Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Taranto Benevento 1-1 - Ancora distrazioni in difesa


di A. Napolitano, E.Losito - 14/09/2008

Taranto che spende di più ma che paga la scarsa forma dei suoi esterni bassi. Pareggio quindi sostanzialmente giusto. La squadra di Dellisanti non è dispiaciuta, con tante ottime ripartenze, ma preoccupa la scarsa forma in difesa di D’Alterio e Prosperi. Il Benevento dopo un primo tempo in cui ha subito l’iniziativa dei padroni di casa è tornato in campo nella ripresa con la giusta determinazione ed ha saputo approfittare delle lacune mostrate  dalla difesa rossoblu.

 

La squadra jonica ripresenta il modulo (4-1-4-1) già visto a Foligno: stessi protagonisti ad eccezione di Barasso in mezzo ai pali al posto di Nordi. Sul fronte opposto mister Papagni schiera il classico 4-4-2, privo di molti uomini importanti a causa di infortuni di varia natura come Ferraro, De Liguori, Evacuo, Aquilanti. In compenso rientra Cejas a centrocampo, dopo la fastidiosa tendinite che lo ha tormentato nelle scorse settimane. Sugli esterni difensivi  da segnalare la presenza degli ex tarantini Tesser, a destra, e Colombini, a sinistra. Infine la coppia d’attacco è formata da  Luigi Castaldo e Clemente.

 

La cronaca. Le squadre si studiano durante il primo quarto d’ora. La prima azione pericolosa la confezionano gli jonici al 16’: Shala serve in profondità Dionigi, l’attaccante rossoblu effettua un pallonetto che termina sopra la traversa. I rossoblù insistono al 22’: corner battuto da Cazzola, sponda di testa di Migliaccio per l’inzuccata di Shala che impegna il portiere Gori, il quale si rifugia in angolo. Sono sempre i locali a fare la partita: al 25’ da segnalare una conclusione dalla distanza di Shala che finisce alta. Quattro minuti dopo il Benevento si ridesta dal torpore grazie ad una punizione tesa, ma centrale, di Clemente, nell’occasione Barasso para senza difficoltà. Una frazione noiosa viene ravvivata da un lampo di capitan Pastore al 40’, la sua punizione tagliata, battuta dalla sinistra, passa tra un nugolo di calciatori per insaccarsi alla sinistra del poco attento portiere Gori. Gli jonici consolidano il vantaggio con un tracciante dai venticinque metri scagliato da Cazzola in chiusura di tempo, ma la sfera termina oltre la traversa.

 

In apertura di ripresa Benevento subito pericoloso con Palermo che crossa dalla sinistra per Castaldo il quale di testa sbaglia di pochissimo. Al 4’ bella ripartenza di Micco per Dionigi che di testa manda a lato. Da segnalare tre minuti dopo un tiro dalla distanza di Paolucci parato da  Barasso. Al 14’ tiro di Cazzola dalla distanza servito da Shala, respinta difettosa di Gori e conclusione fuori misura di Paolucci che si era avventato sulla sfera. Al 16’ pericolo per i rossoblu per via di un insidioso tiro cross di Statella con Barasso fuori posizione.

 

Due minuti dopo entra in campo Caturano per Dionigi e subito spreca una buona occasione: dopo aver recuperato palla  ed essersi involato verso la porta avversaria sbaglia la conclusione di piatto sinistro facendosi respingere la palla da Gori, successivamente interviene Micco ma la sua conclusione viene parata. Al 22’ giunge il pareggio del Benevento: cross al centro dalla sinistra di Bueno, subentrato a Clemente, per Castaldo che in spaccata mette alle spalle di Barasso.

 

Dieci minuti dopo colpo di testa del sempre pericoloso Castaldo che trova però sicuro alla parata il portiere rossoblu. Al 35’ Pastore ha l’opportunità di calciare una punizione dalla sua posizione preferita ma questa volta il tiro finisce tra le mani di Gori. Al 40’ grossa occasione per il Taranto:  Carrozza dalla sinistra crossa per Cazzola che si coordina e di destro conclude, colpendo la traversa.

 

Quattro minuti dopo ancora  paura  per i padroni di casa: Castaldo raccoglie di testa un cross dalla destra e da dietro calcia, sbagliando di poco, l’accorrente Palermo. La partita si trascina senza altre emozioni fino al 48’ quando l’arbitro fischia la fine e ammonisce Imbriani che lamentava la mancata esecuzione del corner  appena assegnato.

 

TABELLINO

 

TARANTO: Barasso, D’Alterio, Migliaccio, Pastore, Prosperi; Giorgino; Cazzola, Shala, Paolucci, Micco (30’ st Carrozza), Dionigi (17’ st Caturano). A disposizione: Nordi, Sciandone, Marolda, Di Bari,  Barrotti. All. Dellisanti.

BENEVENTO: Gori, Tesser, Landaida, Ignoffo, Colombini; Statella (41’ st Cattaneo), Cinelli, Cejas (15’ st Imbriani), Palermo; L. Castaldo, Clemente (15’ st Bueno). A disposizione: Corradino, F. Castaldo,  Di Piazza, Sgambato. All. Papagni.

Arbitro: Marco Viti di Campobasso (ass.ti  Argiento di Frattamaggiore – Signoriello di Napoli)

Marcatori:  40’ p.t. Pastore (T); 22’ s.t. Castaldo

Ammoniti: Colombini, Cinelli, Imbriani per il Benevento; Prosperi per il Taranto

Angoli: 5-4 per il Benevento

Spettatori: 60 spettatori (gara a porte chiuse)
http://www.febbrea90.com/site/index.php?page=articolo&idxxmnu=1&idxxsec=-1&idxxart=886

Pubblicato il 14/9/2008 alle 17.21 nella rubrica Taranto.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web