Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Il Punto sul Perugia: I grifoni sprofondano nel "buco nero"

La squadra umbra è stata battuta in casa dal Sorrento.


Una prestazione vergognosa, quella del Perugia col Sorrento, che supera, e non era certo un'impresa facile, quella già molto abulica e indisponente di domenica scorsa a Cava dei Tirreni. Una squadra spenta che ha ancora una volta ripetuto l'errore difensivo iniziale, che manda sistematicamente in vantaggio gli avversari, ma che, al contrario della partita col Benevento, si è appiattita su se stessa recitando un canovaccio slegato, sconclusionato, privo di schemi e soprattutto di grinta e cattiveria agonistica, elementi fondamentali in questo girone che dopo quattro anni, evidentemente, non ha ancora imparato a conoscere.

Trovare qualcuno da salvare dopo la disastrosa prestazione di domenica è impresa ardua visto che Benassi ha sicuramente delle colpe sul primo gol, al pari di una difesa apparsa sempre lenta e mal piazzata che ha commesso errori banali con tutti i suoi componenti. Il centrocampo non è mai riuscito a costruire e anche in fase di interdizione ha palesato enormi difficoltà. L'attacco? Botticella, portiere sorrentino, ha dovuto sbrigare solo ordinaria amministrazione e questo la dice lunga sulla pericolosità di un reparto che Pagliari ha provato inizialmente a cambiare inserendo Pizzolla e avanzando Cutolo, per passare poi al 4-3-3 sul finale di tempo senza risultati apprezzabili, per poi immettere Mazzeo ad inizio ripresa riproponendo il 4-4-2 preferito, senza riuscire, comunque, a modificare l'inerzia della partita. Tre punti in altrettante gare, delle quali due interne con formazioni come Cavese e Sorrento, che hanno regolarmente perso le altre due partite giocate sono il peggior bottino conquistato nelle prime tre giornate in questi quattro anni di C1 ed, evidentemente, la tanto invocata ventata di "peruginità" non ha, per il momento, portato agli esiti sperati.

Ci domandiamo, infatti, se a questa falsa partenza non abbia contribuito lo smantellamento pressochè totale di una rosa che aveva, comunque, raggiunto i play-off, per poi dover trovare in fretta un amalgama ad un'altra completamente nuova, trovatasi, per di più, dopo un mese e mezzo di lavoro a dover cambiare guida, schemi e modo di giocare alla vigilia del campionato. Il rivoluzionare la squadra ogni estate nonostante i discreti campionati fatti (il sesto posto non è certo il quindicesimo), era stato forse l'errore più importante della tanto, e forse troppo, vituperata gestione Silvestrini e non vorremmo che lo diventasse anche per la dirigenza Covarelli. In fondo un La Vista, tra i migliori in campo anche oggi nel Sorrento, un Cherubini o un Catinali l'anno scorso erano stati tra i più positivi e, forse, fare degli innesti mirati su un'intelaiatura discreta poteva portare ad una partenza migliore, anche se nel calcio niente è mai scontato. Quanto all'amalgama della squadra, far giocare partitelle durante la settimana con schieramenti sempre mischiati, a nostro parere, non ne facilita certamente la ricerca. E domenica c’è la trasferta di Vasto col Pescara, un impegno difficile da non fallire assolutamente.
                                                                                      
Danilo Tedeschini
http://www.goal.com/it/Articolo.aspx?ContenutoId=869052

Pubblicato il 17/9/2008 alle 19.47 nella rubrica Perugia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web