Blog: http://seriec1.ilcannocchiale.it

L´Avellino esulta ma il suo torneo è già in salita

26/07/2008

Gli irpini al posto del Messina, sono per ora senza stadio e rischiano di partire da -6

Alla fine ce l´ha fatta, sul filo di lana ma ce l´ha fatta: l´Avellino è in serie B. Ieri mattina, mentre i presidenti di A e B si riunivano all´Olimpico, il presidente federale Giancarlo Abete e quello di Lega Antonio Matarrese erano al quinto piano di via Allegri a leggere la lettera del presidente della Covisoc Bisoni che doveva «rivedere » la documentazione che aveva portato all´iscrizione in Prima divisione dell´Avellino. Tutto ok e alla fine veniva stilato il comunicato ufficiale che si rifaceva alla delibera di ammissione dell´Avellino dell´ultimo Consiglio federale.

Reazione «Il ripescaggio è il giusto premio per i tifosi e anche per la società che in questi anni ha compiuto non pochi sacrifici per tenere in ordine i conti», ha detto un felicissimo Massimo Pugliese, patron dell´Avellino. Poi un pizzico di polemica con il presidente della Lega Pro: «Mi ha molto meravigliato — ha detto — il comportamento e le dichiarazioni di tal Mario Macalli. Con questo signore, ci saranno altri momenti e sedi per chiedere conto delle sue affermazioni». Restano sullo sfondo le polemiche, anche roventi, tra Massimo Pugliese e il sindaco di Avellino, Giuseppe Galasso sull´utilizzo dello stadio Partenio, la cui convenzione è stata rescissa dal tribunale per inadempienze attribuite alla società. Il rischio teorico è che in assenza di un accordo e la successiva sottoscrizione di una nuova convenzione, la squadra dovrà giocare in un´altra città.

Battaglia non finita - E anche se il presidente del Cesena minaccia di proseguire la sua battaglia rivendicando il posto in B per inadempienze dell´Avellino (in realtà potrebbe rinunciare a eventuali ricorsi), si apre un altro fronte. Questa volta è il Manfredonia a muoversi contro l´Avellino, la Federcalcio, ma pure contro la Virtus Lanciano. L´appuntamento è fissato il 30 luglio presso la Camera di conciliazione e arbitrato (Cca) del Coni. Si tratta di due distinti ricorsi il primo contro la Virtus Lanciano che ha sostituito il Lanciano fallito, mentre la seconda è proprio contro l´ammissione dell´Avellino in Prima divisione.

Penalizzazioni - Intanto la vicenda Avellino è sul tavolo della Procura federale che dovrebbe procedere al deferimento per le violazioni nella documentazione allegata all´iscrizione per penalizzazione da scontare il prossimo campionato: sarebbero almeno sei punti.

gazzetta dello sport - Maurizio Galdi

[Foggiacalciomania.com - Gian Franco lo Muzio]

Pubblicato il 26/7/2008 alle 11.51 nella rubrica Avellino.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web