Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

«Che carattere il mio Foggia. Il bel gioco arriverà dopo»

01/09/2008

Il sofferto successo per 1-0 sul Potenza fa comunque felice il tecnico dei rossoneri. Novelli: «Complimenti ai miei, non era facile con un Potenza così chiuso». Rinaldi «Non capisco la sostituzione, mi sembrava di fare bene».

Vittoria sofferta, ma pesante per il Foggia, che piega la resistenza del Potenza e inizia il campionato col piede giusto. Dal volto di Raffaele Novelli traspare soddisfazione.

Carattere - «Faccio i complimenti alla squadra per il cuore e il carattere con cui ha inseguito il successo, un po´ di qualità in più verrà in seguito — dice il tecnico, che a fine gara ha stretto la mano a tutti i suoi giocatori —. Non è facile giocare bene su un campo sconnesso come quello dello Zaccheria, specie contro una squadra chiusa e votata al contropiede. Comunque ci siamo espressi con equilibrio e intensità». Poi una bacchettata all´espulso Zanetti e un occhio all´ultima giornata di mercato. «Non va bene lasciare la squadra in 10, ne parleremo alla ripresa. Se Del Core andrà via, giungerà certamente un sostituto».

Dedica - In casa rossonera il più felice è Gennaro Troianiello, che dedica in modo originale lo spettacolare gol del successo: «È tutto per Felice Evacuo (attaccante del Benevento che si è fratturato un perone con la Lazio, (n.d.r.), mio grandissimo amico». Quindi un pensiero al Foggia: «Oltre che per me, sono molto contento anche per la squadra: questa vittoria ci voleva proprio per esordire bene».

Caso Rinaldi? - Gioia offuscata dall´amarezza per Giuseppe Rinaldi, sostituito nell´intervallo dal giovane Burzigotti: a fine primo tempo un suo malinteso con il portiere Bremec stava costando caro. «Novelli mi ha parlato di scelta tecnica, ma mi pareva di far bene — dice il difensore —. Ci chiariremo, comunque sono felice per i 3 punti». Novelli spiega il cambio: «Rinaldi era ammonito e aveva rischiato già 2-3 volte. Poi nella ripresa Burzigotti non ha perso un pallone di testa».

Il baby - Non scorderà facilmente la domenica dell´esordio Donato Posillipo, 19 anni, che ha sostituito il neo acquisto Pezzella (privo di transfer). «Ho dovuto dominare un po´ l´emozione, poi mi sono sbloccato — dice il laterale che ha propiziato l´angolo all´origine del gol rossonero —. Giocare allo Zaccheria dà sensazioni particolari, vincere è ancora più bello». Oggi il d.t. Fusco è a Milano per la chiusura del mercato. «Via Arno e Del Core (oltre a Zappino, n.d.r.)? Niente di scontato; in caso di cessioni, ingaggeremo dei giovani di valore. Salgado è richiesto dalla A, ma resterà».

Gazzetta dello Sport - Roberto Pellegrini

[Foggiacalciomania.com - Gian Franco lo Muzio]

Pubblicato il 1/9/2008 alle 12.40 nella rubrica Foggia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web