiasmo e la squadra è ben costruita, quindi non c’è da sorprendersi. Inoltre, i loro attaccanti stanno trovando la via del gol con grande facilità e questo aiuta. Vedremo cosa faranno nella difficile gara contro la Cremonese».
Infine, un pensiero sugli applausi e il coro ricevuto dai tifosi alla fine del derby: «È stato emozionante e riempie di orgoglio indossare questa fascia. La vicinanza dei tifosi è importante e questo ci aiuta oggi e ci aiuterà andando avanti nel nostro cammino».
L’ARBITRO. La partita di Lumezzane sarà arbitrata da Sguizzato dell’Aia di Verona.


SPALLINATI

Pozzi e Zamboni sotto i riflettori
FERRARA. Che il rapporto fra nuova società, squadra e pubblico fosse nato sin dall’estate sotto una luce di entusiasmo ed intesa speciale mai vi sono stati dubbi. Entusiasmo dei bei tempi al “Mazza” ed in trasferta, vicinanza e chiarezza nei rapporti, feeling naturale e destinato a solidificarsi nel tempo. Nell’ultima settimana ulteriore segnale del bel rapporto fra Spal e tifosi arriva dalla community web Spallinati, fulcro on line della realtà biancazzurra in ogni sua sfaccettatura. Prima Bortolo Pozzi poi, negli ultimi giorni, Marco Zamboni, hanno infatti rilasciato due interviste esclusive per tutta la comunità spallinata al giornalista di Rai Sport (e Spallinato doc) Enrico Testa.
Il dg biancazzurro si è soffermato sull’attualità a 360º in casa Spal, commentando positivamente il momento felice della squadra, la trasferta di Lumezzane ed elogiando a più riprese l’ottimo lavoro svolto da Dolcetti. Pozzi, inoltre, si è soffermato su alcuni progetti futuri riguardanti alcuni lavori di miglioramento al Centro di via Copparo e l’ulteriore allargamento del vivaio.
«Deve diventare una struttura come hanno i club importanti e nemmeno tutti in serie A. Eppoi già dall’anno prossimo vorremmo aumentare le squadre giovanili, vorremmo portare dentro anche i bambini piccoli. Senza contare che in estate ci piacerebbe fare stage in tutta la provincia e fuori, anche in montagna, per reclutare nuovi spallini da far crescere qui», spiega Pozzi.
Giovedì è stato il turno di Zamboni, colosso della difesa spallina, entusiasta e motivato dopo i primi mesi in biancazzurro: «Questo è un gruppo giovane, nuovo, che va stimolato ma ha valori importanti. Un gruppo che può crescere ancora e potrà solo migliorare». Le interviste sono sul sito http://spallinati.forumfree.net.


Oggi la Berretti ospita la Reggiana a Porotto
FERRARA. Fine settimana ricco di appuntamenti per le giovanili della Spal. Oggi alle 15 il programma viene aperto dalla Berretti di Beppe Brescia, che a Porotto ospita la Reggiana, la quale ha raccolto un solo punto nelle due gare disputate, contro i quattro dei biancazzurri, alcuni dei quali mercoledì hanno giocato in prima squadra. Alle 15.30 gli Esordienti ’97 rendono visita al Tresigallo, mentre alle 16 nel Centro di via Copparo c’è l’esordio dei Giovanissimi professionisti fascia “B”, che affrontano il Modena. Relativamente a questo campionato va fatta una precisazione, visto che non si tratta di Giovanissimi, bensì degli Esordienti ’96 che per il regolamento del Settore giovanile e scolastico non potrebbero giocare a 11 giocatori, bensì a 9. Per ovviare a questa imposizione diverse società professionistiche della regione hanno deciso di tramutare il campionato in Giovanissimi fascia “B”.
Domattina completano il panorama le squadre Allievi e Giovanissimi. Le prime giocano alle 10.30, i nazionali rendono visita al Mantova, i professionisti regionali sono invece a Parma, dopo aver perso 1-0 a Castel San Pietro nel turno infrasettimanale. Alle 11 tocca ai Giovanissimi, anche per i nazionali c’è la sfida con il Parma, ma al Centro. Per finire, i professionisti regionali ricevono il Rimini a Coronella.



DAL SITO SPAL
Intervista a Quintavalla
http://www.spal1907.net/intervista.php

Pubblicato il 11/10/2008 alle 12.39 nella rubrica Spal.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web