Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Arezzo, fantastica rimonta

 

Scritto da: Matteo Marzotti, domenica 21 settembre 2008
Visto: 774 volte.

Image
Baclet, autore di una doppietta
POTENZA: Groppioni; Parisi, Patarini, Cammarota, Cuomo, Di Bella (63’ Pires), Vianello (79’ Masini), Prevete, Cozzolino, Beretti, Nolè. A disp.: Tesoniero, Porcaro, Morfù, Arigò, Bacio. All.: Gautieri-Catalano.

AREZZO:
Marconato; Bricca, Terra, Fanucci, Grillo (60’ Cavagna), Beati (70’ Togni), Matute, Bondi, Baclet, Croce, Chianese. A disp.: Lancini, Conte, Djuric, Longoni. All.: Cari.

ARBITRO:
Nasca di Bari (De Falco – Arciero).
Reti:
11’ Vianello, 40’ Nolè, 65’ e 66’ Baclet, 93’ Fanucci.
Note – Ammoniti:
39’ Marconato, 73’ Baclet. Angoli: 1 – 10.
Una prova di carattere, per non dire di maturità, per questo Arezzo targato Cari che non finisce mai di stupire; il match contro il Potenza rappresentava la prima vera partita in trasferta, lontano dal salotto del “Città di Arezzo” e sicuramente all’inizio ciò ha influito e non poco sui giocatori. L’Arezzo, infatti, nei primi minuti non riesce a rendersi pericoloso a differenza dei locali, i quali grazie a Cozzolino tengono continuamente in allerta la retroguardia amaranto; all’11’ Terra non riesce ad ostacolare l’attaccante rossoblue che penetra nella difesa amaranto e serve Vianello appostato al centro dell’area, il quale trafigge Marconato per l’uno a zero. L’Arezzo sembra subire il colpo e non riesce a costruire alcuna azione pericolosa degna di nota; il Potenza invece continua il suo forcing offensivo, che costringe i ragazzi di Cari a giocare molti palloni nella propria metà campo. A partire dal 25’ gli amaranto sembrano svegliarsi, soprattutto grazie all’ottimo lavoro svolto da Chianese in attacco, ma il bomber di Melito si vede negare la gioia del gol dall’attento Groppioni; quando ormai sembra vicino il pareggio degli ospiti, il Potenza usufruisce di un calcio di rigore: Matute perde palla e innesca il contropiede di Nolè, il quale entrato in area, viene atterrato da Marconato. Sul dischetto va Beretti il cui tiro è respinto dal numero uno amaranto, ma Nolè è il più lesto a ribadire in rete. Alla fine di un primo tempo amaro per l’Arezzo, sotto di due reti e incapace di reagire, nessuno avrebbe mai immaginato possibile una rimonta, ma la squadra che rientra in campo per i secondi quarantacinque minuti è una lontana parente di quella vista nella prima frazione di gioco. I ragazzi di Cari riescono ad evitare il pressing avversario, riuscendo a creare numerose palle gol per il duo Chianese – Baclet e con il passare dei minuti cresce sempre più l’azione offensiva amaranto; al 65’ Baclet, approfittando di un’incertezza difensiva, sigla la rete del due a uno e nonostante il guardalinee segnali una presunta posizione di fuorigioco, l’arbitro è irremovibile nell’assegnare il gol. Non passano neanche sessanta secondi e l’Arezzo trova il pareggio sempre con Baclet: Bondi si invola in fascia e serve un assist perfetto per l’attaccante francese, il quale batte l’estremo difensore locale per il 2 a 2. Gli amaranto non si accontentano e continuano ad attaccare, schiacciando il Potenza nella propria metà campo; da segnalare al 76’ la stupenda chiusura difensiva di Croce, il quale sventa un pericoloso contropiede potentino. Gli ultimi minuti di gioco vedono le due squadre molto lunghe, impegnate nella ricerca della rete della vittoria, anche se a dire il vero l’unica azione pericolosa del Potenza è un tiro di Cozzolino dai 25 metri che termina a lato e così quando l’arbitro segnala quattro minuti di recupero sono pochi coloro che credono ancora in un risultato diverso dal pareggio; ma ecco che al 93’ Bondi, su punizione, trova nel cuore dell’area potentina Fanucci che tutto solo può battere Groppioni per il 3 a 2 finale.
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=1345&Itemid=0

Pubblicato il 21/9/2008 alle 19.27 nella rubrica Arezzo.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web