235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    settembre        novembre


22 ottobre 2008

Diffidati cinque sostenitori della Libertas Lucchese

Entrano in campo a pochi minuti dal termine della gara e appendono uno striscione offensivo nei confronti di Fouzi Hadj. Per cinque tifosi della Libertas Lucchese, ...continua a leggere >>

facebook

1 agosto 2008

Presentata l’istanza per l’iscrizione alla D dello Sporting Lucchese

In tarda mattinata lo Sporting Lucchese ha inviato via fax al comitato interregionale l'istanza per l'iscrizione alla serie D ...continua a leggere >>

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lucchese loschermo.it

permalink | inviato da ipse dixit il 1/8/2008 alle 13:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 giugno 2008

Lucchese: ancora nessuna certezza sul futuro del sodalizio rossonero

Continuano gli incontri del sindaco Mauro Favilla con cordate ed imprenditori interessati all’acquisto della Lucchese Libertas. Unico problema: la Lucchese è una impresa privata la cui proprietà fa riferimento a Fouzi Hadj ...continua a leggere >>

facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lucchese loschermo.it

permalink | inviato da ipse dixit il 18/6/2008 alle 20:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 giugno 2008

La Lucchese perde Piero Braglia

del 03/06/2008 di Alessandro Lazzarini

LUCCA – Ufficializzata con una nota della società la separazione tra la Lucchese e Piero Braglia; sempre più incerto il futuro della squadra rossonera che perde un tecnico che, arrivato nello scetticismo generale, aveva saputo conquistare l’ambiente.

Braglia se ne va, adesso è ufficiale. La notizia di certo non coglie di sorpresa nessuno perché è solo l’ennesimo tassello dello sfascio che ha travolto la società del presidente Fouzi Hadj nell’ultimo mese, culminato con la grottesca sconfitta interna contro la Pistoiese e quindi la squalifica per inadempienza nel pagamento delle imposte.

Che il tecnico maremmano rimanesse a Lucca con questo clima era quasi impossibile ed infatti ha giustamente preferito cambiare aria, probabilmente con destinazione Arezzo o Padova, società di ben altro spessore rispetto a quella della Libertas e soprattutto in grado di offrire certezze che in questo momento a Lucca mancano completamente.

Lo scorso anno la scelta di Braglia aveva fatto storcere il naso a più di un tifoso perché il personaggio, da avversario, non è certo di quelli che attirano le simpatie; ma averlo dalla propria parte si era rivelato un toccasana per tutto l’ambiente, in primis per quanto riguarda la gestione dello spogliatoio, finalmente comandato da un condottiero con la personalità di accantonare quei giocatori che ‘remano contro’, quindi anche per la piazza che, sfiduciata come non mai, trovava negli atteggiamenti e nel carattere dell’allenatore l’unico appiglio per credere di poter ottenere dei risultati.

Sicuramente con alle spalle una società con meno problemi Piero Braglia sarebbe stato l’uomo giusto per una piazza non incline ai facile entusiasmi; in molti atteggiamenti ha ricordato Corrado Orrico, ultimo allenatore vincente in maglia rossonera.

Nessuna nuova intanto sul fronte del futuro della ultracentenaria società, con Hadj che comunque continua ad assicurare (ma a rimandarne il momento) che onorerà tutte le pendenze e iscriverà la squadra al campionato.

Inutile dunque gettarsi in improbabili previsioni su chi sarà il successore di Braglia o addirittura parlare di calciomercato: sarebbero solo ‘sparate’ prive di ogni concreto fondamento.

Questo il testo integrale della nota stampa diffusa dalla società: «L'A. S. Lucchese Libertas e il sig. Piero Braglia comunicano, di comune accordo, la rescissione consensuale del contratto per la stagione sportiva 2008/2009. Questo per consentire al nostro allenatore di valutare le numerose proposte di lavoro pervenutegli anche da società di categoria superiore. Da parte della Società è un atto dovuto per l'ottimo lavoro svolto nel recente campionato dal sig. Braglia. Si ringrazia il mister per la professionalità e l'attaccamento verso questa squadra, ma soprattutto per l'affetto e le qualità morali dimostrateci nell'arco della stagione. Cogliamo l'occasione per augurargli di raggiungere i successi che ha dimostrato di meritare».

http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=7975

facebook

26 maggio 2008

Ancora incerto il futuro della Lucchese, se Hadj non si farà vivo a rischio l’ammissione al campionato

Ancora incerto il futuro della Lucchese, se Hadj non si farà vivo a rischio l’ammissione al campionato

Sport: Calcio

del 25/05/2008 di Alessandro Lazzarini

LUCCA – C’è preoccupazione nella tifoseria rossonera: tre calciatori rossoneri hanno aperto il contenzioso nei confronti della società rossonera per il mancato incasso delle spettanze contrattuali, se Fouzi Hadj non si farà vivo le sanzioni potrebbero arrivare fino all’esclusione dal campionato. Ma esistono realmente i margini perché l'imprenditore siriano possa riconquistare la fiducia della città?

Era nell’aria e alla fine tre calciatori rossoneri, due tesserati nella stagione appena conclusa e uno in riferimento al campionato precedente hanno aperto un contenzioso ufficiale nei confronti della società del presidente Fouzi Hadj.

Adesso la Lucchese ha tempo fino al 28 luglio per onorare le richieste dei tesserati, in caso contrario le sanzioni potrebbero andare da una ulteriore penalizzazione all’inizio del prossimo torneo fino addirittura all’esclusione della società rossonera dal campionato.

Come se non bastasse, in caso perdurasse l’inadempienza da parte del sodalizio di Fouzi Hadj scatterebbe la messa in mora, passo decisivo che potrebbe condurre al fallimento; fallimento che ovviamente sarà inevitabile se non verranno saldati i debiti di gestione accumulati.

Comunque voci vicine al presidente assicurano che Hadj onorerà tutte le pendenze, e in questo caso chiaramente i tifosi non hanno niente da temere.

Resta inteso che la piazza sembra aver ricevuto una mazzata tremenda dopo oltre trenta partite vanificate all’ultimo istante da una inadempienza della società (inutile credere che i playoff son stati persi a causa della sconfitta con la Pistoiese, gli addetti ai lavori sapevano con certezza che sarebbe arrivata la penalizzazione); difficile ipotizzare che l'attuale gestione possa in futuro essere accolta con fiducia dalla città. Troppi sogni infranti e troppo effimera la consistenza della ambizioni rossonere in questi tre anni.

D’altra parte all’orizzonte non si percepisce alcuna concreta alternativa all’attuale proprietà; una società che ha perso definitivamente anche Antonio Magli, segretario tuttofare che gode di grande credito nell’ambiente calcistico, e che perderà con ogni probabilità anche l’apporto determinante di un tecnico come Piero Braglia, oltre che dei migliori calciatori della rosa.

Ci sembra comunque azzardato e fuori luogo disquisire di calcio mercato quando ancora regna la più totale incertezza intorno al futuro della più che centenaria Libertas; gli sportivi in questo momento possono solo sperare che Hadj cambi registro e porti avanti la storia rossonera, inutile fomentare improbabili ulteriori illusioni.

http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=7633


facebook

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lucchese loschermo.it

permalink | inviato da ipse dixit il 26/5/2008 alle 16:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 maggio 2008

Il campo decreta la fine del sogno rossonero. Fallimento totale della gestione Fouzi Hadj

Il campo decreta la fine del sogno rossonero. Fallimento totale della gestione Fouzi Hadj

Sport: Calcio

del 04/05/2008 di La redazione

LUCCA – Finisce sul campo il campionato della Lucchese: dopo una partita segnata da un arbitraggio clamoroso la Pistoiese espugna il ‘Porta Elisa’. Fallimento totale della gestione Fouzi Hadj, non solo deficitaria in termini di risultati, ma colpevole soprattutto di aver portato nell’ambito del macchiettismo le vicende della Libertas ed aver disaffezionato il pubblico dalla prima squadra cittadina. Braglia: «Fouzi ha avuto dei problemi, ma se non li risolve non può continuare a fare calcio».

E’ addirittura mortificante per i tifosi rossoneri il finale di campionato della Lucchese: sconfitta sul proprio terreno con goal dell’ex Giovanni Cipolla, la ‘ciliegina sulla torta’ regalata in agosto dal presidente Fouzi Hadj per il salto di qualità e accantonata in ottobre, nella consapevolezza degli sportivi, per ‘scarso impegno in seguito a ritardati pagamenti’; versione ufficiale, ben più politically correct, «per non aver sposato il progetto della società».

Una situazione che fotografa in pieno le ultime stagioni rossonere, che hanno innescato nella gente la paura che i risultati della squadra dipendessero più da vicende extracalcistiche che dalla forza del collettivo. E anche questa sconfitta, diciamolo chiaramente, lascia il tempo che trova se si considera che con ogni probabilità arriverà la penalizzazione della Disciplinare, provvedimento che avrebbe comunque sancito l’esclusione della squadra di Braglia dai playoff.

Una gestione, quella di Fouzi Hadj, che dopo tre anni si può tranquillamente definire fallimentare su tutta la linea. Il Presidente, di cui sia chiaro non è qua in discussione l’impegno o la buona fede, ha distrutto l’ambiente rossonero prima di tutto pretendendo appoggio incondizionato.

Schiavi dei sogni che solo la passione può dare, tremila irriducibili innamorati della Libertas ci hanno creduto fino all’ultimo secondo, magari presi in giro dal resto della città scettica a disamorata. Erano i soliti tremila che anche oggi a cinque minuti dal termine e con sotto gli occhi una gara segnata da un arbitraggio perlomeno controverso, stavano ancora soffrendo e incitando i propri beniamini. Fino al goal di Cipolla che ha fatto esplodere la rabbia nei confronti del Presidente, assente all’ultimo atto, e della sua improponibile gestione.

Lucca è stanca di non sapere se chi indossa la maglia della ultracentenaria squadra della città è messo nelle condizioni di farlo al meglio oppure no.

E' stanca delle illazioni sullo scarso impegno in seguito al mancato pagamento degli stipendi.

E' stanca di promesse di grandezza che non si possono sostenere.

E' stanca di doversi sempre sentir descrivere come piazza fredda e di scarso sostegno dopo almeno dieci anni di umiliazioni sportive che adesso potrebbero addirittura culminare nel fallimento di una delle società più antiche della penisola.

E’ il momento che anche le istituzioni intervengano, perché la Lucchese Libertas 1905 rappresenta ancora la realtà cittadina che fa muovere ogni domenica il maggior numero di persone a livello locale; d’altra parte proprio le istituzioni a suo tempo si fecero garanti di fronte ai cittadini del nuovo acquirente.

La cronaca della partita ci parrebbe perfino superflua se non per il fatto che in gran parte a deciderla è stato un arbitraggio che ha lasciato increduli tutti i presenti, culminato con un rigore dagli spalti apparso netto non concesso a Bertolini al 6’ e con un'affrettata espulsione comminata a Morello al 31’, reo di aver steso un avversario lontanissimo dalla porta dopo un passaggio avventato di Gazzoli. Un rosso diretto che ha deciso la partita per una squadra che non aveva più la forza emotiva di superare altri ostacoli e che prima del fischio finale ha visto Ficini commettere almeno sei falli da cartellino giallo senza mai ricevere la seconda sanzione, Calabro attentare alla vita di Giglio e prendersi solo il giallo per un intervento almeno di pari gravità rispetto a quello di Morello, un mani di Venturelli in area e un goal annullato a Cangi, le espulsioni di Braglia e Isetto e quella di Masini dopo il vantaggio ospite che ha sancito la fine delle ostilità.

Schietto e lapidario Piero Braglia nel dopopartita, mentre i tifosi frustrati non sanno nemmeno con chi prendersela: «Il presidente ha delle brave persone che lavorano per lui, deve lasciarle lavorare. E’ una brava persona anche lui, ha avuto dei problemi come i fondi bloccati, o li risolve o credo che debba fare dei passi importanti. E’ chiaro che se deve continuare così non può fare calcio».

Sulla partita il tecnico maremmano in precedenza aveva detto: «In dieci gran parte della gara diventa dura. Non voglio parlare di altro, voglio solo dire grazie ai giocatori. In 17 partite non ci hanno mai dato un rigore, questo non è un alibi ma un dato di fatto. Per fare un goal bisogna costruire 5-6 palle goal. Il resto non mi interessa nemmeno. L’espulsione di Morello ci può anche stare, anche se su dieci arbitri nove e mezzo in un caso del genere avrebbero ammonito. Certo non ho capito perché il loro 5 non è stato espulso per un fallo ancor più violento».

Poi riguardo al suo futuro: «Non ho mai detto che non rimango a Lucca o vado via, chi mi è stato vicino, cioè Giusti Bellucci e Magli, sa benissimo come la penso. E’ stupido parlare di me. Mi girano le scatole per i ragazzi che si meritavano di disputare i playoff».

Ma in realtà nessuno crede che un tecnico come Braglia possa fermarsi ancora qua, se non cambieranno davvero molte cose.

Invasa la tribuna d’onore al fischio finale sono dovuti intervenire Carabinieri e Polizia, ma non si segnalano episodi di violenza; fuori dallo stadio è poi continuata la vana contestazione contro la società da parte della tifoseria, che ha inneggiato più volte al nome di Braglia.

 

Lucchese-Pistoiese 0 - 1

Reti: 88' Cipolla

Lucchese: Gazzoli; Morello, Nocentini, Guidi; Scalise (46' Cangi), De Simone (75' Bono), Briano, Renzetti; Bertolini (70' Bonfanti), Giglio, Masini. All. Braglia.

Pistoiese: Mareggini; Briganti, Venturelli, Calabro, Fautaro; Guerri (53' Bellanzini), Lanzillotta, Ficini, Boldrini (65' Breschi); Motta (81' Ciarrocchi), Cipolla. All. Benedetti.

Arbitro: Filippo Meli di Parma.

Ammoniti: Giglio, Gazzoli, De Simone; Motta, Ficini, Calabro, Lanzillotta.

Espulsi: Morello, Masini, Braglia, Isetto.

Angoli: 6 a 2 per la Lucchese.
http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=6819

facebook

28 aprile 2008

Il Potenza tiene i rossoneri in zona playoff, solo un pareggio per la Lucchese a Sorrento

Il Potenza tiene i rossoneri in zona playoff, solo un pareggio per la Lucchese a Sorrento

Sport: Calcio

del 27/04/2008 di Alessandro Lazzarini

SORRENTO (Napoli) - La Lucchese non riesce a superare il Sorrento già salvo ma si mantiene in zona playoff grazie all’inattesa sconfitta casalinga del Perugia contro il Potenza. Finale incandescente con Brunner che esulta e schernisce gli ex compagni e Morgia polemico con l’ambiente rossonero nel dopo partita. Ora serve la vittoria interna contro la Pistoiese e Braglia chiama di nuovo a raccolta il pubblico rossonero.

 

Lucchese in campo con lo stesso undici vittorioso contro il Lanciano, con la sola novità di Guariniello al posto dello squalificato Giglio. Come da previsioni della vigilia sono i rossoneri di Braglia a prendere fin da subito in mano le redini del gioco, pur senza imporre ritmi elevati e soprattutto senza mai arrivare pericolosamente al tiro.

A svegliare il pubblico sugli spalti (a Sorrento avevano invitato anche i turisti, che certo non torneranno a casa raccontando di aver visto una partita interessante) ci pensa D’Isanto con un tiro che mette una timida paura a Gazzoli. Al 35’ il risultato si potrebbe sbloccare; Masini trova il corridoio giusto e smarca in area Bertolini che avrebbe la possibilità di avanzare e presentarsi da solo davanti a Brunner ma preferisce calciare immediatamente spedendo il pallone altissimo. Sul finale di tempo poi, col Taranto già in vantaggio sulla Sangiovannese, arriva anche la notizia della rete del Crotone sul Gallipoli, con il Sorrento che oltretutto esce dal guscio e mette sotto gli ospiti, collezionando angoli e esercitando una supremazia territoriale che tuttavia non frutta occasioni significative. Comunque Perugia e Potenza sono sempre ferme sullo zero a zero e la Lucchese rientra negli spogliatoi ancora dentro ai playoff.

Nella ripresa Masini e compagni decidono finalmente di aumentare i giri e iniziano a manovrare seriamente dalle parti di Brunner. La vera novità d’inizio tempo però non è l’atteggiamento della Lucchese (prevedibile), ma il clamoroso vantaggio del Potenza a Perugia. Quel che sta succedendo sugli altri campi rilassa subito gli uomini di Braglia e Guidi (ancora una volta il migliore dei suoi) deve salvare in extremis su Russo che si stava presentando da solo al cospetto di Gazzoli. Il tecnico maremmano corre subito ai ripari inserendo Scalise al posto dello spento Bertolini e Cesaretti in luogo di Cangi. Rifatta completamente la catena di destra. E’ la mezz’ora della ripresa, i risultati degli altri campi danno ragione ai rossoneri che però, se il Perugia ribaltasse il punteggio, sarebbero fuori dalla zona playoff.

Al 34’ i padroni di casa trovano il corridoio giusto per spedire in porta Ripa, ma il guardalinee ferma la punta campana sbandierando un fuorigioco dubbio che scatena le proteste (a dire il vero abbastanza puerili) di D’Isanto, che si prende il cartellino rosso. Lucchese in superiorità numerica. La mossa disperata per cercare il vantaggio è l’inserimento di Bolzan in luogo di Renzetti per sfruttare i calci piazzati; l’ex pisano si presenta però calciando male un angolo. La realtà è che a questo punto il pareggio va bene a tutti, il Sorrento rimane imbattuto di fronte al proprio pubblico durante la gestione Morgia e la Lucchese se la giocherà in casa con la Pistoiese, che però a differenza di Rastelli e compagni avrà bisogno di punti per il piazzamento playout.

Al fischio finale a svegliare lo stadio ci pensa l’ex Alex Brunner che si produce in una inopportuna esultanza e in un gesto di scherno, o quantomeno interpretato come tale, nei confronti dei giocatori rossoneri che ovviamente reagiscono scatenando un parapiglia che per poco non finisce in rissa. A meno che non sia stato frainteso, un comportamento quello del portiere friulano che nessuno si sarebbe mai aspettato ma che in ogni caso cancella qualsiasi rimpianto per la sua partenza da Lucca, qualora ce ne fosse stato qualcuno.

Nel complesso gli uomini di Piero Braglia ottengono quanto volevano e si trovano adesso ad un passo dall’accesso agli spareggi; certo è che, viste anche le polemiche che in settimana hanno segnato le vicende rossonere, non ce la sentiamo di dilungarci in ulteriori considerazioni tecniche riguardo la scialba prova offerta in una partita decisiva.

Salernitana promossa in serie B come da copione, forse a Perugia qualcuno sta ripensando alle parole dello spavaldo Cuccureddu negli spogliatoi del Porta Elisa dopo una partita di clamoroso catenaccio, quando disse che la sua squadra si era potuta permettere quell’atteggiamento perché era attesa da quattro gare in cui avrebbe potuto ottenere dodici punti.

Soddisfatto del risultato ma non certo entusiasta Piero Braglia dopo la partita: «Siamo sempre in zona playoff, è quello che ci interessava. A noi nessuno regala niente e nemmeno lo vogliamo, agli altri non so. Certamente non è un campo ideale per giocare a calcio, come tutti i campi in sintetico, ma questo non è un alibi perché il terreno è uguale per entrambe le squadre. Mi meraviglio che la lega faccia giocare su questi campi». Riguardo agli altri risultati: «Oggi ci sono stati risultati importanti, il Potenza che vince a Perugia, il Crotone che batte il Gallipoli sul proprio terreno dove non ha mai vinto nessuno in un anno. Noi dobbiamo vincere con la Pistoiese e speriamo che per una volta in un anno possiamo avere lo stadio pieno a sostenerci». Ancora un richiamo al pubblico da parte del tecnico quindi, sperando che i sostenitori lucchesi riescano a concentrarsi sull’importanza della posta in palio piuttosto che sulle polemiche che puntualmente accompagnano le vicende rossonere.

Arrabbiatissimo il lucchese d’adozione Morgia, che parla solo del parapiglia scatenatosi nel finale: «Quello che è successo nel finale è indegno e offende il mondo dello sport, dove sta scritto che si debba regalare qualcosa? Noi abbiamo fatto la nostra partita onorando lo sport». Non è ben chiaro a cosa il tecnico del Sorrento si volesse riferire ma le sue parole lasciano pensare che secondo lui la Lucchese o i tifosi rossoneri si aspettassero un atteggiamento più arrendevole da parte dei padroni di casa e qualcuno si sia risentito e lo abbia offeso (forse i tifosi). Accuse quindi piuttosto pesanti anche se in realtà Morgia non si è spinto oltre le illazioni.

 

Sorrento - Lucchese 0 - 0

Sorrento: Brunner; Mauri, Iorio (58’ Maraucci), Braca, Pezzella; Vanin, Nicodemo, Ottobre, D’Isanto; Rastelli (50’ Russo), Ripa (81’ Gautieri). All. Morgia.

Lucchese: Gazzoli; Morello, Nocentini, Guidi; Cangi (72’ Cesaretti), Bono, Briano, Renzetti (86’ Bolzan) ; Bertolini (68’ Scalise), Guariniello, Masini. All. Braglia

Arbitro: Vivenzi di Brescia.

Ammoniti: Morello; Ripa, Braca, Pezzella.

Espulsi: D’Isanto

Angoli: 4 a 3 per il Sorrento.

http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=6575

facebook

27 aprile 2008

Lucchese: a Sorrento sono necessari tre punti

Lucchese: a Sorrento sono necessari tre punti

Sport: Calcio

del 26/04/2008 di Alessandro Lazzarini

LUCCA – Partita decisiva per la Lucchese che in casa di un Sorrento già salvo matematicamente deve cercare i tre punti per non dipendere dai risultati delle avversarie. L’incontro arriva al termine della settimana in cui i giocatori sono usciti allo scoperto manifestando il malumore nei confronti della società.

C’è curiosità in tutto l’ambiente degli appassionati lucchesi per vedere come i giocatori rossoneri reagiranno sul campo dopo che in settimana hanno dichiarato il silenzio stampa in segno di protesta nei confronti della società, trasformando in certezza le illazioni che da tempo si sprecavano intorno al mancato rispetto del versamento degli stipendi.

Una protesta dal loro punto di vista certamente legittima ma che tutto sommato li mette nell’obbligo di vincere la partita di Sorrento; contro una squadra indubbiamente alla portata di Masini e compagni, già sopraffatta nettamente al ‘Porta Elisa’, anch'essa in crisi societaria e che oltretutto non ha più niente da chiedere al campionato, in caso di risultato diverso dalla vittoria sarà davvero difficile analizzare il punteggio sulla base del gioco espresso sul campo.

Timori che hanno investito tutto l’ambiente degli sportivi lucchesi e che ci sentiamo di ribadire, anche se è giusto prendere atto del fatto che per quanto la situazione di disagio della squadra si protragga ormai da tempo, i ragazzi in campo non si sono mai tirati indietro arrivando infatti a due partite dal termine in posizione privilegiata per l’ingresso nei playoff. La speranza dunque è che anche stavolta mettano in campo tutto l’impegno possibile per onorare la casacca che indossano in attesa che Fouzi Hadj metta fine con i fatti alle loro giuste rimostranze.

Tre punti che quindi sono necessari per rinfrancare l’ambiente dopo la protesta, ma indubbiamente anche per la classifica. Classifica alla mano infatti, nella peggiore delle ipotesi quattro punti potrebbero non bastare per accedere agli spareggi. Il Crotone riceverà un Gallipoli in caduta libera che ormai sembra fuori dai giochi, per cui sulla carta dovrebbe riuscire ad ottenere i tre punti, agganciando una eventuale Lucchese non vittoriosa in Campania, ed i calabresi sono in vantaggio negli scontri diretti. Data per scontata la vittoria del Perugia sul Potenza, il vero pericolo potrebbe arrivare da un Pescara, ancora penalizzato, vittorioso a Salerno, dove però i locali vorranno certamente festeggiare la promozione davanti al proprio pubblico.

Squalificati Giglio e De Simone, Braglia dovrebbe riproporre l’undici che ha ben figurato contro il Lanciano, con la sola novità di Guariniello nel ruolo di centravanti. Dall’altre parte un tecnico, Morgia, lucchese d’adozione e in attacco quello che forse è stato il giocatore che negli ultimi trent’anni più di tutti ha entusiasmato il pubblico lucchese: Massimo Rastelli.

 

Sorrento, Stadio “Italia”, inizio ore 15,00

Sorrento: Brunner; Ferrara, Radi, Iorio, D’Isanto; Pezzella, Vanin, Fragiello, Maiorano; Rastelli, Ripa. All. Morgia

Lucchese: Gazzoli; Morello, Nocentini, Guidi; Cangi, Briano, Bono, Renzetti; Bertolini, Gariniello, Masini. All. Braglia

Arbitro: Vivenzi di Brescia

http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=6533

facebook

21 aprile 2008

Missione compiuta: la Lucchese domina e batte il Lanciano

Missione compiuta: la Lucchese domina e batte il Lanciano

Sport: Calcio

del 20/04/2008 di Alessandro Petrini e Alessandro Lazzarini

LUCCA – Di fronte a un pubblico scarsissimo la Lucchese domina il Lanciano e pur fallendo numerose occasioni ottiene tre punti importantissimi grazie alle reti di Masini e Guariniello. I rossoneri rientrano nella griglia degli spareggi ma adesso devono cercare la vittoria sul campo del già salvo Sorrento. Braglia: «Ho rivisto la squadra della prima parte della stagione, con Sorrento e Pistoiese non sarà facile».

La prima cosa che stupisce, ma era ampiamente preventivata, è che nonostante la giornata di sole a sostenere la Lucchese in una partita fondamentale per la rincorsa alla serie B ci sono meno di tremila spettatori, i soliti affezionati che hanno vissuto tutta la stagione a fianco di Masini e compagni.

Come nota di colore da segnalare che l’arbitro anticipa di qualche minuto l’ingresso in campo delle squadre e lo speaker del ‘Porta Elisa’ è costretto a interrompere l’inno pucciniano che introduce la gare interne della Lucchese: Fouzi Hadj deve premiare Massimo Gazzoli, alla sua centesima presenza in maglia rossonera.

Con la voce di Pavarotti a scandire il ‘Vincerò’ inizia la gara ed è immediatamente un assedio alla porta difesa da Russo, con Guidi, Giglio e Cangi che nel giro di cinque minuti chiamano l’estremo difensore abruzzese a compiere almeno due interventi notevoli. Per il Lanciano l’inizio è davvero imbarazzante ma la zampata vincente per il vantaggio rossonero non arriva e i ragazzi di Francesco Moriero pian piano entrano in partita; sugli spalti e in campo torna ad aleggiare l’ombra dell’inconsistenza dell’attacco rossonero, con il goal che continua a non arrivare nonostante le molteplici occasioni collezionate dai padroni di casa. La ricetta di Braglia per rendere più incisiva la fase offensiva è l’innesto tra i titolari di Cangi in luogo di Scalise. L’ex della Massese è meno frenetico del pur bravo compagno ma si propone costantemente con pericolosità in fase conclusiva dimostrando ottime qualità nel gioco aereo e eccellente tempismo negli inserimenti in area di rigore.

Passata la sfuriata iniziale senza segnare anche la Lucchese abbassa il ritmo e le occasioni si fanno meno frequenti, ci provano comunque Guidi e due volte il pallone buono capita sui piedi di Briano che dal limite però conferma la scarsa propensione al tiro dei centrocampisti lucchesi. Al 27’ bellissima girata dal limite di Masini con Russo che si supera e devia in angolo, poi su un cross di Cangi è ancora il capitano rossonero e concludere di testa: la parata è facile ma l’occasione era davvero propizia visto che gli avanti di casa si trovavano da soli al cospetto dell’estremo difensore abruzzese. Verso il finale del tempo (43’) comunque arriva il goal del vantaggio; è Bertolini che dalla sinistra penetra in area, si fa beffe di un paio di avversari e smarca Masini davanti alla porta, dove il capitano rossonero deve solo spingere la palla in rete.

Il Lanciano comunque non ci sta a perdere e lo dimostra l’intensità ed anche la cattiveria agonistica con cui scende in campo nella ripresa: pur senza mai impensierire Gazzoli gli ospiti, con la società fallita ma con la salvezza a portata di mano (salvo penalizzazioni), non hanno mai dato l’impressione di essere una squadra che ha tirato i remi in barca; anzi, mettono in mostra un gioco discreto fatto di interessanti tagli del campo, il tutto supportato dalle pregevoli (ma evanescenti) doti di palleggio di Lauria e quindi di Pintori.

La partita comunque resta sempre nella mani della Lucchese che, memore degli errori del passato, nella ripresa pur badando a non correre rischi cerca con insistenza il raddoppio; ci vanno vicini Renzetti e Masini, poi sale in cattedra il guardalinee che agisce sotto la tribuna prima fermando per un fuorigioco davvero dubbio Giglio lanciato a rete, quindi quando una conclusione di testa chiama Russo all’ennesimo intervento (53’) e sulla respinta Masini spinge la palla in rete, sbandierando un offside che spinge l’arbitro ad annullare la rete vanificando la gioia del numero undici per la doppietta. Ai più era sembrato che Masini arrivasse da dietro e la rete fosse valida, ma solo la moviola darà il responso definitivo in merito.

Da segnalare anche che il numero cinque in maglia bianca, il ventenne Conte, dopo una discesa palla al piede nella zona centrale del campo perde palla ed entra a piedi uniti su Bono per un fallo davvero mostruoso; il pubblico si aspetta l’espulsione ma il direttore di gara, confermando la scarsa qualità dei fischietti della serie C e la loro propensione all’applicazione arbitraria del regolamento, opta per il semplice cartellino giallo. E’ qua che la partita vira e diventa anche nervosa, sia in campo che sugli spalti, dove si inizia a temere che senza mettere al sicuro il risultato una sbavatura possa vanificare un intero campionato.

Intanto le scorribande di Masini e del neo entrato Cesaretti fanno a fette la difesa del Lanciano, a questo punto sbilanciato, con il giovane lucchese che al 75’ ha la palla buona per segnare il suo primo goal con la squadra della sua città ma, solo davanti a Russo dopo un magnifico scambio con Masini, probabilmente travolto dall’emozione conclude malamanete a lato; poco prima (70’), ancora Cesaretti aveva scavalcato il portiere con un pallonetto senza che lui stesso e Giglio riuscissero a concretizzare il punto.

La Lucchese, come detto, non chiude la partita e la paure dei tifosi è alimentata da una discesa di Lauria (78’) che mette al centro dove Morello e Guidi sbrogliano in affanno con Pintori in agguato per la deviazione vincente.

Con Braglia furioso per gli errori sottoporta la partita si chiude all’83 quando Renzetti scende per l’ennesima volta sulla fascia e finalmente un suo cross trova la zampata vincente di un compagno: è Guariniello, da poco entrato al posto di Giglio, che sottomisura insacca il raddoppio con la sua prima rete in maglia rossonera e mette al sicuro il risultato. Negli ultimi minuti c’è ancora spazio per un po’ di nervosismo, con Del Prete, giocatore che ha messo in mostra ottime qualità in fase offensiva ma è stato travolto da Renzetti in fase difensiva, che se la prende con il coetaneo Cesaretti: sono le loro schermaglie ad accompagnare il risultato fino al fischio finale dell’arbitro. Nel frattempo, da segnalare un cartellino giallo per Gazzoli, inopportuno nel gettare via il pallone a risultato acquisito.

Per ambire ai playoff, ovviamente, la vittoria era l’unico risultato utile per la Lucchese che comunque, viste le vittorie di Pescara e Perugia, per non andare incontro a brutte sorprese dovrà andare a cercare la vittoria anche contro il già salvo Sorrento: quattro punti potrebbero non bastare. Verosimilmente infatti il Perugia potrà ottenerne sei, mentre il Pescara giocherà sul campo della Salernitana, ormai praticamente promossa. Probabilmente fuori dai giochi invece il costoso Gallipoli di Di Gennaro e Monticciolo, clamorosamente sconfitto in casa del Martina. Rischia a sorpresa di rimanere escluso anche il Crotone, che aspetta sul proprio campo proprio i giallorossi pugliesi.

Ovviamente soddisfatto Piero Braglia negli spogliatoi, la sua squadra ha centrato il risultato che voleva ed ha offerto anche una buona prestazione: «Niente da dire sulla vittoria. Sono contento di quello che ho visto con la squadra che ha dato risposte anche mentalmente. Ho rivisto la squadra della prima parte della stagione e abbiamo creato parecchie occasioni. D'altra parte il Lanciano non ha mai mollato dimostrando molta onestà dal punto di vista sportivo». Poi commenta il finale di campionato: «Per andare ai play-off penso possano bastare 54 punti anche perché ci sono scontri diretti e dubito che tutte le squadre possano vincere. Questa squadra può fare cose importanti ma deve guardare sempre e solo in casa propria perché non credo che ci siano squadre che in questo periodo hanno voglia di regalare punti. Tutti sono invischiati nella corsa per i play-off e i play-out e nessuno deve pensare che con Sorrento e Pistoiese possiamo vincere facilmente».

 

Lucchese-Lanciano 2-0

Marcatori: 43’ Masini, 82’ Guariniello

Lucchese: Gazzoli; Morello, Nocentini, Guidi; Cangi (85’ Bonatti), Bono, Briano, Renzetti; Bertolini (67’ Cesaretti), Giglio (75’ Guariniello), Masini. A disp. Moreau, Scalise, Bolzan, Magnani. All. Braglia

Lanciano: Russo; Del Prete, Bolic, Conte, Vitale; Vicedomini, Carcuro (78’ Cruciani); Wilker (53’ Pintori), Alberti (65’ Pagliarini), Giorgetti; Lauria. A disp. Farelli, Loiacono, Zaccardi, Bagalini. All. Moriero.

Arbitro: Peruzzo di Schio.

Angoli: 10 a 2 per la Lucchese

Ammoniti: Giglio, Renzetti, Gazzoli; Giorgetti, Conte
http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=6375

facebook

19 aprile 2008

Lucchese contro il Lanciano in cerca di tre punti per i playoff

Lucchese contro il Lanciano in cerca di tre punti per i playoff

Sport: Calcio

del 19/04/2008 di La redazione

LUCCA – Riparte il campionato dopo la battuta di arresto di Taranto. Al termine di una settimana in cui si è parlato dei rossoneri più che altro per situazioni esxtracalcistiche, al ‘Porta elisa’ arriva la rivelazione della prima parte della stagione, un Lanciano ormai fallito e dal futuro incerto, ma comunque pronto a dare battaglia per non rischiare i playout. Ai giocatori il compito di mettere a tecere le illazioni sul loro rendimento.

Torna in campo la Lucchese dopo la sconfitta di Taranto per un trittico finale di partite sulla carta abbordabili che dovranno fruttare almeno sette punti (se non nove) per garantire l’ingresso della truppa di Braglia nella griglia degli spareggi. Così come ormai accade da almeno due anni dopo ogni battuta di arresto, poca attenzione si è data a quel che è calcisticamente successo sul terreno dello Iacovone, cercando le ragioni della debacle in terra di Puglia nell’ambito della situazione societaria, tirando di nuovo in ballo la questione del ritardo nel pagamento dei stipendi e del malumore di alcuni giocatori. Altro argomento in auge nella settimana appena trascorsa è stato l’incontro del presidente Fouzi Hadj con il sindaco Favilla per gettare le basi di un accordo finalizzato alla realizzazione di una cittadella dello sport con nuovo stadio.

Quindi se da una parte di fanno rumors su una situazione societaria che non permette il pagamento dei giocatori (si ricorda comunque che gli stipendi contrattualizzati sono garantiti dalle fidejussioni richieste per l’iscrizione al campionato), dall’altra si parla di progetti e investimenti di notevole entità e proiettati nel futuro.

A noi comunque piace concentrarci su quel che esprime il campo, rifiutando l’idea (in qualche modo comunque suggerita anche da alcune dichiarazioni di Piero Braglia) che possa esserci un ammutinamento di protesta dei giocatori proprio quando la squadra si trova a un passo dal traguardo inseguito una stagione intera. Ecco allora che in settimana il tecnico maremmano ha lavorato per cercare una soluzione alla sterilità offensiva che da tempo vanifica la grande mole di gioco prodotta dai rossoneri e che, a nostro avviso, è l’unica responsabile dei troppi pareggi e della sconfitta di Taranto che hanno complicato la corsa playoff. Oltre al rientro di Bertolini, in avanti potrebbe esserci l’inserimento dal primo minuto di Guariniello al posto di Giglio, magari finalizzato a cercare di sfruttare le notevoli qualità aeree del centravanti ex-Martina. Provato in attacco, con risultati ottimi, anche l’esterno Cangi, che nelle poche apparizioni in rossonero ha dimostrato di poter essere davvero pericoloso laddove si trovi ad agire in area di rigore avversaria. Per il resto la formazione dovrebbe essere quella di sempre, con Nocentini al centro della difesa in luogo di Chiarini, operato al menisco in settimana e che ne avrà per almeno un mese. Comunque nel ruolo la rosa è assolutamente completa, con Bonatti che scalpita in panchina alla ricerca di un posto da titolare. A centrocampo, stante la squalifica di due giornate per De Simone dopo le scellerata espulsione di Taranto, spazio a Bono e Briano: per stessa ammissione dell'allenatore da qua in avanti in campo andranno i titolari, senza esperimenti (o esclusioni punitive).

Gli avversari di turno sono i rossoneri abruzzesi del Lanciano, un buon collettivo guidato da Francesco Moriero che per buona parte della stagione ha stazionato in posizioni di classifica a ridosso della zona playoff, salvo poi essere travolto da una crisi societaria che ha portato penalizzazioni in termini di punteggio e un fallimento che potrebbe significare anche retrocessione all’ultimo posto della classifica. Sulla squadra ha comunque messo gli occhi il magnate abruzzese dei rifiuti speciali Franco Maio, a quanto pare intenzionato a rilevare la società con programmi ambiziosi. E’ anche per questo che, con quattro punti di vantaggio sulla zona playout, il Lanciano non può permettersi passi falsi e la gara si preannuncia tutt’altro che scontata.

In ogni caso per Masini e compagni l’unico risultato utile a disposizione è la vittoria, che dovrà quindi essere perseguita a tutti i costi. Improbabile la presenza di un pubblico importate a sostenere la squadra, la sensazione è che l’attenzione puntata così spesso sulle vicissitudini societarie più che su quanto espresso dal campo demoralizzi la piazza che, al di là dei soliti affezionati, in generale non sembra ritenere possibile il raggiungimento dell’obiettivo serie B. In realtà la Lucchese è nel vivo della corsa promozione, esprime un buon gioco e in campo i giocatori lottano come non si vedeva da anni: a loro ancora una volta il compito di sopire gli echi delle polemiche e le illazioni sui risultati.

 

Lucca, stadio ‘Porta Elisa’, inizio ore 15.00

Lucchese: Gazzoli; Morello, Nocentini, Guidi; Scalise, Bono, Briano, Renzetti; Bertolin, Guariniello, Masini. All. Braglia

Lanciano: Russo; Del Prete, Bolic, Delli Carri, Vitale; Carcuro, Vicedomini; Pintori, Alberti, Pagliarini; Lauria. All Moriero

Arbitro: Peruzzo di Schio

http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=6345

facebook

sfoglia    settembre        novembre

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo