Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Arezzo: La squadra va sotto e poi fa la grande

fonte: gds

06/10/2008

Baclet, Terra e Bondi travolgono il Lanciano illuso da Oshadogan.

Arezzo concreto, come si conviene a una capolista, nell´approfittare degli errori del Lanciano e delle sviste dell´arbitro Ruini, contestatissimo dai tifosi abruzzesi. La svolta della gara al 32´ con il rosso al portiere Bordeanu che ferma Chianese lanciato a rete: il Lanciano era in vantaggio grazie ad una perfetta deviazione di testa di Oshadogan, bravo ad anticipare Terra. Non solo, sembrava proprio una giornata sì anche per l´errore di Chianese che calciava fuori un rigore (discutibile fallo di mano di Mammarella che portava all´espulsione del tecnico di casa per proteste).

Sinfonia toscana - Quando per l´Arezzo la gara appariva stregata, ecco arrivare il gol del pareggio quasi allo scadere della prima frazione di gioco. L´arbitro prima nega un angolo agli ospiti, poi lo concede. Batte Doga e Baclet di testa gela i tifosi del Lanciano, con una perfetta girata, centrando la sinistra di Aridità, che nel frattempo aveva preso il posto di Morante. Proprio la sostituzione dell´attaccante ha dato forza alla squadra di Cari, che nella ripresa trova spazio e tempi giusti per confezionare una vittoria sostanzialmente meritata.

Ripartenza vincente - Il sorpasso arriva dopo che Alfageme spreca una favorevole occasione, l´Arezzo riparte veloce e conquista una punizione sulla trequarti di campo che Croce confeziona in assist vincente per la testa di Terra. Passano pochi minuti ed è ancora gol per l´Arezzo con Cavagna che libera in area Bondi, abile a sorprendere Aridità. A questo punto gli ospiti amministrano con facilità il risultato, anche se il Lanciano va vicino alla rete al 40´ con Bolic che colpisce la parte alta della traversa e al 46´ con Turchi che vince un rimpallo e impegna severamente Marconato.

La Gazzetta dello Sport - Fiorenzo Carlini

[Foggiacalciomania.com - Gian Franco lo Muzio]

Pubblicato il 6/10/2008 alle 11.30 nella rubrica Arezzo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web