Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Pescara, il punto sul calciomercato


Dal calciomercato estivo esce un complesso in grado di ben figurare nel difficile girone B della Lega Pro di Prima Divisione. La concorrenza si prospetta dura. La palla ora passa a Galderisi e al campo.

Il tecnico del Pescara Galderisi

Tra acquisti e cessioni ne è venuta fuori una squadra discreta che potrebbe giocare anche per i primi posti se alcuni giocatori arrivati sapranno riprendersi cancellando le ultime due stagioni giocate a livelli non esaltanti. I tifosi si sono divisi nelle valutazioni anche perché è mancato il botto del mercato che si aspettavano, ma ad un’analisi attenta, e senza l’umoralità tipica della tifoseria, si può ben dire che la rosa pescarese è di tutto rispetto e che ora il testimone passa a Galderisi che dovrà saper preparare al meglio la formazione.

 

Un Pescara che, pur partendo, a detta di molti osservatori, con i favori del pronostico, dovrà stare molto attento per non fare scivoloni non facilmente accettabili da una tifoseria che si è spaccata nel dilemma pro o contro Soglia.

 

Bruciati dalle esperienze negative di Paterna e Pincione, la venuta dei Soglia era stata salutata con vero entusiasmo tant’è che, in poco tempo, gli avevano intitolato un Club personale, ma le voci insistenti legate alla volontà di cessione, ancorché non definite perché nessuno finora ha voluto prendersi il Pescara alle loro condizioni, hanno minato l’appoggio dei tifosi che, come detto, si ritrovano frastornati e dubbiosi.

 

Alle difficoltà proprie del campionato vanno ad aggiungersi quelle di carattere logistico visto che il Pescara dovrà giocare diverse partite interne sul campo di Vasto che prevede per i tifosi una mini trasferta domenicale che inciderà sul bilancio dei meno abbienti. L’ Osservatorio Nazionale ha dato la disponibilità di 4631 posti in totale che sono alla portata dei pescaresi che, in situazioni normali, non superano le tremila presenze interne, salvo esplodere nel caso la squadra raggiungesse livelli ottimali, ma, a quel punto, sarebbe già disponibile l’Adriatico.

 

“E’ la somma che fa il totale”, diceva il grande comico Totò, e la somma delle valutazioni espresse ridanno come totale una squadra dignitosa, una società che non ha ancora ben deciso il suo futuro a Pescara, una tifoseria che non sa accettare ancora la permanenza in una categoria differente dalla B e che, per questa sua insoddisfazione si lancia contro tutto e tutti e a farne le spese sono, di volta in volta, i giornalisti, i dirigenti, i giocatori, gli operatori economici locali e via dicendo…Perché, si sa, chi è insoddisfatto, ha bisogno di sfogare le sue delusioni, comunque!

 

Gianni Lussoso
http://www.calciopress.net/news/118/ARTICLE/5203/2008-09-02.html

Pubblicato il 2/9/2008 alle 11.15 nella rubrica Pescara.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web