Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

A Taranto il Pescara conquista un punto meritato

fonte: forzapescara.com

Una boccata d'ossigeno per una classifica che poteva diventare oltremodo asfittica, condita da una prestazione convincente in una situazione tutt'altro che serena, questa in sintesi la trasferta di Taranto.
Un punto meritato, il primo della stagione lontano da Vasto.
I biancazzurri provano a tapparsi le orecchie, lasciando per un paio d'ore i pensieri assillanti della possibile cessione del club, i lrisultato è soddifacente.
Galderisi opta per un 4-2-3-1 di stampo "lerdiano" e la sensazione è che giri tutto un po' meglio.
Il regista(Cardinale), il mediano(Pisciotta), il rifinitore(Verratti), le due ali (Felci e Zeytulaev) pronte a sostenere la boa Simon. Nulla di trascendentale, ma tutto molto, molto lineare. Ne viene fuori un Pescara autoriatrio che, nel primo tempo, conduce per lunghi tratti il match.
Cardinale amministra un'infinità di palloni, Pisciotta fa buon filtro, Zeytulaev e Felci fanno gran movimento e Verratti prova ad accendere la luce. Il Taranto non è mai pericoloso e Dionigi appare troppo isolato.
Al 32' Verratti pigia il dito sull'interruttore e decide di accendere la luce: splendida verticalizzazione per Felci che taglia al centro e si trova da solo davanti all'estremo pugliese, il tocco dell'ex giuliese è preciso per il meritato vantaggio biancazzurro.
Il Taranto ha una reazione nervosa, ma nulla di concreto.
Delli Santi in chiusura di tempo deve far a meno di Cazzola ed inserisce la seconda punta Marolda.
La ripresa vede la formazione di casa, più intraprendente e determinata.
Prima è Paolucci con un bolide da 30 metri a scaldare le mani ad Indiveri.
Al 52' il portiere biancazzurro è costretto a raccogliere la sfera in fondo al sacco. Calcio di punizione dalla trequarti in area di Pastore, sbuca Dionigi che di testa incorna in rete.
Passano tre minuti ed il Pescara rischia di capitolare ancora su un'azione fotocopia, questa volta però, Migliaccio spedisce alto.
Subita la sfuriata dei rossoblu, i biancazzurri si ricompattano.
Galderisi butta nella mischia De Sousa e Stella per Felci e Verratti.
Al 75'annullato un goal a Zeytulaev per un tocco di mano poco prima di calciare a rete. L'episodio è alquanto dubbio.
La gara si trascina stancamente verso un finale scritto, anche se al secondo minuto di recupero un lunghissimo brivido percorre la schiena di Indiveri. Cazzola si invola sulla destra e serve al centro un assist al bacio per Dionigi che di testa gira di un pelo a lato.

 

05 10 2008 alle 19:29:08 da Donato Giampietro


Cessione Pescara: lunedì potrebbe essere il giorno buono


Siamo alle strette. L'affare potrebbe essere ratificato nella giornata di lunedì, anche se la situazione non è poi così fluida.
Si perchè di mezzo ci sono fidejussioni bancarie firmate G.Soglia, anche e soprattutto per la rateizzazione del debito Iva.
Le volontà delle parti, comunque, sembrano collimare e sono quelle che potrebbero fare la differenza per accelerare le operazioni di passaggio.
Passaggio che dovrebbe essere parziale e non totale.
Chi sono gli acquirenti?
Al momento non è ancora semplice rispondere.
Valentino Rizzuto si è tirato fuori affermando di essere soltanto un intermediario, anche se c'è da credere che l'ex presidente del Città di Castello possa rivestire un ruolo, magari di consulente.
Stesso discorso per Domenico De Luca, resta Francesco Ghini.
Dell'imprenditore perugino abbiam parlato nelle news precedenti. Figlio di Spartaco Ghini ex Presidente del Perugia degli anni 80, potrebbe rappresentare il capofila di quella che a questo punto va profilandosi come una "esigua cordata".
Il nome di Francesco Ghini, questo c'è da dirlo è stato quasi sempre accostato a quello della famiglia Gaucci.
A dimostrazione di ciò c'è il fatto che l'imprenditore umbro aveva dato la propria disponibilità ad Alessandro Gaucci per tentativo in extremis di salvare il Perugia dal fallimento.
Per quanto riguarda i quadri tecnici e dirigenziali ci sarebbe l'intenzione del nuovo gruppo di affidare ruoli chiave ad ex bandiere del Pescara. Indiscrezioni parlano di un contatto anche con Giovanni Galeone(non per la panchina).
SQUADRA A TARANTO- I biancazzurri sono arrivati nel pomeriggio in Puglia. Galderisi deve fare a meno di Romito, Giuliano, Bazzani e Di Vicino.
Il difensore centrale è stato operato al menisco con contestuale "pulitura" del ginocchio. Lo stop potrebbe superare i due mesi. Il bomber bolognese continua il ciclo terapico all'Isokinetic e potrebbe tornare a Pescara la prossima settimana.
Di Vicino per gravi problemi famigliari non è stato convocato.
Il "Nanu" rispolvera Marco Verratti che con ogni probabilità partirà a ridosso dell'unica punta Simon. Sugli esterni Felci e Zeytulaev, mentre Cardinale opererà da regista. Camorani sostituirà Giuliano come terzino destro.
 

04 10 2008 alle 19:32:34 da Donato Giampietro


Pubblicato il 5/10/2008 alle 21.54 nella rubrica Pescara.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web