235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    aprile   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10  >>   giugno


31 maggio 2008

Il Verona ha vinto il campionato ma solo pernumero di biglietti venduti

Molto bene la Cremonese, quarta, 4000 spettatori in media


di Umberto Onofri


Il Verona, che si è salvato ai playout dopo in campionato tribolatissimo anche sul piano societario, è risultato la prima squadra del Girone A per media spettatori e incassi. Dalla apposita statistica della Lega di serie C si apprende che gli scaligeri, con 12.109 spettatori e 67.746 Euro di media-partita hanno vinto lo " scudetto " della passione per i colori sociali.


Teniamo conto che il Verona è reduce da una retrocessione dalla serie B ai playout con lo Spezia . Detto dei gialloblu continuiamo con il neopromosso Sassuolo terzultimo con 1.388 spettatori e 14.718 Euro di media-partita. Numeri che fanno meditare per gli oneri del Campionato cadetto ma gli emiliani, nella MAPEI, hanno uno sponsor potente.

Ricordiamo che le squadre iscritte sono 18 e ne approfittiamo per segnalare il Monza fanalino di coda con 1.308 spettatori e 11.858 Euro di media-partita.

Molto bene la Cremonese quarta con 3.923 e 33.853 Euro media partita. Notevole il suo balzo rispetto alla scorsa stagione quando la Società grigiorossa finì solo decima : 1.727 spettatori e 12.599 Euro media-partita. Più che triplicati gli abbonamenti : 2.095 contro i 631 dello scorso Campionato. Un risultato, oltre ai plyoff e alla stima riacquistata nel mondo del calcio che può soltanto inorgoglire il Presidente Arvedi e i suoi collaboratori.
Per motivi di sintesi abbiamo preso in esame i piazzamenti delle 3 squadre giunte ai playoff : il Foggia è secondo con 5.457 spettatori e 56.812 Euro media-partita. Ottavo il Foligno con 2.085 spettatori e 27.429 Euro media-gara. Solo 13° il Cittadella con 1.497 spettatori e 11.181 Euro media-partita.

I veneti hanno quasi raddoppiato gli abbonamenti passati dai 394 del 2006/07 ai 702 record assoluto. Cittadella conta circa 19.000 abitanti !

Nel girone A della Serie C2 troviamo il Pergocrema con 864 e 5.183 Euro media-partita al 6° posto. Dodicesimo il Pizzighettone con 354 3.150 Euro media-partita. Guida Sassari Torres con 1665 e 13.215 Euro media-partita.

http://www.vascellocr.it/sport/incampo2.htm

facebook

31 maggio 2008

Galderisi-Foggia ultimo atto: «Idee diverse»

31/05/2008

Decisivo il ridimensionamento dei programmi. Moriero e Domenicali le alternative. Fusco d.s.
Addio Galderisi. È questa la sintesi di una giornata lunga e nervosa in casa Foggia che, a meno di clamorosi capovolgimenti di Fronte , sancirà entro qualche giorno la chiusura della breve ma intensa gestione del tecnico salernitano, protagonista di una straordinaria rimonta playoff chiusa domenica a Cremona.

Ridimensionamento - Difficile che la nottata abbia portato consiglio, né che le giornate a seguire possano riavvicinare le parti, divise da una distanza che pare incolmabile sui programmi della prossima stagione rossonera. Decisivo il ridimensionamento stabilito dalla società, determinata a trasferire una parte degli investimenti sul varo di un centro sportivo. Prima di iniziare la lunga riunione di giovedì notte con i massimi dirigenti del club di via Trieste , Galderisi non aveva nascosto il desiderio di restare: «Mi piacerebbe riprendermi col Foggia quello che abbiamo lasciato a Cremona. Esiste già una squadra valida, che per me dovrebbe costituire una base importante per la prossima stagione. E non è detto che la società debba spendere cifre folli per portare avanti il progetto. Andare via? Oltre al Rimini (serie B, ndr), con cui i contatti si sono un po´ affievoliti, c´è qualche club di C1. Ma prima voglio parlare col Foggia». Ieri mattina, invece, Galderisi si è chiuso quasi a riccio: «Parlate con la società. Abbiamo idee diverse. Incontrerò di nuovo i dirigenti stasera (ieri sera, ndr), vedremo».

Garanzie - L´aspetto decisivo alla base della separazione annunciata tra il Foggia e Galderisi sta nelle garanzie richieste dal tecnico. Inoltre, la mezza rivoluzione dell´organico che la società si appresta a compiere: una decina di giocatori a scadenza di contratto, tra i quali elementi cardine come Ignoffo, Mora e Biancone, saranno lasciati liberi dal club. Ieri sera, dopo una convulsa riunione di quattro ore in sede, il presidente Capobianco è andato via scuro in volto: «Non ho nulla da dichiarare». Più disponibile il vicepresidente Bonassisa: «Incontreremo tra poco Galderisi in una cena sociale, gli proporremo il rinnovo. Inoltre la società proporrà il ruolo di d.s. all´agente di calciatori Filippo Fusco (già consulente di mercato dei rossoneri, ndr) e avvierà un centro sportivo, partendo dai campi. L´obiettivo? Valorizzare i nostri giovani, senza rinunciare a un campionato d´elite». E Galderisi? «Ci proviamo — ha concluso Bonassisa —. Ma se lo chiamano dalla B, non possiamo competere…». Un teorema che potrebbe saltare, se finirà in C1 ad Arezzo, Pescara, Padova o Verona. E alle ore 22 Galderisi ha replicato: «Non so come finirà. Il problema, pur riducendo la rosa, è tenere i pezzi giusti al posto giusto. Inoltre, non è giusto nascondere che siamo lontani sul piano economico. Comunque, io e la società vedremo se esiste un modo per continuare insieme».

Candidature - Fusco sta già vagliando qualche alternativa a Galderisi. Per il momento sono venute fuori quelle di Francesco Moriero e a Manuele Domenicali: il primo ha rappresentato una delle rivelazioni nel girone B di C1, alla guida del Lanciano, nonostante una sfortunata retrocessione; il secondo si giocherà la doppia finale playoff per la C1 col Portosummaga.

Gazzetta dello Sport - Roberto Pellegrini
http://www.foggiacalciomania.com/rubriche/news.asp?id=17579

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. foggia calciomercato panchina galderisi gds

permalink | inviato da ipse dixit il 31/5/2008 alle 16:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


31 maggio 2008

Taranto, il peso delle responsabilità

L'attesa è spasmodica, nella Città dei Due Mari, per la finale di andata in programma domani allo Iacovone.
Taranto, mister Cari (DPhoto)
 

Sono trascorsi ormai sei anni da quel 9 giugno 2002 in cui gli jonici impattando per 0-0 in casa contro il Catania persero il treno per la serie B. Tanta la delusione per i trentamila spettatori presenti allo stadio “E. Iacovone”; ma non solo. Gli strascichi polemici seguiti alla gara hanno eco ancora oggi. Negli anni seguenti a quella “sfortunata” finale, la squadra pugliese ha vissuto periodi in chiaro-scuro ritrovandosi anche ad un passo dal baratro della serie D, tra l’altro già “assaporata” a metà anni ’90, dopo il fallimento della gestione Carelli. Proprio a quel periodo risale l’ultima stagione disputata dai rossoblu in cadetteria, parliamo dell’annata 1992-93. E’ dunque comprensibile l’attesa in tutto l’ambiente tarantino, palpabile e debordante l’entusiasmo in una città alla perenne ricerca di riscatto. Tutto l’entourage del Taranto ha piena consapevolezza dell’importanza dell’evento dal presidente Blasi fino a tutta la squadra, che avverte la responsabilità di un evento storico. Per questo motivo la società rossoblu ha cercato di isolare gli atleti e lo staff tecnico dai fragori della piazza con un mini-ritiro (partito giovedì) in una località della provincia jonica.

 

Per quanto riguarda la formazione, mister Cari ritrova tra i disponibili Cavallo, ma di converso il tecnico di Ciampino annovera le assenze degli squalificati Cejas e Cutolo. Ma mentre l’argentino ha in Marsili (confortante la sua prestazione contro il Crotone) il suo naturale sostituto; resta un rebus la sostituzione del bomber rossoblu a segno 14 volte tra campionato e play off. Le indicazioni della settimana conducono all’ex gallipolino Carrozza, al quale comunque manca il ritmo partita o in alternativa allo spostamento di Mancini sulla destra con la possibilità di oscillare fra le linee. Dunque il modulo potrebbe essere uno spregiudicato 4-2-3-1 con la contemporanea presenza di Carrozza, Mancini e Zito alle spalle di Plasmati (pienamente recuperato dopo l’affaticamento muscolare patito ad inizio settimana); oppure un più cauto 4-3-2-1 con il sacrificio di Carrozza ed il conseguente innesto nella mediana del brasiliano Emerson. Di seguito proponiamo le due ipotesi di formazione

 

TARANTO 4-2-3-1: Faraon, D’Alterio, Pastore, Migliaccio, Colombini; De Falco, Marsili; Carrozza, Mancini, Zito; Plasmati.

 

TARANTO 4-3-2-1: Faraon, D’Alterio, Pastore, Migliaccio, Colombini; De Falco, Marsili, Emerson; Mancini, Zito; Plasmati.

 

In casa dorica la concentrazione è alta come del resto l’attesa. La squadra biancorossa è in ritiro a Fasano (BR) da metà settimana. Mister Monaco ha recuperato il difensore Fanucci (guarito da un attacco influenzale); ma dovrà fronteggiare le pesanti assenze nella zona nevralgica del campo di Fialdini ed Anaclerio squalificati, oltre al brasiliano Anderson infortunato. Quindi potrebbero essere inseriti dal primo minuto Caremi e Lacrimini a centrocampo, mentre Nassi potrebbe affiancare Mastronuzio in avanti per uno schieramento 4-4-2 abbastanza elastico e così composto: Guarna, Di Fausto, Olivieri, Fanucci, Rizzato; Lacrimini, Camillucci, Piccoli, Caremi; Mastronunzio, Nassi. In alternativa il tecnico degli adriatici potrebbe optare per un più prudente 4-4-1-1; in tal caso verrebbe sacrificato Nassi con il relativo inserimento a centrocampo di Cazzola e l’avanzamento di Piccoli a supporto dell’azione di Mastronunzio.

 

La gara sarà arbitrata dal Sig. Calvarese di Teramo. Per questioni legate all’ordine pubblico (biglietti polverizzati in poche ore) la partita verrà trasmessa in diretta da Rai 3 per le sole zone di Taranto e Provincia con inizio del collegamento dalle ore 15:55; mentre il canale satellitare Rai Sport Più la proporrà in differita dalle ore 17:45.

 

Enrico Losito - www.calciopress.net
http://www.calciopress.net/news/118/ARTICLE/4811/2008-05-31.html

facebook

31 maggio 2008

Foggia, a che punto siamo?

A distanza di una settimana dalla semifinale playoff persa contro la Cremonese, in casa Foggia è tempo di pensare al futuro. Vediamo cosa bolle in pentola.
Galderisi resta o va via?

La riunione dei soci di ieri sera non ha portato alcuna novità in merito alla posizione di Giuseppe Galderisi che, allo stato dei fatti e fino a giugno, è ancora l´allenatore del Foggia.


Quel che emerge è però un netto allontanamento tra le parti: il tecnico salernitano avrebbe infatti chiesto, come condizione per restare a Foggia, un ritocco dell´ingaggio e la conferma in blocco di alcuni elementi dell´attuale rosa, pronti però a svincolarsi a fine giugno essendo in scadenza di contratto: tra questi Giovanni Ignoffo e Nicola Mora su tutti, giocatori esperti e già con un buon mercato di cadetteria. E la società rossonera (che a quanto pare rimarrà ben salda al timone...) non sembrerebbe, al momento, intenzionata a trattenere a Foggia gente  con ingaggi pesanti come quelli dei due sopracitati, anzi.

 

Uno dei propositi di Capobianco e soci è quello di tagliare di netto la rosa attuale, portandola ad un massimo di 22 elementi tra i quali rientrerebbero i giovani cresciuti nel vivaio come Agostinone (già Under 20), Compierchio, Liccardi (di ritorno da Barletta), Quinto (Sansovino), Posillipo (fresco di promozione in C/2 con l´Aversa Normanna) e Zagaria (Olbia). Andrà via De Paula (ritorna al Chievo) mentre si cercherà una sistemazione al portiere Castelli, Antonio Esposito e D´Amico, tutti sotto contratto. Da risolvere le posizioni di Agazzi (Triestina), Zanetti (Lucchese) e Roselli (Arezzo, ma non ha mai giocato per un infortunio), al Foggia in prestito e degli altri elementi in scadenza di contratto, tra i quali Colombaretti, Giordano, Biancone, Russo e Cavaliere.

 

Senza dimenticare le comproprietà da risolvere a partire da martedi, ovvero quelle di Del Core (altro giocatore sul quale Nanù punterebbe alche il prossimo anno) e Plasmati (che si sta giocando la B con il Taranto, società alla quale è in prestito) con il Catania e Salgado con l’Avellino (tornerà alla base, ma non si sa se per restarci o meno).

 

Ultima ma non per importanza la richiesta (è una necessità) da parte di Galderisi di acquistare 4-5 elementi in grado di poter fare la differenza in serie C; tra questi un portiere, due centrocampisti (quantità e piedi buoni) ed un vero bomber che possa garantire la doppia cifra (uno a caso, Biancolino). Si è parlato anche del probabile ritorno di Fabio Pecchia in maglia rossonera, nonostante un´intervista rilasciata ieri dallo stesso centrocampista possibilista in merito ad una chiusura di carriera al Frosinone.

 

Ma soprattutto, dicevamo, l´allenatore. L´obiettivo dell´U.S. Foggia è quello di confermare Nanù, ma a determinate condizioni; tuttavia qualcosa di certo si saprà martedi quando Galderisi scioglierà le riserve e farà sapere se avrà accettato o meno la controproposta riservatagli dalla società di Via Napoli; in caso contrario, iniziano a circolare alcune alternative.


Checco Moriero, allenatore rivelazione del Lanciano e Gianni Simonelli, condottiero del ritorno in C1 del Benevento (con largo anticipo) ed attualmente disoccupato sono tra i più papabili al momento, ma non è escluso che in queste ore la rosa dei nomi possa allargarsi.
 

Mario Ciampi – www.calciopress.net

http://www.calciopress.net/news/117/ARTICLE/4810/2008-05-31.html

facebook

31 maggio 2008

Serie C, le date dei campionati

Il Consiglio Direttivo della Lega di serie C ha approvato e comunicato le date della prossima stagione. Si inizia il prossimo 31 agosto e si finisce il 17 maggio 2009.
Serie C, le date dei campionati

Il Consiglio Direttivo della Lega di serie C ha approvato e comunicato le date della prossima stagione.

 

La serie C1 e serie C2 inizieranno il prossimo 31 agosto e termineranno il 17 maggio 2009. E' prevista una giornata da giocare al sabato, in coincidenza con la festività pasquale, il 11 aprile 2009.

Previste per il momento due soste, 28 dicembre e 4 gennaio 2009, in occasione della pausa natalizia. In programma altre due giornate di stop, che però devono ancora essere stabilite.

Playoff e playout sono in programma il 31 maggio (andata) e 7 giugno (ritorno) del prossimo anno, con le due finali di andata e ritorno nelle giornate del 14 e 21 giugno.

 

La Coppa Italia di serie C inizia la sua fase eliminatoria il 17 agosto. La Supercoppa di Lega di C1, che prevede il doppio confronto, si giocherà il 24 e 28 maggio 2009. La Supercoppa di Lega di C2, invece,viene giocata in tre giornate dal 24 maggio al 31 maggio.

 

Stabilito infine anche l’inizio del campionato nazionale Berretti. Si parte il 27 settembre 2008.

 


Redazioneweb - www.calciopress.net
http://www.calciopress.net/news/125/ARTICLE/4809/2008-05-31.html

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. calciopress campionato date campionato date

permalink | inviato da ipse dixit il 31/5/2008 alle 16:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


31 maggio 2008

La serie B resta sul baratro e Coppa Italia e FA Cup

I provvedimenti decisi dalla cadetteria potrebbero non bastare. Resta alto il rischio di sparire. Per Piero Camilli, presidente del Grosseto, troppo poche risorse per 132 club professionistici. Esiste una sola soluzione, ridurne da subito il numero e salvare il sistema calcio.
La serie B resta sul baratro

Il grido d’allarme lo ha lanciato il presidente del Grosseto, Piero Camilli. La serie B resta sull’orlo del precipizio. Non basteranno per salvare la categoria i meritori provvedimenti deliberati dall’assemblea generale. Camilli è stato chiaro. Il rischio che incombe è quello della bancarotta. Molti club non saranno in grado di iscriversi al prossimo torneo.

 

Il fatto è, come ha sottolineato il dirigente biancorosso, che ci si deve ormai rendere conto che l’attuale sistema intasato da 132 società professionistiche non ce la fa più a reggere. Per il semplice motivo che, considerata la enorme e oggettiva contrazione dei ricavi che il prodotto calcio oggi riesce a racimolare, non ci sono (né ci possono essere) risorse a sufficienza per tutti.

 

L’ipotesi di una serrata, stavolta definitiva e non solo temporanea come minacciato fino a qualche mese fa, incombe pericolosamente. I ristretti vincoli imposti ai bilanci così come lo spostamento degli investimenti sui vivai e sui giovani, non bastano alla serie B per continuare ad esistere. Senza il supporto di quella mutualità che ormai la Lega di serie A sembra aborrire, salvo concedere alla cadetteria poche e insufficienti briciole, il destino appare segnato. Come noto, nell’ultima stagione, la mancata vendita dei diritti tv ha provocato ai club cadetti un buco di bilancio valutabile complessivamente in circa 40 milioni di euro.

 

La contrazione numerica delle rose, con il passaggio da 21 a 19 elementi salvo aggiunta di quattro giovani del vivaio tesserati da almeno tre anni, pone forti dubbi sull’attuazione del turnover che il lungo campionato cadetto impone. Senza contare che ha messo in serio allarme l’AIC. La spada di Damocle della disoccupazione pende, infatti, su decine di giocatori che si potrebbero trovare questa estate senza contratto.

 

C’è il rischio di innescare reazioni a catena. Di dare vita a una cascata di eventi negativi cui nessuno potrà porre un freno. Le categorie inferiori (soprattutto la serie C1) potrebbero in breve trasformarsi in cimiteri degli elefanti ancora più di quanto già non lo siano. Trasferendo gli appesantimenti di bilancio da una categoria all’altra. E si potrebbe arrivare a un concomitante prosciugamento dei vivai, per la necessità di attrezzare rose allestite con nugoli di giovani. Anche questo è un problema da non sottovalutare, perché non è così che si valorizzano i talenti.

 

Per trovare una soluzione che cambi davvero lo stato delle cose è dunque necessario ridurre, drasticamente e da subito, il numero dei club iscritti ai campionati professionistici. Per farlo bisognerà servirsi, come volano, della leva costituita dai controlli fiscali. Le rigorose normative approvate dalla Figc in materia di ammissione ai campionati consentiranno di effettuare tagli chirurgici che saranno certo dolorosi per molte tifoserie, ma potranno preservare il sistema dal tracollo. Un SOS che andrebbe raccolto quanto prima. Già, ma chi avrà il coraggio di decidere?

 

Sergio Mutolo – www.calciopress.net
http://www.calciopress.net/news/124/ARTICLE/4807/2008-05-31.html

Coppa Italia e FA Cup


La Coppa Italia e la FA Cup inglese, Ovvero due tornei completamente diversi. Le modifiche introdotte di recente dalla Lega non colmano il gap esistente tra le due manifestazioni. Vediamo da vicino come funziona la FA Cup.

FA Cup, premiazione

La Football Association Challenge Cup (detta in breve FA Cup) è un torneo che si svolge a eliminazione diretta. Non ci sono teste di serie. Gli accoppiamenti sono casuali. Anche la squadra ospitante è decisa dal sorteggio. Se una gara termina in parità, andrebbe di norma rigiocata sul campo dell'altra squadra. Tuttavia è possibile, per le due squadre, accordarsi in anticipo per decidere il passaggio del turno andando ai tempi supplementari e poi ai rigori. Laddove la gara venga rigiocata, nel caso in cui il pareggio persista sono comunque previsti i tempi supplementari e calci di rigore. In passato erano invece possibili anche più ripetizioni dello stesso incontro e alcuni pareggi hanno richiesto anche più di sei partite per decidere il vincitore. Le semifinali sono disputate in campo neutro e, in passato, si svolgevano nello stadio di squadre non coinvolte in quella semifinale. La finale di FA Cup viene giocata allo stadio di Wembley, a Londra.

 

Possono partecipare alla FA Cup tutte le squadre iscritte alla FA Premier League e alla Footbal League. La competizione inizia in agosto con il cosiddetto turno “extra-preliminare”, che viene disputato tra le squadre che occupano le posizioni più basse nel sistema calcistico inglese. Per fornire dei numeri di riferimento basterà ricordare che nella stagione 2003/2004 hanno partecipato 644 squadre, nel 2004/2005 sono state 660 e nel 2005/2006 si è arrivati al numero record di 674. Al turno extra-preliminare seguono rispettivamente: un turno preliminare, quattro turni di qualificazione e sei turni di competizione vera e propria. Poi le semifinali e la finale. Tutte le squadre partecipanti al torneo devono avere uno stadio che possieda precisi standard di capienza e di sicurezza.

 

Le squadre più in alto nel sistema calcistico inglese sono esentate da alcuni turni preliminari. Le squadre che giocano i campionati dilettanti nella Conference North e nella Conference South sono esentate fino al secondo turno di qualificazione, mentre quelle iscritte alla Conference National sono esentate fino al quarto turno di qualificazione. I club della Football League 1 (la serie C1 italiana) e della Football League 2 (serie C2) sono esentate fino al primo turno vero e proprio che si gioca in novembre. Le formazioni della Footbal League Championship (serie B) e della Premier League (serie A) sono esentate fino al terzo turno, che si gioca tradizionalmente durante il primo weekend di gennaio. Le finali si disputano al termine della stagione, nel mese di maggio.

 

Il vincitore della FA Cup si qualifica di diritto al primo turno di Coppa Uefa. Se il vincitore è già qualificato alla Champions League per la posizione raggiunta in campionato, il club sconfitto nella finale ne prende il posto in Coppa Uefa. Se entrambi i finalisti sono qualificati per la Champions League, un ulteriore posto in Coppa Uefa è assegnato in base alla posizione nella Premier League.

 

Sergio Mutolo – www.calciopress.net
http://www.calciopress.net/news/124/ARTICLE/4808/2008-05-31.html

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. calciopress serie b coppa italia

permalink | inviato da ipse dixit il 31/5/2008 alle 16:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


31 maggio 2008

Ripescaggio o meno c'è ottimismo sul futuro del Lanciano

Inviato da Redazione (130 letture)


LANCIANO. Il titolo sportivo del Lanciano è passato dalle mani del curatore fallimentare Giovanni Carlo Trinetti alla famiglia Maio. La nuova denominazione del club, dopo l'invito della Lega a cambiare il vecchio nominativo SS Lanciano, sarà “Virtus Lanciano 1924”.
Nessuna novità nel frattempo per quanto concerne il possibile ripescaggio in C1. La società attende con fiducia la griglia delle squadre possibili ripescate nella terza divisione. Il Lanciano dovrebbe essere la terza o quarta scelta. La griglia delle probabili ripescate tiene conto per il 50% del risultato sportivo conseguito dal club nell'ultima stagione, per il 25% dalla storia e tradizione del club e per il restante 25% dalla media spettatori nelle gare casalinghe negli ultimi anni.
Vengono escluse le compagini già ripescate almeno due volte negli ultimi cinque anni e naturalmente coloro che o non avranno i requisiti economici o non ne faranno richiesta. Non possono essere ripescate neppure società che, negli ultimi cinque anni, hanno già usufruito di tale provvedimento nella categoria nella quale dovrebbero essere riammesse.
Per quanto riguarda il prossimo futuro, il Direttore Generale del club Franco Oddo sarebbe già al lavoro per trovare il nuovo tecnico. Scontato l'addio dell'oramai ex Francesco Moriero, forzato anche alla luce del finale di stagione deludente e dei continui attriti con parte della tifoseria, Oddo ha già pronta una lista di allenatori validi con provata esperienza in serie C2. Si saprà comunque di più entro le prossime due settimane.
Per quanto riguarda il mercato, quella dell'anno prossimo sarà una vera e propria rivoluzione tecnica. Tutti coloro con contratto in scadenza faranno le valigie, mentre si contano sulle dita di una mano coloro legati con accordi pluriennali al sodalizio frentano: Bolic, Tarquini, Costantini e Cruciani con l'aggiunta di qualche giovane del vivaio. La famiglia Maio, ad ogni modo, ha fatto sapere che l'obiettivo della proprietà sarà quello di costruire un Lanciano altamente competitivo, che sappia puntare da subito al salto di categoria in caso di mancato ripescaggio.

Andrea Sacchini 30/05/2008
http://www.primadanoi.it/modules/bdnews/article.php?storyid=15537

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. primadanoi.it lanciano

permalink | inviato da ipse dixit il 31/5/2008 alle 3:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


31 maggio 2008

Pescara è in attesa del nuovo tecnico. Sarà Somma?

Inviato da Redazione (253 letture)


PESCARA. Pare essere ad un passo l'ufficializzazione del nuovo allenatore del Pescara. Terminati i colloqui tra società e papabili tecnici, sono in continua ascesa le quotazioni di Somma, ormai sempre più vicino al Pescara. Allegri, in ballottaggio tra A e B rispettivamente con Cagliari e Sassuolo, è virtualmente sfumato, mentre le incomprensioni tra i Soglia e Lerda sembrano di difficile risoluzione quantomeno allo stato attuale delle cose.
Per l'ufficializzazione di Somma entrambe le parti starebbero aspettando la conclusione del campionato di serie B, che chiuderà i battenti proprio questa domenica. Il tecnico sembrerebbe convinto del progetto tecnico che, in questi giorni, i Soglia hanno prospettato all'attuale allenatore del Piacenza.
Qualora Somma dovesse alla fine sfumare, il DS Gentile ha già pronta una rosa di nomi che vanno dal tecnico del Crotone Indiani a Campilongo, anche se quest'ultimo trova alcune resistenze in società. Da non prendere in considerazione Capuano, che non ha mai allenato in piazze importanti.
Moriero infine, l'ultimo anno trascorso a Lanciano, è ambito da un paio di sodalizi di cadetteria.
Tutto fermo naturalmente per quanto riguarda il mercato, almeno fino all'ufficializzazione del nuovo tecnico. Bloccate anche le trattative che riguardano Romito e Sansovini. Per il primo non dovrebbero esserci difficoltà insormontabili, mentre per l'attaccante è ancora lontana la felice conclusione della trattativa. Il Grosseto pare aver abbassato le proprie richieste fino ad arrivare ad una cifra di poco inferiore ai 500mila euro ma la stessa, solo per la comproprietà, resta comunque eccessivamente esosa. Sansovini ha già comunque un accordo di massima sulla parola con la dirigenza per la firma di un contratto triennale o quadriennale. Da risolvere c'è solo l'acquisto del cartellino dal Grosseto, che non è poco.
Sul fronte rinnovi a giorni Caracciolo dovrebbe apporre la firma al prolungamento del suo contratto, mentre Micco ormai non è più da considerarsi un giocatore del Pescara. Per la sua sostituzione in prima fila ci sarebbe l'ex esterno sinistro del Lanciano Correa, attualmente in forza al Gallipoli.
Infine è ormai quasi ufficiale che il ritiro estivo verrà a fatto a Castel Di Sangro. Ancora da definire date ed amichevoli, che potrebbero essere rese note la settimana prossima nel corso di una conferenza stampa, nella quale certamente verrà presentato anche il nuovo tecnico.

Andrea Sacchini 30/05/2008
http://www.primadanoi.it/modules/bdnews/article.php?storyid=15538

facebook

30 maggio 2008

Arezzo: Toto-allenatore, sono rimasti in tre

Scritto da: Andrea Avato, venerdì 30 maggio 2008
Visto: 354 volte.

Image
Marco Cari (Taranto)
Da cinque che erano, i candidati alla panchina amaranto sono rimasti in tre: Cari, Galderisi e Monaco. Fuori Papagni, destinato al Benevento, e fuori anche Braglia, salvo clamorosi ribaltoni. Gustinetti non è mai stato veramente in corsa, nonostante le frasi dolci pronunciate da lui e da Mancini e nonostante il Gus fosse al primo posto nella lista di Fioretti. Ma stavolta, dopo ciò che è accaduto lo scorso anno, il presidente vuole avere l'ultima parola sulla scelta del tecnico. Riposta subito nel cassetto l'idea di affidarsi a un debuttante, accantonata l'ipotesi di confermare Fraschetti, l'identikit del nuovo allenatore è stato stilato alla svelta: esperto della categoria, con una buona esperienza alle spalle, abituato ai tornei di vertice e a sopportare le pressioni di una piazza esigente. Cari, Galderisi e Monaco vantano questi requisiti. Inoltre non hanno ingaggi stratosferici e potrebbero accontentarsi di un accordo annuale. Accomunati da queste caratteristiche e dal fatto di aver centrato i play-off nel torneo appena concluso, i tre sono però diversi nella gestione del gruppo: paternalista Cari, reduce da una preziosa gavetta negli anni scorsi; sbarazzino Galderisi, che fa fruttare il suo passato da calciatore; sergente di ferro Monaco, molto attento alla cura degli equilibri tattici e alla solidità difensiva.
Image
Felipe Scolari, allenatore leader
L'aspetto caratteriale e psicologico sarà fondamentale nella prossima stagione. La conferenza stampa di Togni, che trovate nella sezione web tv, è indicativa, emblematica. Il brasiliano è stato molto chiaro su un punto: "All'Arezzo è mancato un leader, un uomo carismatico che trascinasse il gruppo. Il leader non deve essere necessariamente un giocatore, può essere l'allenatore, il suo vice, un preparatore. Per vincere non serve chi esce dallo spogliatoio e critica i calciatori (riferimento a De Paola), non serve nemmeno uno che non sa trattare tutti alla stessa maniera (riferimento all'ultimo periodo di Cuoghi). Spero che il prossimo allenatore sia uno di personalità. Un esempio? Il mio compaesano Scolari: se gli girano, ti attacca al muro". Il dibattito sul leader, su chi possa essere considerato tale e su cosa debba fare, è vecchio quanto il mondo. Un dato è sicuro: quelle parole le ha pronunciate Togni ma sarebbero potuto uscire dalla bocca di ognuno dei suoi compagni. Sono condivise insomma. Restando al nostro ultimo periodo, di allenatori di polso ad Arezzo ce ne sono stati: Cosmi era leader con la sua capacità di tirare fuori il cento per cento da ogni singolo giocatore, Somma con il coinvolgimento in un gioco spumeggiante e innovativo, Gustinetti con l'abilità di schermare il gruppo dall'esterno, Conte con la carica nervosa. Leader si può essere in molti modi: facendo a cazzotti con i giocatori (come Lippi con Vieri), facendo leva sull'amicizia personale (come Ancelotti al Milan) o anche agendo da semplice gestore (come Boskov nella Samp di Vialli e Mancini o Del Bosque nel Real dei galacticos). Ciò che conta è che l'allenatore sia garantito e protetto dalla società. Allora sarà un leader. Se si ricomincia con il mercato fatto a spizzichi e bocconi e i suggerimenti su modulo e formazione, può venire pure Capello e non caverebbe un ragno dal buco.
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=912&Itemid=0

facebook

30 maggio 2008

Crac Ancona, Pieroni e Tebi testimoni al processo

Crac Ancona, Pieroni e Tebi testimoni al processo
Scritto da: Andrea Avato, venerdì 30 maggio 2008
Visto: 60 volte.

Image
Ermanno Pieroni
Parata di teste, con dichiarazione spontanea di Pieroni a chiudere, nell'ambito del processo per il crac dell'Ancona. Ieri sono sfilati in aula i teste della difesa: Roberto Felicori già segretario generale dell'Ancona, Carlo Tebi, allenatore in seconda all'epoca di mister Simoni, Carlo Menghini, autista della società, Gegè Di Giacomo, responsabile del settore giovanile dal '99 al 2001 e Fabio Brini, allenatore dal '99 al 2002. Ma il clou dell'udienza è stata la dichiarazione spontanea di Ermanno Pieroni, l'ex patron biancorosso che il pm Irene Bilotta accusa di essere responsabile della bancarotta del club. Al centro del dibattimento e della dichiarazione di Pieroni, i pagamenti in nero per premi partita, premi promozione e per gli stipendi dei giocatori su cui la difesa dell'ex patron biancorosso (l'avvocato Cristiana Pesarini) punta per dimostrare che in realtà le distrazioni di denaro dalle casse della società erano destinate a questi pagamenti e non alle tasche di Pieroni. E di premi in nero ha parlato ieri Tebi che, oltre a ricordare le lotterie a premi organizzate da Pieroni per i giocatori (in palio tv e altro) ha raccontato che a ogni partita il patron entrava negli spogliatoi e con la mano indicava quante centinaia di milioni erano in palio per quel match. «A Genova, una volta, entrò con il palmo completamente aperto: 500 milioni (di vecchie lire, ndr)». In tutto 2-2,5 milioni di euro di premi per una stagione. Quanto a Felicori, l'ex segretario ha sostenuto di non essere informato che quei pagamenti avvenivano in nero. Circostanza, questa, che Pieroni ha smentito: il segretario generale, ha detto, non poteva non sapere.
(Il Messaggero)
http://www.amarantomagazine.it/arezzocalcio/index.php?option=com_content&task=view&id=914&Itemid=0

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. perugia amarantomagazine.it

permalink | inviato da ipse dixit il 30/5/2008 alle 22:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia    aprile   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10  >>   giugno

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo