Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

Indiani, un cattivo maestro bis-rimandato?

Addio Indiani,il tecnico lascia la guida del Grifo

 

Cristina Biondi - 27/08/2008

ADDIO INDIANI, IL TECNICO LASCIA LA GUIDA DEL GRIFO
A cinque giorni dall’inizio del campionato nuovo colpo di scena in casa biancorossa.
Il tecnico Paolo Indiani non sarà più l’allenatore del Perugia.
La decisione presa consensualmente tra la società e il mister questa mattina a mezzogiorno è stata resa ufficiale dal direttore sportivo Scarpelloni nella conferenza stampa, tenutasi a Pian di Massiano oggi pomeriggio alle ore 15.
“Il tecnico Paolo Indiani da mezzogiorno di oggi – ha detto Scarpelloni – non è più l’allenatore del Perugia.
La decisione è stata consensuale ed entrambe le parti hanno ritenuto opportuno non iniziare quest’avventura a causa di alcuni divergenze che riguardano la sfera tecnica.
Subito dopo la partita con il Frosinone c’era stato un confronto in cui erano emerse delle discordanze.
Oggi ci siamo incontrati di nuovo ma ognuno è rimasto fermo nelle proprie decisioni”.
Ricordiamo che già tre anni fa il tecnico toscano aveva lasciato la panchina del Perugia a causa di alcune scelte sui giocatori da lui non condivise.
Oggi i motivi principali sono identificati come - “divergenze di ordine tecnico” – stando alle parole di Scarpelloni.
Una frattura quindi insanabile quella fra il tecnico e la società, che ha visto le due parti divise soprattutto su modi diversi di conduzione della squadra.
“La cosa non era stata preventivata – ha proseguito il ds – quindi non abbiamo ancora deciso chi sarà il prossimo tecnico e per questo siamo anche in difficoltà.
Purtroppo questo genere di cose sono destabilizzanti, ma da subito ci metteremo al lavoro per far sì che il Perugia abbia al più presto una nuova guida”.
Inoltre Scarpelloni ha voluto precisare che nutre stima, nonostante tutto, nei confronti del tecnico di Certaldo.
“Ritengo che Indiani sia un validissimo professionista, ero e sono ancora convinto che sia un ottimo allenatore – ha concluso il ds – ma purtroppo non c’era unità d’intenti.
Destino vuole che tra Perugia e Indiani non ci sia storia”.
Stando comunque ad alcune indiscrezioni pare che le redini del Perugia vadano al calabrese Antonio Soda, ex Spezia, che nel 2005 riportò la squadra ligure in serie B.
Intanto i grifoni nel pomeriggio di oggi hanno ripreso gli allenamenti al Curi con l’allenatore in seconda Giulio Peruzzi.
Assenti De Giorgio che deve recuperare in seguito alla batosta ricevuta contro il Frosinone sabato scorso e Cherubini che è stato venduto al Portogruaro.
Una piccola curiosità è che il tecnico Indiani l’anno scorso aveva lasciato anche la panchina del Portogruaro per approdare al Crotone.
Prossimo appuntamento previsto per domani sera al Curi in cui ci sarà la presentazione della squadra, dopo una triangolare tra politici, tifosi e tribuna d’onore , chissà che in questa occasione non venga presentato anche il nuovo allenatore.

http://www.tifogrifo.com/articolo.asp?articolo=3543

Aggiornamento: Pagliari brucia Soda al traguardo

 

L'Artiglio del Grifo - 27/08/2008

Aggiornamenti di mercato: Pagliari o Soda?

Novellino, tecnico del Grifo, il sogno più bello, che però sfuma


Stasera alla presentazione del Grifo, aspettiamoci delle sorprese.


In questa estate rovente, le novità si succedono a ritmo impressionante e non finiscono mai in casa Perugia, dopo la rescissione consensuale dell’allenatore Paolo Indiani, l’attenzione si concentra su chi sarà il nuovo tecnico del Grifo.
L'ultimo aggiornamento ci conferma che sarà Carlo Pagliari l’ex grifone a prendere il posto del tecnico toscano.
Dunque, Giovanni Pagliari brucia Soda al traguardo.
Quando, proprio Soda, sembrava dovesse arrivare alla guida dei Biancorossi, colpo si scena, è stato scelto invece, Pagliari.
Il motivo che ha fatto preferire l'uno rispetto all' altro, forse, è stato il fatto che, Scarpelloni conosce meglio quello che è divenuto poi il nuovo allenatore del Perugia
L'annuncio ufficiale fra poco sul sito www.perugiacalciospa.
Sfuma, quindi, l'ipotesi di quella possibilità , bella ma impossibile, he avrebbe visto alla guida del Grifo il grande Alfredo Walter Novellino, ovvero un mito per tutti i tifosi Biancorossi.
Purtroppo, questa idea molto suggestiva, non si è realizzata, ma ha avuto il pregio, comunque, di aver fatto impazzire di gioia i tifosi del Perugia, anche sebbene per un solo attimo.
.
Un’altra novità di mercato potrebbe essere l’acquisto prestigioso della forte punta Corona, che da un lato farebbe sognare di nuovo i tifosi, dall'altro, farebbe presupporre a dei cambiamenti tecnico tattici importanti.
Però, siamo certi che, la società, con delle semplici mosse ad effetto, naturalmente ben azzeccate, farebbe dimenticare presto la controversa vicenda Indiani e farebbe ritornare l’entusiasmo ai tifosi.
Anche perché, ricordiamocelo, l’ ingaggio dell’allenatore toscano, all’inizio, non era ben visto dai tifosi perugini, e, a loro, basterebbe davvero poco, due colpi di mercato ben fatti , per dimenticarlo in fretta.
La società non può perdere questa ghiotta opportunità di riconquistare il suo pubblico già da stasera.
Da domani, tutti insieme appassionatamente: società, giocatori e tifosi, concentriamoci sul Benevento, tutto il resto non conta, anzi, è un elemento di disturbo che favorisce solo il nostro avversario, pur cui è un rischio da non correre, bensì da evitare.

Indiani, un cattivo maestro bis-rimandato?

O, è lui che non fa per noi?

 

Andrea Fais - 27/08/2008

Indiani, un " cattivo" maestro bis-rimandato?



O, è lui che non fa per noi...
>



Eccoci qua. Pensavamo di poter commentare un preludio di campionato sereno e tranquillo.
Pensavamo di ricominciare il lavoro di analisi e commento, dopo le tradizionali bocce ferme dell’Estate, senza patemi d’animo, anzi commentando e valutando con fiducia e non celato ottimismo, la situazione di attesa per questo esordio prossimo a venire.
Ed invece, malgrado il caldo torrido che colpisce Perugia ormai da un messe e mezzo almeno, il cielo sopra Pian di Massiano si è improvvisamente oscurato e nubi di tempesta interne allo spogliatoio e alla dirigenza sono spuntate improvvisamente.
L'improvvisa reiscissione consensuale del contratto di Paolo Indiani, alla sua seconda esperienza (estiva) col Perugia, si risolve ancora con una presenza temporanea, che ricorda il vecchio ruolo del maestro del centro estivo: diverse settimane passate a progettare ed impostare il telaio di una squadra che doveva porre le basi per la sua immediata rinascita, dopo tre anni di fallimenti sportivi e di baratro etico, per poi essere cacciato da questa nuova dirigenza.
Nella conferenza stampa odierna, sono state addotte incompatibilità di tipo tecnico-tattico, qual motivazioni dell’esonero, ma è inutile dire che a me personalmente, come credo a molti di noi, non convincono.
Anzitutto, il dubbio che forse più di ogni altro rasenta l’ovvietà è: perché assumerlo come allenatore?
In secondo luogo, ferma restando la possibilità di un cambiamento nelle dinamiche e nei rapporti tra allenatore e società avvenuto di recente, come è possibile pensare di intromettersi e di sindacare in questioni tecnico-tattiche, che, da contratto e da regola, restano di competenza dell’allenatore?
E soprattutto come è possibile pensare di farlo, quando ancora nessuna partita attendibile era stata disputata?
La sconfitta di Ascoli era prevedibile, e ha riguardato una competizione che, pur proseguendo, avrebbe fatto solo da intralcio al Perugia in questo campionato.
Ad ogni modo, dal momento che nelle coppe c’è eliminazione continua ad ogni turno, tutte le squadre uscite di scena, secondo questo ragionamento, dovrebbero cambiare allenatore.
In sostanza ci ritroveremmo con venti o quaranta squadre (a seconda della categoria) senza guida.
I dubbi sono molti e la società non ci ha di certo soddisfatto con le sue risposte di circostanza. Dal momento che questa tifoseria si è vista per tre anni di fila, ed a più riprese anche in maniera scandalosa, mancata di rispetto ed umiliata, vessata e presa in giro, vorremmo che almeno questa nuova dirigenza fosse chiara sulla reale situazione di uno spogliatoio in cui appare probabilissimo che certi problemi riemergano insidiosamente dal passato. Quest’anno non ci potrà essere più pietà, nessun buonismo potrà prolungarsi ancora: questa città è stanca di pagare per gli errori e le responsabilità altrui.

Clamoroso al Curi:Indiani non allena più il Grifo

 

Ettore Bertolini - 26/08/2008

La notizia, già da ieri, in qualche modo, era trapelata.
Oggi abbiamo avuto la conferma ufficiale che quei bisbigli erano fondati.
La società ci fa sapere che il motivo di questa scelta è, laconicamente, tecnico e che reiscissione è stata consensuale.
Anche se la società si trincera dietro la sua versione, siamo certi che, le cause debbano essere ricercate, sia da una certa insoddisfazione manifestata da parte di alcuni importanti calciatori per il modulo adottato, e sia perchè, in queste recenti amichevoli, la conduzione tecnica della squadra aveva ingenerato nella dirigenza molte perplessità.
Ora si volta pagina e sia ttende il nuovo tecnico che ptrebbe essere presentato già domani sera.
Se questa scossa data alla squadra sia stata utile e necessaria lo vedremo a fine campionato, ma sicuramente, questa mossa motiverà i giocatori, perchè la società ha dimostrato di essere dalla loro parte, ,loro, adesso devono dimostrare che sono dalla parte della società.

http://www.tifogrifo.com/

Pubblicato il 27/8/2008 alle 20.15 nella rubrica Perugia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web