Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Sorrento-Ternana, la voce dei protagonisti


21.09.2008 19.31 di Michele Gargiulo  articolo letto 242 volte
Finisce 2-2 l'attesissimo incontro disputato tra Sorrento e Ternana allo stadio "Italia" di di Via Califano, rimesso a nuovo dopo i lavori di sostituzione del manto erboso. Partita vivace e ricca di emozioni, con le due compagini che, dopo una prima fase di studio, mettono in mostra un calcio frizzante, caratterizzato da bei gesti tecnici e capovolgimenti di fronte improvvisi. Sono gli ospiti a portarsi in vantaggio al 25': su azione di calcio d'angolo il pallone calciato rasoterra da Concas attraversa tutta l'area di rigore, trovando Di Deo che, da due passi, insacca con il più facile dei tap-in. Il Sorrento non ci sta e cerca insistentemente il pareggio, che arriva al 41' con Giampaolo, ma l'arbitro Paparazzo di Catanzaro (prestazione irritante la sua) annulla per un fuorigioco inesistente. Al 50' la Ternana raddoppia: Scappini è bravo a capitalizzare al meglio un'azione personale di uno scatenato Rigoni (migliore in campo per i rossoverdi). Il Sorrento, però, non accusa il colpo, accorciando le distanze con Giampaolo (assist di Agnelli) cinque minuti dopo (55'). Spinti dal pubblico i rossoneri si riversano in avanti alla ricerca del pareggio, che arriva puntuale a quattro minuti dalla fine con Agnelli, il quale approfitta di un'indecisione della retroguardia umbra e trafigge Ginestra.

SORRENTO

L'allenatore dei costieri, Giovanni Simonelli: "Il merito di questo prezioso pareggio è tutto dei ragazzi. Siamo riusciti a rimontare un doppio svantaggio contro una corazzata come la Ternana. In particolar modo mi sono piaciuti la grinta ed il carattere che i miei uomini hanno mostrato sul rettangolo di gioco. E' stata una partita aperta, potevamo sia vincere che perdere, ma alla fine il pareggio è il risultato più giusto. Il cambio di modulo nell'intervallo ha portato i suoi frutti: abbiamo giocato a tre a centrocampo per dare maggiore copertura alla difesa, con Fialdini e Agnelli che si inserivano alternativamente.
Abbiamo bisogno di maggiore solidità in fase difensiva. Non è giusto, però, buttare la croce solo addossa alla difesa. Se si prendono gol è colpa di tutta la squadra, poi i loro esterni sono stati micidiali nell'uno contro uno. L'unica differenza tra il Sorrento e la Ternana è che noi siamo ancora in evoluzione, mentre loro hanno mantenuto l'ossatura della scorsa stagione. L'arbitraggio di Paparazzo è stato molto puntiglioso. Dal canto mio, non sono abituato a giudicare le prestazioni degli arbitri, dobbiamo solo imparare a non innervosirci troppo quando ci vengono fischiati falli contro. Giocare davanti al nostro pubblico ci ha aiutati parecchio, grazie ai tifosi abbiamo trovato la giusta forza per reagire. All'inizio abbiamo sofferto molto l'handicap del nuovo manto erboso, c'è bisogno di tempo per abituarci. Devo dire, però, che sicuramente l'erbetta attuale è decisamente migliore della precedente. Il Sorrento può e deve migliorarsi. Domenica abbiamo un'altra partita casalinga (contro la Pistoiese, ndr). Comincerò a pensarci da ,artedì, quando ci ritroveremo per riprendere gli allenamenti".

Il centrocampista del Sorrento, Cristian Agnelli: "Sono contentissimo per il mio secondo gol consecutivo con la maglia rossonera. Oggi ho disputato una buona gara, ma voglio sottolineare la prova di tutto il complessivo. Abbiamo guadagnato un punto importantissimo contro una squadra forte come la Ternana. Dopo il doppio svantaggio in campo non c'era rassegnazione, anzi, eravamo convinti di poter rimontare, poi il mister, dalla panchina, è riuscita a darci la giusta carica. L'arbitraggio è stato assurdo. Il nostro capitano (Nicodemo, ndr) è andato più volte a lamentarsi con il direttore di gara. Dobbiamo imparare a rimanere più tranquilli e a non spendere inutili energie per protestare. Voglio fare un plauso particolare ai nostri supporters. Sul 2-0 sono stati bravi a crederci ed a incitarci senza sosta. Mi auguro che anche domenica prossima, contro la Pistoiese, ci sostengano come oggi. Sul loro primo gol siamo stati disattenti. Il pallone mi è passato tra le gambe, ma non sono riuscito a spazzarlo lontano, poi Di Deo è stato bravo e fortunato a metterlo in rete. Dobbiamo abituarci a questo nuovo terreno. E' ancora molto pesante, ma calpestandolo continuamente durante gli allenamenti si ammorbidirà sicuramente".

L'attaccante rossonero, Federico Giampaolo: "Entrare a freddo dopo un quarto d'ora dal fischio d'inizio per l'infortunio di Cristian (Biancone, ndr) è stato duro. Nell'ultimo periodo non mi sono allenato bene prima per via dell'influenza, poi per il problema al retto femorale che mi ha colpito. Sono contento della mia prestazione, ma soprattutto di quella dell'intera squadra. Nella ripresa il mister mi ha spostato di posizione, facendomi agire sull'out sinistro. Ho sempre giocato in questo ruolo, anche se prediligo il ruolo di trequartista. Abbiamo avuto una grande reazione, loro avrebbero dovuto amministrare meglio il vantaggio accumulato. Se la partita fosse durata ancora dieci minuti avremmo vinto sicuramente. Dopo la perfetta prestazione di Perugia il reparto difensivo ha sofferto troppo gli avanti umbri. Alla ripresa dobbiamo lavorare su questo. Un aggettivo per l'arbitraggio di Paparazzo? Dilettante! Mi ha annullato un gol regolarissimo. Sul passaggio di Agnelli ero almeno due metri dietro l'ultimo difensore. Pazzesco!"

TERNANA

L'allenatore delle Fere, Francesco Giorgini: "Il risultato è senza dubbio giusto. Nel primo tempo abbiamo giocato meglio noi, poi, nella ripresa, è venuto fuori il Sorrento che con grande carattere ci ha rimontati. Dispiace molto questo, perché eravamo stati bravi a passare in vantaggio 2-0. Sulla loro seconda segnatura abbiamo fatto un grosso errore, se ci fosse stato Sartor (out per uno stiramento, ndr) quel gol lì non lo avremmo preso di sicuro. Il Sorrento è una buonissima squadra, soprattutto nei reparti avanzati: il centrocampo e l'attacco rossonero sono davvero di altissimo livello. Bravo anche il portiere Botticella che ha salvato il risultato in più di una occasione. Oggi abbiamo giocato su di un terreno sintetico. Io sono assolutamente contrario a questa tipologia di manto erboso, provoca molti infortuni, poi le squadre come noi che giocano sull'erba naturale si trovano in difficoltà. L'arbitraggio di Paparazzo è stato molto enigmatico. Ha fischiato troppo ed alcune volte anche in modo sbagliato, sia a svantaggio nostro che del Sorrento. Ma ormai ci sono abituato, sono 25 anni che faccio questo mestiere. Gli errori li commettono i direttori di gara di serie A, figurarsi nelle categorie inferiori. Guardando la classifica posso ritenermi più che soddisfatto. 10 punti in quattro partite sono tante. Nonostante questo, però, dobbiamo sempre guardare domenica per domenica. La Ternana può crescere ancora, aspetto con ansia Riganò, che, dopo l'infortunio, è ancora fuori condizione. Credo possa rientrare tra quindici giorni".
http://www.tuttomercatoweb.com/?action=read&id=122711

Pubblicato il 21/9/2008 alle 21.48 nella rubrica Sorrento.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web