Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Galipoli-Paganese 3-1

fonte: tuttalac.it

 

GALLIPOLI (3-5-2): Rossi 6,5; Bonatti 7 ( 15’ st Carretta sv) Molinari 6 ( 11’ pt Marzeglia 6 ( 37’ pt Savino 6)); Vastola 7 Russo 5,5 Esposito 7 Mounard 6,5 Suriano 6,5; Di Gennaro 6 Ginestra 7. A disp.: Marcandalli, Cini, Riccardo, Zampa. All.: Giannini 7.

PAGANESE (3-4-2-1): Castelli 6; Chiavaro 5,5 Taccola 6 De Giosa 5,5; Imparato 5,5 Caracciolo 5,5 ( 23’ st Iraci sv) Berardi 5 Ingrosso 5,5 ( 38’ pt Lasagna 6); Esposito 5,5 Bacchi 6 ( 1’ st Stentardo 6); Di Cosimo 5,5. A disp.: Melillo, Costanzo, Bombarda, Capodoglio. All.: Capuano 5,5.

ARBITRO: Lupo di Matera 7.

MARCATORI: 19’ pt Mounard (G), 45’ pt e 48’ st Ginestra (G), 39’ st Taccola (P).

NOTE: Spettatori 1800 circa con un centinaio di ospiti, incasso non comunicato. Espulsi: 36’ st Capuano per proteste. Ammoniti: Bonatti, Caracciolo, Espostio, Stentardo. Angoli: 4-3 per il Gallipoli. Recupero: pt 3’ , st 3’ .

 

Il Gallipoli inanella la terza vittoria in casa su tre incontri disputati, battendo una Paganese che a cinque minuti dal termine si era illusa di poter riacciuffare l’incontro. Mister Giannini conferma negli uomini e nel modulo la solita formazione, il solo Vastola è schierato al posto dello squalificato Cangi, di contro gli ostiti schierano tre difensori un centrocampo a due linee, Imparato, Caracciolo, Berardi ed Ingrsosso, alle spalle di Esposito e Bacchi con Di Cosmo unica punta. Fin dalle prime battute di gioco il Gallipoli dimostra di essere nettamente superione alla Paganese, ma sono gli ospiti che all’8’ vanno vicini al gol con Di Cosmo che, partito in contropiede, una volta giunto in area si allunga troppo il pallone favorendo il preciso intervento di Rossi, che lo ferma. All’11’ tegola per Giannini, chiamato a sostituire Molinari infortunato, il mister getta nella mischia Marzeglia, rivoluzionando l’assetto tattico in una sorta di 4-3-1-2, con Suriano e Vastola scesi in supporto della difesa, e Ginestra alle spalle della coppia Marzeglia Di Gennaro. La pressione del Gallipoli diventa costante, al 13’ Russo prova la botta da fuori non trovando lo specchio della porta, al 16’ lo imita Ginestra con lo stesso risultato, al 19’ , dopo una serie di tiri dalla bandierina, Ginestra dall’out di destra da in mezzo a Mounard che lavora il pallone e da circa 25 metri incrocia verso il palo alla destra di Castelli che non riesce ad evitare il vantaggio del Gallipoli. La Paganese reagisce alla ricerca del pareggio, tuttavia non produce grosse preoccupazione al Gallipoli fino al 34’ quando il bravo Vastola si appone con il corpo e mette in angolo una conclusione ravvicinata di Di Cosmo. A questo punto Giannini torna sui suoi passi, mette in campo Savino e fa uscire Marzeglia, tornando quindi all’impostazione iniziale della squadra, nel contempo Capuano fa entrare Lasagna per Ingrosso. Al 41’ De Giosa direttamente su punizione fa la barba al palo di Rossi. Allo scadere del tempo,  Mounard inventa una nuova magia, direttamente da calcio piazzato defilato sulla sinistra del versante d’attacco, conclude in porta, mirando sul primo palo, ingannando completamente Castelli che si aspettava il cross, la palla coglie il palo e schizza verso l’accorrente Ginestra che con un lesto tap-in insacca per il raddoppio, siamo al minuto 45’ e dopo tre primi il signor Lupo manda tutti negli spogliatoi. La ripresa comincia con un nuovo cambio nelle fine degli ospiti, è il turno dell’ex Stentardo che rileva Di Cosimo. Al 4’ azione in velocità del Gallipoli, Di Gennaro, defilato sulla sinistra, serve l’accorrente Russo che non trova però lo specchio della porta. La Paganese cerca di recuperare ed al 7’ prima Di Cosmo e poi Caracciolo provano la conclusione da lontano, con poca precisione. Al 15’ Giannini perde anche Bonatti per infortunio, al suo posto entra il baby Carretta. Il tempo scorre con i vani tentativi degli ospiti e con il Gallipoli che si limita a controllare, concedendo solo alcune disattenzioni al centro del campo, al 22’ Ginestra prova la botta su calcio di punizione, la palla termina la sua corsa di poco alta. In dieci minuti la Paganese raccoglie solo due ammonizioni per simulazione in area, la prima ai danni di Esposito e la seconda per Stentardo, rei entrambi di essersi tuffati alla ricerca della massima punizione, nell’occasione paga dazio anche Capuano che, per le eccessive proteste, viene allontanato dal campo. Al 39’ la Paganese accorcia le distanze con una splendida girata al volo di Taccola. Lasciato colpevolmente solo dai difensori nel cuore dell’area di rigore, servito da De Giosa su calcio di punizione dalla destra. Il Gallipoli accusa il colpo ma non si scompone, rintuzzando con ordine l’arrembaggio degli ospiti che si gettano in massa in avanti alla ricerca del pareggio. Nel finale però arriva il sigillo sul match, siamo al 48’ ultimo minuto di recupero, Mounardi innesca un contropiede inesorabile, continuato da Esposito che appena al limite dell’area serve alla sua destra Ginestra che fa due passi palla al piede e fredda Castelli sul primo palo. Terzo gol del Gallipoli e tutti negli spogliatoi. Ancora tre punti per i galletti salentini che, concedendosi qualche piccola disattenzione, domano senza problemi la Paganese , ora il Gallipoli è atteso da due turni fondamentali, prima la trasferta a Foggia e poi la visita dell’Arezzo,  con mister Giannini che dovrà studiare la soluzione alla possibile  mancanza di Molinari e Bonatti, entrambi usciti dal campo per infortunio, anche se la rosa messagli a disposizione dal Patron Barba, sicuramente avrà nel suo interno il giusto rimedio, posto che i due calciatori non riescano a recuperare.

Luigi Pacella.


Pubblicato il 5/10/2008 alle 20.7 nella rubrica Gallipoli.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web