Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

La cronaca e le foto di Pro Patria - Lecco

PRO PATRIA: Anania, Music, Barjie, Zappacosta, Pisani (61' Di Cuonzo), Polverini, Melara (82' Cusano), Cosentini (66' Bruccini), Fofana, Correa, Toledo 

In panchina: Petr, Mosciaro, Girillo, Bottone - All. Franco Lerda 

LECCO: Orlandi, D’Ambrosio, Villagatti, Galeotti, Santoni, Corti, Sangiovanni (46' Alteri), Bernini, Ferretti (68' Danieli), Montalto, Romanelli (86' Buda)

In panchina: Galbusera, Martinelli, Piccirillo, Pastore - All. Adriano Cadregari



Arbitro: Emanuel Tidona di Torino - Assistenti: Tavelli e Provesi

Marcatore: 4' Correa 

NOTE: giornata afosa con cielo coperto, terreno in pessime condizioni. In tribuna diversi osservatori e tecnici. Presente al completo in tribuna centrale la Famiglia Vender. Spettatori 1600, oltre duecento ospiti.

Ammoniti: Barjie, Zappacosta, Cosentini e Anania (P); Santoni, Bernini e Galeotti (L). 

Angoli: 5-2

Recupero: 7' (1+6)





La Pro Patria, bagna al meglio l'esordio in campionato, pur in formazione largamente rimaneggiata, tornando finalmente alla vittoria interna, dopo nove mesi di astinenza; l'ultimo hurrà allo "Speroni", portava la data del 25 Novembre 2007, contro il Manfredonia. Un esordio vincente per Franco Lerda che per la prima volta sedeva sulla panchina biancoblù in una gara di campionato, ma è stata la premiere anche per ben 10/11 della squadra, che presentava il solo Anania, rispetto alla scorsa stagione. Prima volta nella storia della Pro, per un bosniaco Music, un francese Fofana ed un brasiliano Toledo e dopo oltre cinquant'anni un argentino Lucas Correa.

Tigrotti che hanno vinto meritatamente, facendo fruttare al meglio quanto prodotto nel primo tempo, dove hanno sfiorato più volte la seconda segnatura, stringendo poi i denti nella ripresa quando la benzina, complice anche l'afa persistente, è venuta a mancare un pò prima delle previsioni, giocando anche gran parte della seconda frazione di gioco con una difesa completamente inventata per le assenze di quasi tutti i titolari, con tre esterni che si sono alternati al centro del pacchetto arretrato. Pro Patria, che fino a quando la forma fisica l' ha sorretta ha cercato sempre di giocare la palla, spesso e volentieri con fraseggi a pelo d'erba e sovrapposizioni sulle corsie esterne dove Melara si è messo in evidenza.

All'ingresso delle squadre sul terreno di gioco, dal settore dei popolari coperti dello "Speroni" si è materializzata una coreografia formata da una serie di striscioni bianchi e blù. 

Per l'esordio stagionale, Lerda che propone il 4-2-3-1, non ha molte scelte tattiche da fare, con la formazione dettata più dalle assenze di diversi uomini, per squalifica Dalla Bona e Morello, per mancanza di documentazione Urbano, Jelinek e Cocchiere. Tra i pali Anania, difesa praticamente improvvisata con Music a destra, Barjie a sinistra, al centro Pisano e Polverini due esterni, i due giovanissimi Zappacosta e Cosentini entrambi nati nel 1988. Completano lo schieramento Melara a destra, Correa dietro la punta centrale Fofana ed il brasiliano Toledo, largo a sinistra. 

Gli ospiti, in campo con un'inedita maglia dorata e fregi blucelesti, rispondono con un 4-3-3, con il ventenne D'Ambrosio sulla corsia di destra, centrocampo con l'ex Corti e Bernini, in avanti il trio Ferretti, Motalto (88) e Romanelli. In panchina con l'esperto attaccante Alteri (77), ex Pistoiese e Sambenedettese, un 91' il portiere Galbusera, due Danieli e Martinelli 88, Piccirillo del 90 e l'attaccante Pastore nato nel 89.

Partenza lanciata dei tigrotti che prendono subito possesso del campo ed al 4' passano in vantaggio, azione insistita nei pressi dell'area ospite, Santoni commette fallo di mano, rimediando anche il cartellino giallo. Correa dal limite disegna una traiettoria precisa che s'insacca sotto la traversa alla sinistra del portiere lecchese.


Il goal di Correa


Biancoblù che nonostante il caldo e l'afa (ma l'Aic non dice niente su questi orari impossibili?), macinano gioco, sempre con fraseggi palla a terra e scambi improvvisi sotto la guida di Correa, che si candida da subito a leader della squadra, ripercorrendo le gesta del grande Beniamino Jò Santos (uno dei due argentini a vestire la maglia biancoblù con Giarrizzo, ai tempi della Serie A), mentre Melara prende a macinare chilometri sulla corsia di destra, con Zappacosta che ruba palloni e fa ripartire subito l'azione. La risposta del Lecco non è poi così minacciosa ed arriva al 10' con il giovane Montalto, che prova a sfondare senza successo per vie centrali. Due minuti dopo è un'altra punizione dal limite di Correa a dare l'illusione del goal ai tifosi biancoblù con la palla che esce di un nulla. Nel vivo della manovra bustocca fa capolino con maggior convinzione Toledo, che si propone con un paio di spunti interessanti, con i quali più volte lascia sul posto il proprio marcatore, anzi marcatori. 

Al 18' gli uomini di Lerda, ancora una volta vicino al raddoppio, azione tambureggiante che viene rimpallata, palla che arriva poi nei piedi di Melara che si spinge sulla trequarti, traversone teso sul quale interviene in maniera scomposta Galeotti, che rischia una clamorosa autorete. Caldo che si fa sempre più sentire e Pro, che cerca di far sparire il pallone agli avversari con tocchi sapienti che fanno girare la sfera da una parte all'altra del campo, mandando spesso fuori giri la compagine di Cadregari. 

Al 26', pericolo dalle parti di Anania; Santoni, trova un varco sulla sinistra e dal limite mette al centro un cross su cui Corti e Ferretti, si ostacolano a vicenda in area, il tiro dell'ex mediano bustocco è flebile e conclude la sua corsa nelle braccia di Anania, senza problemi. Gli uomini di Lerda, riprendono in mano senza ulteriori problemi le redini dell'incontro, con manovre veloci ed agili con Correa, uomo ovunque. 

Alla mezzora bella triangolazione biancoblù, che manda al tiro dal limite Cosentini, con Orlandi che blocca la conclusione centrale. 38' numero d'alta scuola tutto sudamericano, Correa batte dalla bandierina, palla che fende tutta l'area di rigore, Toledo si materializza al limite, lasciando partire una spettacolare conclusione al volo in girata, da applausi a scena aperta che il portiere lecchese si ritrova tra le braccia senza rendersi conto. Arrivano i cartellini gialli, uno per Barjie per un fallo veniale a centrocampo, quindi a Zappacosta per un fallo continuato e trattenuta ed al lariano Galeotti, per l'ennesimo fallo su Fofana.

Poco prima del fischio finale, biancoblù ancora vicinissimi al raddoppio con altro numero di alta scuola di Toledo, il brasiliano parte tagliando il campo dalla sinistra, puntando deciso l'area, portando a spasso la difesa avversaria, lasciando sul posto anche due avversari che tentano il fallo, dal limite lascia partire un gran destro in diagonale che sembra teleguidato, Orlandi battuto rimane a guardare, ma la palla centra in pieno la base del palo, con Tidona che subito fischia la fine della prima frazione.


 

Ad inizio ripresa, Cadregari per gli ospiti, modifica l'assetto della propria compagine, inserisce l'esperta punta Alteri nel tentativo di conferire maggior peso e profondità con Sangiovanni che rimane negli spogliatoi. I blucelesti sembrano partire più convinti ed all'8 si rendono pericolosi con il rapido Romanelli che dalla sinistra trova un varco, si accentra lasciando partire un tiro che si perde poi sul fondo. Il Lecco cerca di fare gioco, alzando il ritmo per quello che consente il caldo, mentre la Pro controlla senza particolari problemi. 

Allo scoccare dell'ora di gioco, Pisani incappa in un infortunio che lo costringe ad abbandonare il terreno di gioco, al suo posto entra Di Cuonzo, che non aveva mai disputato nemmeno un minuto nell'amichevoli estive. Difesa biancoblù che viene così rivoluzionata per l'ennesima volta, con Di Cuonzo che si sistema a destra, Music passa a destra, Barjie scala al centro con Polverini. Tre esterni di ruolo senza nessun centrale per una difesa che perde così anche i minimi collegamenti e comincia a soffrire l'agilità dei lecchesi come al 69' quando Montalto viene liberato sulla sinistra da un appoggio di testa di Alteri, conclusione che va' altissima.

Tre minuti dopo, grosso brivido dalle parti di Anania; dalla bandierina batte Danieli, palla tesa a centro area Alteri cerca la girata di testa che viene rimpallata sulla sfera si getta ancora Montalto che a colpo sicuro da ottima posizione manda alle stelle. Pro, che nel frattempo ha inserito forze fresche, Bruccini per Cosentini, colpito da crampi e prova a riprendere in mano il pallino del gioco andando vicino al raddoppio in contropiede con Toledo che vola sulla sinistra ma poi ritarda il servizio verso i due compagni a centro area, praticamente soli davanti al portiere avversario. 

Nei minuti finali Anania trova il modo di farsi ammonire per perdita di tempo, con Lerda che manda sul terreno di gioco Cusano in sostituzione di Melara che esce tra gli applausi. Arbitro che concede ben sei minuti di recupero in cui la Pro sfiora il raddoppio, clamorosa l'azione proprio poco prima del triplice fischio finale, quando gli attaccanti biancoblù recuperano palla a centrocampo andando in pressing sul portatore di palla lecchese, partono in tre contro due con Fofana che preferisce l'azione personale, superando anche il portiere lecchese, si allarga perde l'attimo propizio e poi conclude ma trova il piede di D'Ambrosio proprio sulla linea bianca, che devia in angolo, per l'ultima azione della gara.

RO PATRIA:  


Sotto la curva

http://www.bustocco.it/UltimaPartita/2008-09/index.htm

Pubblicato il 1/9/2008 alle 16.33 nella rubrica Pro Patria.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web