235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    aprile        giugno


29 maggio 2008

Cremonese: La rassegna stampa del 29 maggio

La rassegna stampa del 29 maggio

 

La Cremonese raccontata dai quotidiani locali

facebook

19 maggio 2008

Playoff 1ª semifinale: Foggia-Cremonese 0-0...stretto

Playoff 1ª semifinale: Foggia-Cremonese 0-0...stretto
Anche con un pari domenica allo "Zini" si va in finale

da uno dei nostri inviati, Alexandro Everet



Foggia - La Cremonese ha pareggiato 0 a 0 con il Foggia, risultato che nella economia dei playoff, risulta estremamente vantaggioso per i grigiorossi, che hanno avuto anche le occasione migliori, soprattuto con Temelin. il Foggia, aiutato da un gran pubblico, ha mantenuto una certa supremazia, ma le parate migliori le ha dovute compiere il numero 1 avversario. Partita dei gigiorossi ammirabile e tatticamente perfetta. Sconforto tra i tifosi e i calciatori del Foggia che ora sanno che l´accesso alla finale passa per lo Zini di Cremona, dove i rossoneri hanno un solo risultato su tre per proseguire l´avventura nei playoff: la vittoria. Ma con la Cremonese vista a Foggia... Ed allo Zini avranno parzialmente il conforto del loro tifo che è stato inutilmente massiccio e del quale la foto, di repertorio, dà un esempio.

Cremona deve adesso rispondere con maggiore entusiasmo che non alla vigilia di questa domenica. Nell'altro playoff vittoria del Foligno per 1 a 0 sulla Paganese. Domenica l'incontro di ritorno.

ALLA CREMONESE ADESSO BASTA IL PARI - Dopo lo 0-0 di Foggia alla Cremonese, come si èì deto, basta anche un pareggio allo Zini per qualificarsi. In caso di parità (anche con gol, quelli in trasferta valgono come quelli in casa) al 90' (non sono previsti tempi supplementari, previsti invece in finale in caso di parità complessiva) la Cremonese sarà infatti qualificata per il miglior piazzamento in campionato nella stagione regolare (che vale anche in finale in caso di parità, ma in quel caso come detto solo dopo la disputa dei tempi supplementari).

Zauli, Colucci e Mario Tacchinardi, ammoniti a Foggia, entrano in diffida e al prossimo cartellino giallo saranno squalificati.

Per Zauli peraltro nei prossimi giorni sono in programma delle verifiche per valutare la sua situazione fisica. A Foggia è infatti uscito acciaccato e la sua presenza nel ritorno non è assicurata.

Argilli e Mondonico da otto

Bianchi 7 - Non deve compiere parate eccezionali ma nelle uscite è impegnatissimo e se la cava sempre bene (e pensare che una volta le uscite erano uno dei suoi pochi punti deboli!). Sempre sicuro, sempre tranquillo. E sempre imbattuto: con lui in porta quest'anno la Cremonese non ha mai perso (16 partite, 9 vittorie e 7 pareggi).
Perticone 7 - Schierato esterno destro (ruolo in cui in passato non sempre era stato perfetto) annulla un peperino come Mounard sbagliando poco o nulla. Bravo.
Viali 7,5 - Guida la difesa da par suo, cioè in modo impeccabile. Insuperabile di testa, non perde mai la lucidità. Willy è una garanzia di qualità.
Argilli 8 - Mondonico lo ripesca dalla naftalina e lui risponde alla grande confezionando una prestazione monstre: essenziale, pratico, perfetto sulle palle alte, salva pure la ghirba grigiorossa con un paio di prodigiosi recuperi. Per dare un'idea diciamo che sembrava Mario Donadoni quella famosa volta che con la maglia del Palazzolo annullò Prisciandaro. Chapeau.
Rossi 6,5 - A sinistra duella con Di Roberto, un avversario difficile. Fatica ma riesce a limitare i danni al minimo. Prova positiva
Fietta 6 - Gioca finalmente bene ma ha una grave colpa: fallisce due occasionissime davanti al portiere (specialmente il tiro a colpo sicuro deviato da Giordano era praticamente un rigore in movimento). Comunque merita un voto positivo, la prestazione è stata incoraggiante.
Colucci 7 - Il capitano torna nella sua Foggia (è di Cerignola) e sfodera gli artigli giocando ad alto livello. Tatticamente impeccabile.

M. Tacchinardi 6 - Non gioca male ma è meno attento dei compagni nella copertura della fascia e a volte è troppo irruento. Ad ogni modo raggiunge la sufficienza.

Ferrarese 6,5 - Gioca bene sfiorando anche il gol in avvio. E rispetto ad altre volte appare meno nervoso e più controllato nelle reazioni.

Zauli 7,5 - Resta in campo finché il fisico regge, cioè un'oretta. Ma basta e avanza per lasciare il segno: regale nel controllo (i foggiani non gli portano mai via palla), razionale nel dettare il gioco, preciso negli assist (mette due volte Temelin davanti alla porta).

E' tornato il miglior Zauli: come tutti i campioni quando il gioco si fa duro risponde presente.
Temelin 5,5 - In realtà gioca bene facendosi trovare al posto giusto nel momento giusto e smarcandosi nel modo opportuno, sbaglia però due volte davanti ad Agazzi e questo pesa sul voto. Comunque è in forma: per un attaccante l'importante è esserci davanti alla porta, il gol arriverà.
Vitofrancesco 6,5 - Nella sua Foggia entra nella ripresa e si piazza a destra nel 4-5-1. Positivo, si distingue per un paio di serpentine eleganti e tenta anche la via del gol senza fortuna.
Graziani 6 - Entra nel finale per tenere su palla e aiutare la difesa nelle mischie. Fa il suo dovere. Il pubblico di Foggia lo becca perché rimane a terra fingendo un infortunio per perdere tempo. In effetti potrebbe risparmiarsi la manfrina.
Moretti sv - Solo uno scampolo di gara.

Mondonico 8 - Azzecca tutto: preparazione della gara, scelta degli uomini, lettura tattica e cambi. Dà una lezione di calcio e conferma le sue doti professionali.

Nell'intervista di fine gara si lamenta delle critiche al gioco: mister, stia tranquillo, se la squadra giocherà sempre così nessuno avrà nulla da ridire.


FOGGIA - Agazzi 7,5 (decisivo in diverse occasioni); Colombaretti 6; Zanetti 5,5 (pasticcione); Ignoffo 5,5 (soffre Temelin); Mora 6,5 (buona spinta); Coletti 5,5 (può fare di meglio); Giordano 6,5 (determinante il suo salvataggio su Fietta); Di Roberto 6,5 (il più vivace dei trequartisti); Del Core 6 (senza infamia e senza lode); Mounard 5 (sotto tono); Biancone 5 (di testa è sempre battuto da Argilli e Viali); Tisci 6,5 (propositivo); Mancino 6; De Paula sv. All.: Galderisi 5 (Mondonico imbriglia il suo Foggia e non riesce a trovare le giuste contromisure).


ARBITRO 7 - Tozzi di Ostia Lido si dimostra un ottimo arbitro: sempre vicino all'azione, non sbaglia nulla di rilevante e utilizza con criterio i cartellini mantenendo la gara in un binario di correttezza. il Foggia ha reclamato per la gomitata di Zauli ma l'ammonizione sembra sanzione sufficiente. Bravi anche gli assistenti di linea.


Mondonico: fiducioso: "Abbiamo il 75% di probabilità, ma dev'esserci Zauli"

di Alexandro Everet


A fine gara Emiliano Mondonico è visibilmente soddisfatto ma non manca di lanciare qualche frecciatina polemica, come suo costume.

La scelta di Argilli era scontata?

"Per me lo era fin da giovedì, dopo la partitella amichevole in cui ha fatto vedere di stare bene, benissimo. E' stata una buona idea. Spero domenica prossima di poter avere ancora Zauli, l'ho tolto perché ha avuto qualche problema fisico. Avevo detto che i generali bravi per vincere devono essere pronti a cambiare tattica, a usarne diverse, noi volevamo vincere oggi e l'ho abbiamo dimostrato schierando due esterni offensivi come Zauli e Ferrarese".

Ora le possibilità di qualificazione come sono ripartite?

"Io credo che per la promozione sia sempre valido il 25 per cento per ogni squadra comprese Foligno e Cittadella".

Dispiaciuto di non aver vinto?

"Come si fa a essere dispiaciuti dopo una prova del genere. Abbiamo messo tre volte il nostro capocannoniere davanti ad Agazzi che è stato il migliore in campo del Foggia. Di solito ci criticano per il nostro giocar male, a Cremona non c'è entusiasmo, ma vedo che qui apprezzate (il riferimento è ai giornalisti foggiani che si erano complimentati per il gioco espresso dalla Cremonese, Nda) e fa piacere che ogni tanto qualcuno lo faccia".

Si aspettava un Foggia così teso?

"Loro non si aspettavano una Cremonese così, non diamo colpe al Foggia ma riconosciamo i meriti della Cremonese. Per capirci voi avete due o tre televisioni che vi seguono, noi non ne abbiamo nemmeno una. Siamo abituati alla serie A, l'avremo quando saremo in serie A. Per ora ringraziamo i 150 che ci hanno seguito sin qui e che dimostrano che c'è ancora qualcuno che vuole bene alla Cremonese".

L'ultima volta a Foggia si era vista una Cremonese molto diversa.

"Quando venimmo qui il Foggia creò moltissime occasioni, oggi noi abbiamo fatto bene. Io so il perché ma lo sapevo anche durante il campionato"..

Oggi siete stati tatticamente perfetti.

"L'abbiamo preparata bene. Vedremo se magari domenica prossima cambieremo qualcosa. Alla fine peraltro basta un episodio per cambiare il risultato ed è quello a determinare i commenti".

Ma ha paura delle critiche?

"Paura no ma fastidio sì, forse perché sono nel calcio da tanti anni e fatico sempre più ad accettarle. Questa per me è stata l'annata più difficile della carriera per tanti motivi. Pensate che in ritiro all'inizio non avevamo neanche le mutande, abbiamo dovuto mandare qualcuno a comprarle. Non per colpa della Macron che anzi è stata brava ma perché abbiamo ordinato il materiale tecnico solo una settimana prima".

Si parla già di un suo ritorno in serie B indipendentemente dall'esito del campionato grigiorosso.

"Mondonico vive giorno per giorno, con quello che è successo al mio amico Favalli figurati se sto a pensare all'anno prossimo. Comunque io ho tre anni di contratto con la Cremonese".

Zauli è stato determinante.

"Vedremo di recuperarlo per domenica, altrimenti cambieremo qualcosa. Molti dimenticano che questo giocatore è stato fuori tanto, due o tre mesi. Ed è l'unico di qualità della rosa. Sento parlare spesso di qualità ma gli altri nostri giocatori sanno mordere più che dare qualità".

Però avete una panchina di lusso con gente come Graziani, Moretti, Vitofrancesco.

"Sì ma in campo vanno solo undici, come sempre"..


Nanu Galderisi al termine di Foggia - Cremonese. "Mancano altri 90 minuti. E´ stata dura ma si sapeva. Abbiamo giocato contro una squadra molto forte che si è chiusa bene in difesa e in diverse occasioni ha sfiorato pure il gol. Nel primo tempo abbiamo provato a fare il nostro gioco ma non ci siamo riusciti. Siamo partiti con il solito entusiasmo ma un pò di tensione ci ha bloccati. Nella ripresa è andata un pò meglio. Ora abbiamo una settimana di tempo per rivedere gli errori commessi e correggerli. Domenica prossima la partita sarà uguale a questa vista oggi. Contro la Cremonese sarà fondamentale mantenere un certo equilibrio: non possiamo pretendere di andare li e aggredirli dal primo all´ultimo minuto. Sul piano fisico ci può stare che qualcuno abbia sofferto più del solito: dopo 3 mesi di intenso lavoro si può accettare. Anche perché non abbiamo più la spensieratezza dei primi tempi. La posta in palio è tanta: un pò di tensione ci sta. Adesso, ripeto, mettiamoci subito al lavoro, per correggere quanto sbagliato e ritrovare la giusta compattezza".

Dall´Us Foggia, infine, giunge una conferma: da martedì i rossoneri saranno in ritiro. Il luogo designato è Cervia.

Mounard: “Zauli doveva essere espulso"

Il francesino Mounard, uno dei migliori . “Loro tatticamente sono stati perfetti: si sono chiusi bene e ci hanno lasciato pochissimi spazi. Noi abbiamo esagerato con i lanci lunghi. Non a caso quando ripartivamo palla a terra le cose ci riuscivano più facili. Adesso non facciamo l´errore di scoraggiarci per un pareggio. Mancano 90 minuti: possiamo farcela”. Una vena polemica in chiusura: “anche gli arbitri di oggi hanno dimostrato di essere da 0 a 0. Zauli, per quella gomitata, andava espulso: non ci sono dubbi”.

[Foggiacalciomania.com - Carlo De Sandoli]


Il rituale del Foggia prima della gara: ma non è bastato per battere la Cremonese (Foggiamania.com)

L'atmosfera allo "Zaccheria" durante Foggia-Cremonese è stata elettrizzante. Il pubblico di casa, numeroso e rumoroso, ha sostenuto incessantemente la propria squadra senza mai contestarla e anzi trascinandola nei momenti di difficoltà. Un tifo molto caloroso accresciuto dall'effetto cromatico delle migliaia di magliette rossonere indossate dai tifosi, come preannunciato alla vigilia. Un tifo peraltro molto corretto almeno in linea generale.

I tifosi grigiorossi, circa 150, hanno fatto del loro meglio per farsi sentire e ci sono anche riusciti anche se chiaramente non era semplice vista la disparità numerica coi tifosi locali.

Nell'occasione la curva grigiorossa ha voluto ricordare ancora Erminio Favalli, ex anche del Foggia, con lo striscione "Ciao Erminio" (e ci è piaciuto notare nella sede del Foggia appesa alla parete una foto gigante di Armanno Favalli, fratello di Erminio ed ex grigiorosso e foggiano tragicamente scomparso nel 1965).

Fra i tifosi grigiorossi al seguito ce n'erano alcuni speciali: Cremonesi, Astori, Amedeo Tacchinardi e Cozzolino, giunti in aereo per seguire i compagni dalla tribuna (e visibilmente soddisfatti a fine gara). E ovviamente il cavaliere Arvedi che ha lasciato lo stadio con un leggero anticipo ma che certamente non può che avere apprezzato la bella prova della sua squadra.

Il dopopartita di Foggia - Cremonese

Colucci: siamo stati bravi ma la qualificazione è ancora 50+50%

di Alexandro Everet

Leonardo Colucci da buon capitano ha tirato fuori gli artigli sfoderando una prestazione ottima nella sua Foggia (lui è di Cerignola). Leo è contento della prova della squadra ma ribadisce subito che per qualificarsi ci sarà da sudare ancora.

Allora Leo, siamo riusciti a neutralizzare il Foggia con un gioco attento fatto di coperture e pressing. Condividi?

"Hai ragione, siamo stati tutti bravi, accurati nel disporci, ben stretti, abili nel non farli ripartire. Avevamo contro una squadra ottima ma sinceramente meritavamo di vincere. Comunque per la qualificazione è ancora 50-50".

Abbiamo visto un Argilli superbo. Condividi?

"I quattro dietro sono stati tutti bravi nel non dare mai profondità al gioco del Foggia e obbligarlo a cercare le spizzate di Biancone, palloni poi preda della nostra difesa".


Stefano Argilli. Diciamolo pure. Non ci aspettavamo di vedere in campo Argilli a Foggia e quando lo abbiamo visto in distinta abbiamo dubitato della bontà della scelta di Mondonico. Temevamo che la velocità dei foggiani potesse metterlo in crisi. Argilli ha risposto con una prestazione maiuscola, imperiosa, autoritaria. E ha zittito alla grande i nostri mormorii di scetticismo. Eppure, nel dopopartita, nel giorno della sua rivincita personale, Stefano Argilli si è confermato persona umile e dotata di grande buon senso, dimostrando di essere un grande prima di tutto fuori dal campo.. Leggete le sue parole.

Stefano, non ci nascondiamo. Durante l'anno ti abbiamo spesso criticato, a volte anche massacrato. Oggi ti sei preso una bella rivincita, hai dimostrato di essere ancora un giocatore che fa la differenza con una prestazione straordinaria.

"Guarda, anch'io non sono pienamente soddisfatto della mia stagione, pensavo di fare meglio. Non credo però che sia stata tutta negativa: nel girone di andata credo di aver fatto bene, poi ho accusato un calo e il mister ha deciso di mettermi fuori. Non è un problema, non mi sono tirato indietro. Oggi per fortuna è arrivato il mio momento, forse nella partita più difficile ma anche più adatta a me: con una squadra corta e stretta ho potuto far valere le mie caratteristiche".

In effetti chiudendo benissimo sugli esterni abbiamo fatto cadere il Foggia nella trappola di dover insistere sui lanci lunghi per Biancone.

"I nostri esterni sono stati bravissimi. Era logico che loro facessero la partita come ci aspettavamo ma noi siamo stati bravi a interpretarla al meglio. Io credo che anche se un episodio ci avesse condannato, perché per esempio un gol sugli angoli avremmo anche potuto prenderlo, il giudizio sulla nostra prestazione non sarebbe dovuto cambiare".

Quando hai saputo che avresti giocato?

"Venerdì quando abbiamo fatto l'allenamento a porte chiuse e il mister mi ha inserito nella formazione titolare. Non giocavo da tanto ma avevo la tranquillità che giocare a calcio è l'unica cosa che mi riesce bene nella vita".

Ora ti puoi gustare la tua rivincita.

"L'interesse della squadra viene prima. A Cremona domenica ci sarà un'altra gara che sarà un altro tipo di partita. Sarà più nervosa e specialmente nel secondo tempo se loro non dovessero sbloccare il punteggio saranno costretti a scoprirsi".

A fine gara il commendator Randazzo non ha parlato con i giornalisti ma ha ugualmente fatto sentire la sua voce rilasciando la seguente dichiarazione tramite l'addetto stampa, Cristina Coppola:"Scrivete che Argilli è stato il migliore in campo". Una nota di stima importante, ma il commendatore non si preoccupi, in tribuna stampa il giudizio era unanime anche durante la gara. Insomma, della super-prova di Argilli se ne erano accorti proprio tutti. Perfino i giornalisti!


Giorgio Bianchi ha difeso gagliardamente la porta grigiorossa. Nel dopopartita c'è però spazio per una punta di rimpianto.

Giorgio, Foggia ti porta bene: migliore in campo in campionato, imbattuto nei playoff.

"Sì, è un buon risultato. Diciamo che abbiamo giocato il primo tempo di una gara da 180 minuti e conserviamo il vantaggio di avere a disposizione due risultati su tre. C'è anche un pizzico di rammarico però perché le occasioni migliori le abbiamo avute noi".

Ti aspettavi di essere impegnato così poco? Hai lavorato molto in uscita ma il Foggia non ti ha mai costretto a parate difficili.

"Io credo che sia stata una partita rognosa. Ho dovuto affrontare molta tensione in uscita perché loro hanno avuto tanti angoli, tanti cross. Sembra facile da fuori ma per un portiere è forse più difficile dover fare delle uscite a kamikaze in aree affollate che parare, anche se poi si valuta la prestazione magari per la parata che colpisce l'occhio. Comunque è andata bene".


Gianluca Temelin non ha giocato male, si è fatto trovare sempre pronto in area, si è liberato bene al tiro. Però purtroppo ha fallito un paio di buone occasioni, di quelle che di solito non brucia mai. C'è quindi un po' di rammarico, anche se non manca la soddisfazione per la bella prova della squadra.

Gianluca, il pareggio sta stretto?

"Come si è visto le occasioni migliori le abbiamo avute noi, loro hanno fatto più gioco sulle fasce ma Bianchi non ha dovuto fare interventi importanti mentre Agazzi ha fatto tante parate".

Per le occasioni che hai avuto tu provi rammarico?

"E' normale se sbagli il gol, potevamo ipotecare la qualificazione. Sappiamo che il Foggia è un'ottima squadra, fa paura ma noi abbiamo giocato a viso aperto".

Abbiamo visto un Foggia diverso dalle altre volte.

"Sì è visto un Foggia diverso ma anche una Cremonese diversa. Noi siamo venuti qui e ce la siamo giocata senza reticenze".

Un assist-man alle spalle come Zauli è sempre un lusso.

"Sappiamo il suo valore e conosciamo le sue caratteristiche".

Tornando alle tue occasioni, in quella del secondo tempo non sei riuscito a calciare bene

"Sì, non sono riuscito a imprimere forza al pallone. Comunque credo che Agazzi sia stato il migliore in campo del Foggia".

http://www.vascellocr.it/


facebook

18 maggio 2008

Calaiò sprona il Foggia: "Ci sono ancora 90 minuti..."

semifinale Playoff - gara di andata
18-05-2008

"Zaccheria"

Foggia
0
Cremonese
0

Marcature:  -

Formazione:
FOGGIA (4-2-3-1): Agazzi; Colombaretti (dal 23’st Tisci), Zanetti, Ignoffo, Mora; Giordano, Coletti: Di Roberto (dal 27’st Mancino), Del Core, Mounard; Biancone (dal 33’st De Paula).
Formazione:
CREMONESE (4-4-1-1): Bianchi; Perticone, Viali, Argilli, Rossi (dal 44’st Moretti); Ferrarese (dal 33’st Graziani), Colucci, Fietta, M. Tacchinardi; Zauli (dal 23’st Vitofrancesco); Temelin.
A disposizione:
Cavaliere, Arno, Rinaldi, Agostinone. All. G. Galderisi
A disposizione:
Sirigu, Brioschi, Bacis, Carotti. All. E. Mondonico

Arbitro
Tozzi di Ostia Lido

Ammoniti: Di Roberto (F); Zauli, M. Tacchinardi, Colucci (C)
Espulsi:  -

 Capienza massima raggiunta allo Zaccheria per la semifinale playoff tra Foggia e Cremonese, da molti considerata una finale anticipata ma che manderà avanti soltanto una tra le due squadre, inesorabilmente.

Galderisi mette in campo la formazione tipo cosi come Mondonico, che recupera Zauli proponendolo dal primo minuto, a supporto del solito Temelin. Unico assente, lo squalificato Astori.

A dettare i ritmi da subito è la Cremonese, con il direttore d’orchestra Zauli che al 2’ imbecca Ferrarese, ma il tiro di destro dell’esterno finisce di poco a lato ed al 9’ serve Temelin, abile a concludere ad incrociare, di controbalzo, sfiorando la traversa. Il Foggia stenta a costruire ed il numero 10 della Cremonese ne approfitta al 22’, scodellando un pallone perfetto per Temelin che però viene anticipato in uscita da Agazzi.

I padroni di casa arrancano, Di Roberto non sembra in giornata ed il solo Mounard prova a creare qualche pericolo ma è costretto a sacrificarsi anche in fase d’interdizione, cercando continuamente il raddoppio su Ferrarese (in aiuto a Mora), vera spina nel fianco sulla fascia sinistra rossonera. Uno dei pochi spunti sulla destra lo regala Colombaretti al 41’: cross in mezzo e colpo di testa di Biancone, di poco a lato mentre al 44’ un cross sbagliato di Mora diventa un tiro in porta che costringe Bianchi in angolo. Il Foggia dei primi quarantacinque minuti è tutto qua.

Ci si aspetta un Foggia diverso nel secondo tempo ma i fatti ci smentiscono inesorabilmente. Al 3’ Ferrarese da buona posizione conclude centralmente ed un minuto dopo ghiotta occasione sui piedi di Fietta, ma il suo “rigore in movimento” finisce in curva nord. E’ sempre e solo la Cremonese, infatti, a presentarsi dalle parti di un Agazzi chiamato agli straordinari quest’oggi, soprattutto al 10’ quando un suo doppio intervento su Temelin strozza in gola l’urlo del gol ai circa 250 lombardi giunti nel capoluogo dauno. Il pericolo sveglia i rossoneri che spinti dal proprio pubblico iniziano ad affacciarsi dalle parti di Argilli e company, alzando il ritmo della partita; ma un tiro di Coletti al 12’ ed una serie di mischie su palle da fermo (corner e punizioni) non possono bastare.

La Cremonese è tatticamente perfetta: costringe i rossoneri ai lanci lunghi ed a cercare gloria su calci da fermo (ben 10 i corner a favore), nel frattempo riparte e crea pericoli seri. Galderisi capisce che bisogna cambiare qualcosa, cosi richiama in panchina Colombaretti e l’evanescente Di Roberto, spostando Coletti sulla fascia ed affidandosi ai piedi di Tisci e Mancino. C’è più vivacità, d’accordo, ma cambia poco. Al 25’ scambio Colucci-Ferrarese e grande intervento a mano aperta di Agazzi, che si ripete un minuto dopo su Temelin ed allo scadere (50’) su Fietta, respingendo il siluro del centrocampista a pugni chiusi.

Termina quindi in parità un match che probabilmente, ai punti, avrebbe dovuto premiare gli ospiti, se non altro per le occasioni avute. Ma oggi Agazzi aveva il mantello rosso e la “S” di superman disegnata sul petto.

Mario Ciampi
http://www.ilsatanello.it/partita.php?id=166

Foggia-Cremonese 0-0. Sala Stampa

Termina 0-0 la gara d'andata della semifinale playoff tra Foggia e Cremonese. Padroni di casa tesi ed impacciati, tant'è che la partita l'hanno fatta i ragazzi di Mondonico, abili a creare quattro nitide occasioni da rete con Temelin, Fietta e Ferrarese sventate da un Agazzi in versione superman, decisamente il migliore in campo quest'oggi, al pari del "sempre verde" Lamberto Zauli. Un pareggio che aumenta la percentuale di qualificazione dei grigiorossi ed affievolisce le speranze dei rossoneri, che si giocheranno l'intera stagione domenica prossima allo "Zini".

FOGGIA

L'allenatore del Foggia, Giuseppe Galderisi: "Sostanzialmente non cambia molto, sapevamo di affrontare una squadra forte e con dei giocatori di categoria superiore, il problema è che la tensione spesso può fare brutti scherzi, ed a noi l'ha fatto...Loro si sono chiusi bene, diventando pericolosi in più occasioni. In settimana cercheremo di correggere gli errori e ritrovare lucidità e compattezza, nonchè recuperare qualcuno sul piano fisico, anche se dopo tre mesi di corsa ci può stare un calo. Ma guai a pensare di andare li ad aggredirli: finiremmo per essere sbranati".

Il portiere del Foggia, Michael Agazzi: "Non è stata facile, la Cremonese è venuta qui a fare la partita e ci ha messo in difficoltà; a fine gara eravamo molto stanchi, anche perchè c'era afa in campo ed abbiamo corso molto. Io migliore in campo? Si sono stato bravo a sventare due-tre occasioni degli attaccanti, fortunatamente la fiducia nei miei mezzi e quella dell'allenatore non m'è mai mancata. A Cremona servirà la gara perfetta, una mano ce la daranno i nostri tifosi".

CREMONESE

L'allenatore della Cremonese, Emiliano Mondonico: "Abbiamo affrontato i rossoneri a viso aperto, in maniera diversa rispetto alle due gare di campionato, anche grazie alla presenza di alcuni giocatori che nel doppio confronto erano assenti. Siamo venuti qui a Foggia a giocarcela e penso che il risultato ci sta pure stretto; li abbiamo costretti ai lanci lunghi, mettendo per tre volte i nostri davanti alla porta ma abbiamo trovato un gran portiere di fronte, che ci ha parato tutto. Domenica prossima? Studierò nuove soluzioni, bisogna sorprendere sempre; il Foggia è pericoloso sempre, guai a pensare di essere già in finale. Dispiace soltanto essere criticati da quelli che vedono i nostri playoff come un fallimento...posso dire sinceramente che questa è stata la mia stagione più difficile da quando alleno ma fortunatamente esistono anche quelli che vogliono ancora bene alla Cremo, come quelli presenti qui oggi ai quali va un plauso grande".

L'attaccante della Cremonese, Gianluca Temelin: "Abbiamo fatto una grande prestazione, costringendo il Foggia a dei lanci lunghi e ad una serie di calci da fermo. Eravamo messi bene in campo, offensivi e vogliosi di fare risultato, peccato però perchè il loro portiere è stato sicuramente il migliore in campo. Adesso ce la giocheremo in casa nostra, non sarà facile perchè il Foggia verrà da noi spregiudicato ma noi vogliamo arrivare in finale".

Mario Ciampi
http://www.ilsatanello.it/notizia.php?id=2547

Calaiò sprona il Foggia: "Ci sono ancora 90 minuti..."

Tra i 7.449 spettatori presenti allo Zaccheria c'era anche Emanuele Calaiò, attaccante del Napoli, particolarmente interessato alle sorti rossonere vista la presenza in squadra del cognato, Nicola Mora.
"E' stata la classica partita di serie C secondo me, giocata più sul piano fisico che su quello concreto del gioco; la Cremonese è stata brava a difendersi e ripartire in contropiede ed è normale che quando in squadra hai dei giocatori come Zauli e Ferrarese, tutto diventa più facile".
Se l'aspettava diverso il Foggia, Calaiò, soprattutto per quanto visto in campionato. "Si - conferma il bomber palermitano - rispetto alle ultime prestazioni ma i playoff sono cosi, è una lotteria dove oltre alla bravura, anche e soprattutto la fortuna ha un ruolo fondamentale; Io credo che la tensione non abbia aiutato i ragazzi, nonostante la splendida cornice di pubblico, anzi penso che li abbia un pò troppo".
Ed ora a Cremona sarà difficile..."ma non impossibile - prosegue "l'arciere" - perchè se il Foggia ritrova la lucidità dei giorni migliori, ne vedremo delle belle. Non diamo nulla per scontato, dal resto ci sono ancora 90 minuti da giocare. E magari segna proprio Mora...!".

Mario Ciampi
http://www.ilsatanello.it/notizia.php?id=2548

facebook

18 maggio 2008

Foggia - Cremonese

Foggia - Cremonese U.S. Foggia: Agazzi; Colombaretti(22' stColombaretti) Zanetti, Ignoffo, Mora; Coletti, Giordano; Di Roberto(27' st Mancino) Del Core, Mounard; Biancone(33' st De Paula)

A disp. Cavaliere, Arno, Rinaldi, Agostinone. All. Galderisi

Cremonese: Bianchi; Perticone, Viali, Argilli, Rossi; Ferrarese, Colucci, Fietta e Tacchinardi; Zauli; Temelin.

A disp. Sirigu, Brioschi, Bacis, Carotti. All. Mondonico

Arbitro sig. Tozzi di Ostia Lido
Ass. n1 Dobosz di Roma 2
Ass. n2 Segna di Roma 1
Ammoniti: Di Roberto(FG) Zauli, Tacchinardi Colucci (CR)

Il Foggia non riesce a sconfiggere la Cremonese nella gara di andata dei play off.
Davanti al pubblico delle grandi occasioni lo Zaccheria era vestito a festa, il Foggia non va oltre il pareggio contro una forte Cremonese che oggi allo Zaccheria ha sciorinato la migliore prestazione dell'anno, Mondonico recupera tutti gli infortunati, Galderisi schiera la migliore formazione possibile ma non riesce a scardinare la difesa grigio rossa dove il monumentale Argilli l'ha fatta da padrone.
Questa la cronaca: passano due minuti Ferrarese ci prova con un tiro di esterno la palla termina di pco alta sulla traversa, al 9' Temelin ci prova con un tiro al volo la palla sfiora la traversa, passa un minuto e si fa vedere il Foggia con Del Core che da fuori area ci prova la palla termina alta, al 13' sempre Del Core ci riprova il suo tiro termina al lato, al 21' Temelin viene pescato in area con un pallonetto tenta di scavalcare Agazzi che in uscita gli para il tiro, 26' Mounard ci prova fa buona guardia Bianchi, passano 6' minuti e Di Roberto si libera di un difensore e calcia Bianchi para, al 40' Del Core in area calcia in porta sulla sua strada trova Argilli che respinge, al 41' Colombaretti dal lato destro fa partire un cross in area svetta Biancone di testa palla al lato, 44' tiro cross di Mora, devia in angolo Bianchi, termina la prima frazione di gioco.
Comincia la ripresa nessun cambio tra le file delle due squadre, passa un minuto e ci prova Zauli dalla distanza Agazzi para, 3' Ferrarese ci prova dalla distanza sulla sua strada trova un super Agazzi che para, al 7' angolo per il Foggia calcia Di Roberto palla in area Bianchi anticipa di un soffio Del Core deviando in angolo, al 10' occasione per la Cremonese Fietta viene pescato tutto solo in area calcia in porta a colpo sicuro ma un super Agazzi respinge poi Ignoffo libera l'area, passa un minuto e Di Roberto dalla distanza il suo destro e alto, 12' Coletti dalla distanza Bianchi si supera deviando in angolo, 25' Colucci pesca in area Fietta che fa partire un tiro al volo Agazzi respinge, non passa nemmeno un minuto e Temelin ci prova da pochi metri Agazzi e insuperabile, non accade più nulla fino al 46' quando Mounard ci prova dal limite ma il suo tiro termina alto.
Il Foggia domenica avrà un solo risultato a disposizione vincere a Cremona, sarà dura ma non impossibile conoscendo la forza della squadra rosso nera e del suo tecnico Galderisi che motiverà al massimo i suoi, appuntamento domenica allo Zini di Cremona la gara comincerà alle ore 16 forza ragazzi crediamoci.

Francesco Scopece
http://www.dauniasport.it/index12.html

facebook

18 maggio 2008

Foggia-Cremonese, tutto rinviato

FOGGIA-CREMONESE, TUTTO RINVIATO

Foggia-Cremonese, tutto rinviato

18/05/2008

di Carmine Troisi

E’ dura, ma non bisogna arrendersi. Il Foggia non riesce a superare la Cremonese nel primo round della semifinale play off e rimanda tutto alla gara di ritorno, dove può solo vincere per continuare ad inseguire il sogno della promozione.
Allo Zaccheria finisce a reti inviolate. Ed al Foggia poteva andare pure peggio se gli attaccanti della Cremonese fossero stati più cinici e precisi e se Agazzi in più di un’occasione non ci avesse messo una pezza.
Chi si aspettava che la Cremonese scendesse allo Zac (esaurito in ogni ordine di posto) per giocarsela a viso aperto è rimasto deluso. L’esperto condottiero Mondonico le azzecca tutte. Chiude gli spazi, blocca le fasce, dove né Di Roberto, né Mounard trovano sbocchi, e si affida al contropiede. Compassata la manovra dei grigiorossi, ma sempre pungente. Viali ed Argilli dietro non se sbagliano una. A centrocampo la diga eretta da Colucci e Fietta costringe il Foggia a provarci solo con lunghi traversoni, quasi sempre facile preda degli avversari. Zauli fa il resto, innescando spesso il temibile Temelin.
I rossoneri annaspano, sbagliano in fase di appoggio e non riescono a creare grattacapi all’estremo difensore avversario.
Il primo tentativo a rete è proprio degli ospiti. Temelin calcia al volo e mette i brividi agli 8mila dello Zaccheria.
Cremonese ancora pericolosa a metà primo tempo: Zauli pesca Temelin, Agazzi gli sbarra la strada.
Il Foggia si vede solo con un colpo di testa di Biancone, che spedisce al lato da buona posizione e con un cross sbagliato di Mora che per poco non sorprende Bianchi.
Nella ripresa il Foggia prova a mettere più pressione ai lombardi. Di Roberto batte un angolo dalla destra, un difensore della Cremonese anticipa di un soffio Biancone.
Al 9’ sempre Di Roberto cerca il contatto in area con un avversario, l’arbitro lo ammonisce per simulazione.
L’occasione più pericolosa capita però sui piedi di Temelin: il capocannoniere del campionato calcia debole ma trova la corta respinta di Agazzi. Il centravanti ci riprova, Ignoffo sbroglia la matassa.
Poi è ancora Foggia, la stoccata di Di Roberto termina però alta sulla traversa.
La squadra di Galderisi prova a spingere, sorretta dal proprio pubblico. Coletti tenta la via della rete da fuori area, Bianchi salva in angolo.
A quel punto a rischiare sono soltanto i rossoneri. Che nel finale evitano la beffa. Fietta calcia a rete, Agazzi non trattiene e respinge sui piedi di Temelin, che però non ne approfitta.
In pieno recupero invece è il subentrato Graziani a trovare pronto Agazzi.
Finisce 0-0. Ma ci sono ancora 90 e passa minuti da giocare prima del verdetto finale.

Il tabellino

Foggia: Agazzi 7, Colombaretti 6 (23’st Tisci 5,5), Mora 6, Giordano 6, Zanetti 6, Ignoffo 6, Di Roberto 5,5 (28’st Mancino 6), Coletti 6, Biancone 5,5 (34’st De Paula sv), Mounard 5,5, Del Core 5.
A disp. Cavaliere, Arno, Rinaldi, Agostinone.
All. Galderisi 6.
Cremonese: Bianchi 6, Perticone 6, Rossi 6,5 (45’st Moretti sv), Colucci 6,5, Viali 7, Argilli 7,5, Ferrarese 6,5 (34’ st Graziani sv), Fietta 6, Temelin 6, Zauli 6,5 (24’st Vitofrancesco 6), M. Tacchinardi 6.
A disp. Sirigu, Brioschi, Bacis, Carotti.
All. Mondonico 7.
Arbitro: sig. Tozzi di Ostia Lido 6,5 (Dobosz, Segna).
4^ uomo: Del Giovane.
Reti:
Note: pomeriggio nuvoloso, spettatori paganti 7449 (tutto esaurito) per un incasso di euro 143.957. Ammoniti Zauli, Colucci, Di Roberto, M. Tacchinardi. Angoli 10-1 per il Foggia.
http://www.capitanatasport.it/news/dettaglio.asp?id=1695

91': PAROLA AI PROTAGONISTI

91': PAROLA AI PROTAGONISTI

18/05/2008

di Carmine Troisi

Le dichiarazioni dei protagonisti al termine della gara:

Giuseppe Galderisi (all. Foggia): "Abbiamo fatto il massimo, sapevamo che non sarebbe stata facile contro la Cremonese e che loro avrebbero chiuso tutti i varchi per impedirci di sciorinare la nostra manovra fatta di accelerazioni ed incursioni sulle fasce.
La Cremonese è una grande squadra e non lo scopriamo oggi. Ma nulla è compromesso, andremo lì a cercare di vincere perchè ci crediamo. Adesso prepareremo in settimana al meglio la gara di ritorno. Da martedì tutti in ritiro (a Cervia, ndr) dove lavoreremo sodo, lontano dalle pressioni. Respirare aria marina ci farà bene. In tranquillità prepareremo quella che è la sfida più importante della nostra stagione, consapevoli che possiamo farcela, perchè la Cremonese in casa qualche partita l'ha già persa".


Nicola Mora ( difensore Foggia): "Lo 0-0 non è un risultato negativo. Certo, tutti avremmo voluto vincere ma di fronte avevamo una signora squadra che ci ha chiuso gli spazi, costringendoci a giocare solo con lanci lunghi. Al ritorno sarà diverso, abbiamo un solo risultato su 3 e proveremo subito a fare gol. Resto fiducioso".

Michael Agazzi (portiere Foggia): "Primo round a reti inviolate? Vorrà dire che si deciderà tutto nel match di ritorno. Vedo troppo scoramento, ma stiamo scherzando? La qualificazione è ancora tutta da giocare e da decidere, quindi, andiamoci cauti con pronostici troppo pessimistici e soprattutto fuori luogo in questo momento. Andremo a Cremona per vincere, abbiamo i mezzi per riuscire a farlo".

Emiliano Mondonico (all. Cremonese): "Abbiamo fatto una grande partita, preparata al meglio. Probabilmente meritavamo qualcosina in più, non è un caso se il migliore in campo è stato, a mio parere, Agazzi, il portiere del Foggia.
In settimana ho seguito diversi dibattiti andati in onda sulle tv locali foggiane e so che tutti si aspettavano una Cremonese diversa, qualcuno ha detto anche cotta. Bene, abbiamo smentito tutti. Adesso abbiamo il 75% di possibilità di andarci a giocare la B in finale".


Gianluca Temelin (attaccante Cremonese): "Avremmo meritato il successo, viste le occasioni create. Comunque va bene così, siamo soddisfatti della nostra prestazione. Abbiamo impedito al Foggia di esprimersi sui suoi livelli, ora giocheremo dinanzi al nostro pubblico.
Discorso chiuso? Macchè, ci sarà ancora da combattere".

http://www.capitanatasport.it/news/dettaglio.asp?id=1696


facebook

18 maggio 2008

Foggia, tutto in 90'

Foggia, tutto in 90'


Termina a reti inviolate la gara di andata tra Foggia e Cremonese. Rossoneri spenti e troppo tesi. Grigiorossi che, ai punti, avrebbero meritato qualcosa in più. Domenica prossima allo Zini la soluzione finale.

Il Foggia deve vincere a Cremona

Capienza massima raggiunta allo Zaccheria per la semifinale playoff tra Foggia e Cremonese, da molti considerata una finale anticipata ma che manderà avanti soltanto una tra le due squadre, inesorabilmente.

Galderisi mette in campo la formazione tipo cosi come Mondonico, che recupera Zauli proponendolo dal primo minuto, a supporto del solito Temelin. Unico assente, lo squalificato Astori.

A dettare i ritmi da subito è la Cremonese, con il direttore d’orchestra Zauli che al 2’ imbecca Ferrarese, ma il tiro di destro dell’esterno finisce di poco a lato ed al 9’ serve Temelin, abile a concludere ad incrociare, di controbalzo, sfiorando la traversa. Il Foggia stenta a costruire ed il numero 10 della Cremonese ne approfitta al 22’, scodellando un pallone perfetto per Temelin che però viene anticipato in uscita da Agazzi.

I padroni di casa arrancano, Di Roberto non sembra in giornata ed il solo Mounard prova a creare qualche pericolo ma è costretto a sacrificarsi anche in fase d’interdizione, cercando continuamente il raddoppio su Ferrarese (in aiuto a Mora), vera spina nel fianco sulla fascia sinistra rossonera. Uno dei pochi spunti sulla destra lo regala Colombaretti al 41’: cross in mezzo e colpo di testa di Biancone, di poco a lato mentre al 44’ un cross sbagliato di Mora diventa un tiro in porta che costringe Bianchi in angolo. Il Foggia dei primi quarantacinque minuti è tutto qua.

Ci si aspetta un Foggia diverso nel secondo tempo ma i fatti ci smentiscono inesorabilmente. Al 3’ Ferrarese da buona posizione conclude centralmente ed un minuto dopo ghiotta occasione sui piedi di Fietta, ma il suo “rigore in movimento” finisce in curva nord. E’ sempre e solo la Cremonese, infatti, a presentarsi dalle parti di un Agazzi chiamato agli straordinari quest’oggi, soprattutto al 10’ quando un suo doppio intervento su Temelin strozza in gola l’urlo del gol ai circa 250 lombardi giunti nel capoluogo dauno. Il pericolo sveglia i rossoneri che spinti dal proprio pubblico iniziano ad affacciarsi dalle parti di Argilli e company, alzando il ritmo della partita; ma un tiro di Coletti al 12’ ed una serie di mischie su palle da fermo (corner e punizioni) non possono bastare.

La Cremonese è tatticamente perfetta: costringe i rossoneri ai lanci lunghi ed a cercare gloria su calci da fermo (ben 10 i corner a favore), nel frattempo riparte e crea pericoli seri. Galderisi capisce che bisogna cambiare qualcosa, cosi richiama in panchina Colombaretti e l’evanescente Di Roberto, spostando Coletti sulla fascia ed affidandosi ai piedi di Tisci e Mancino. C’è più vivacità, d’accordo, ma cambia poco. Al 25’ scambio Colucci-Ferrarese e grande intervento a mano aperta di Agazzi, che si ripete un minuto dopo su Temelin ed allo scadere (50’) su Fietta, respingendo il siluro del centrocampista a pugni chiusi.

Termina quindi in parità un match che probabilmente, ai punti, avrebbe dovuto premiare gli ospiti, se non altro per le occasioni avute. Ma oggi Agazzi aveva il mantello rosso e la “S” di superman disegnata sul petto.

FOGGIA (4-2-3-1): Agazzi; Colombaretti (dal 23’st Tisci), Zanetti, Ignoffo, Mora; Giordano, Coletti: Di Roberto (dal 27’st Mancino), Del Core, Mounard; Biancone (dal 33’st De Paula). A disp.: Cavaliere, Arno, Rinaldi, Agostinone. All. G. Galderisi

CREMONESE (4-4-1-1): Bianchi; Perticone, Viali, Argilli, Rossi (dal 44’st Moretti); Ferrarese (dal 33’st Graziani), Colucci, Fietta, M. Tacchinardi; Zauli (dal 23’st Vitofrancesco); Temelin. A disp.: Sirigu, Brioschi, Bacis, Carotti. All. E. Mondonico

ARBITRO: Tozzi di Ostia Lido

AMMONITI: Di Roberto (F); Zauli, M. Tacchinardi, Colucci (C)

NOTE: Cielo coperto, terreno in buone condizioni. Spettatori 7.449 (circa 250 tifosi ospiti) per un incasso di € 143.957. Angoli 10-1 per il Foggia. Recupero: 3’pt, 5’st.



Mario Ciampi - www.calciopress.net

http://calciopress.net/news/117/ARTICLE/4723/2008-05-18.html

facebook

18 maggio 2008

Foggia-Cremonese, la voce dei protagonisti

TMW A CALDO - Foggia-Cremonese, la voce dei protagonisti
18.05.2008 19.48 di Mario Ciampi  
Termina 0-0 la gara d'andata della semifinale playoff tra Foggia e Cremonese. Padroni di casa tesi ed impacciati, tant'è che la partita l'hanno fatta i ragazzi di Mondonico, abili a creare quattro nitide occasioni da rete con Temelin, Fietta e Ferrarese sventate da un Agazzi in versione superman, decisamente il migliore in campo quest'oggi, al pari del "sempre verde" Lamberto Zauli. Un pareggio che aumenta la percentuale di qualificazione dei grigiorossi ed affievolisce le speranze dei rossoneri, che si giocheranno l'intera stagione domenica prossima allo "Zini".

FOGGIA

L'allenatore del Foggia, Giuseppe Galderisi: "Sostanzialmente non cambia molto, sapevamo di affrontare una squadra forte e con dei giocatori di categoria superiore, il problema è che la tensione spesso può fare brutti scherzi, ed a noi l'ha fatto...Loro si sono chiusi bene, diventando pericolosi in più occasioni. In settimana cercheremo di correggere gli errori e ritrovare lucidità e compattezza, nonchè recuperare qualcuno sul piano fisico, anche se dopo tre mesi di corsa ci può stare un calo. Ma guai a pensare di andare li ad aggredirli: finiremmo per essere sbranati".

Il portiere del Foggia, Michael Agazzi: "Non è stata facile, la Cremonese è venuta qui a fare la partita e ci ha messo in difficoltà; a fine gara eravamo molto stanchi, anche perchè c'era afa in campo ed abbiamo corso molto. Io migliore in campo? Si sono stato bravo a sventare due-tre occasioni degli attaccanti, fortunatamente la fiducia nei miei mezzi e quella dell'allenatore non m'è mai mancata. A Cremona servirà la gara perfetta, una mano ce la daranno i nostri tifosi".

CREMONESE

L'allenatore della Cremonese, Emiliano Mondonico: "Abbiamo affrontato i rossoneri a viso aperto, in maniera diversa rispetto alle due gare di campionato, anche grazie alla presenza di alcuni giocatori che nel doppio confronto erano assenti. Siamo venuti qui a Foggia a giocarcela e penso che il risultato ci sta pure stretto; li abbiamo costretti ai lanci lunghi, mettendo per tre volte i nostri davanti alla porta ma abbiamo trovato un gran portiere di fronte, che ci ha parato tutto. Domenica prossima? Studierò nuove soluzioni, bisogna sorprendere sempre; il Foggia è pericoloso sempre, guai a pensare di essere già in finale. Dispiace soltanto essere criticati da quelli che vedono i nostri playoff come un fallimento...posso dire sinceramente che questa è stata la mia stagione più difficile da quando alleno ma fortunatamente esistono anche quelli che vogliono ancora bene alla Cremo, come quelli presenti qui oggi ai quali va un plauso grande".

L'attaccante della Cremonese, Gianluca Temelin: "Abbiamo fatto una grande prestazione, costringendo il Foggia a dei lanci lunghi e ad una serie di calci da fermo. Eravamo messi bene in campo, offensivi e vogliosi di fare risultato, peccato però perchè il loro portiere è stato sicuramente il migliore in campo. Adesso ce la giocheremo in casa nostra, non sarà facile perchè il Foggia verrà da noi spregiudicato ma noi vogliamo arrivare in finale"
http://www.tuttomercatoweb.com/index.php?action=read&id=104505

facebook

16 maggio 2008

I reduci da infortunio sono il dubbio


3-0: non sono mancati momenti di difficoltà per la difesa grigiorossa nel provino del giovedì contro il Noceto, ultimo test prima dei playoff. Ma varrà il detto: allenamento opaco... grande partita? Era evidente che il pensiero dei grigiorossi volava a domenica nella amichevole disputata giovedì allo Zini.. Ecco Bianchi in uscita.


Forza e coraggio grigiorossi, potete farcela

di Alexandro Everet


Tira un'aria strana in casa grigiorossa. La squadra di Mondonico sta per giocarsi l'ambito traguardo della serie B in un playoff che sarà certamente tirato ed emozionante, eppure nell'ambiente c'è un clima depresso, quasi rassegnato.
In questi giorni non solo si è visto poco entusiasmo in città (al di là dei 200 meritevoli tifosi che seguiranno la squadra a Foggia, che tutto sommato data la distanza non sono neppure pochissimi) ma parlando con tifosi, simpatizzanti, appassionati, giornalisti abbiamo maturato l'impressione di un "pessimismo cosmico" sorprendente per una squadra che bene o male è arrivata seconda e che quindi regolamento alla mano parte sia pur leggermente avvantaggiata (quasi tutti coloro che abbiamo incontrato sono convinti di perdere). Che il Foggia incuta rispetto ci sta tutto. E' una squadra forte, esperta (lo scorso anno ha giocato la finale playoff perdendola all'ultimo minuto), in forma. Ha disputato un girone di ritorno eccezionale mostrando un gioco spettacolare e organizzato, segna con facilità impressionante e con tutti i giocatori, ha elementi di grandissima qualità (Mounard, Del Core e Di Roberto solo per citarne qualcuno), può contare su una tifoseria numerosa e appassionata che sicuramente si farà sentire. Inoltre, negli scontri diretti ci ha fatto soffrire oltremodo, specialmente a Foggia.
Tutte cose giuste, tutte cose vere. Ma questo Foggia, per forte che sia, non è il Real Madrid. Anche il Foggia ha dei punti deboli (la fase difensiva per fare un'esempio). Di questo Foggia bisogna averne il massimo rispetto ma non bisogna commettere l'errore di averne paura. Forza e coraggio grigiorossi, potete farcela!

Mondonico ancora indeciso: 4-3-2-1?

Come potete leggere anche nella sua intervista, Emiliano Mondonico ha ancora delle riserve sulla formazione da schierare a Foggia, legate soprattutto alla condizione degli infortunati appena rientrati (Carotti, Viali e Zauli su tutti). Le certezze per ora sembrano essere la difesa a quattro e Temelin unica punta. Quanto ai singoli diamo per certa la maglia da titolare per Brioschi, Rossi, Colucci, Ferrarese, Temelin. In difesa c'è incertezza su chi completerà il reparto tra Perticone e Bacis. Inoltre bisognerà valutare le condizioni di Viali: il suo sostituto eventuale sarebbe Argilli. In porta Sirigu è favorito su Bianchi. A centrocampo al fianco di Colucci ci aspettiamo Tacchinardi e Fietta (se il reparto sarà a tre), altrimenti potrebbe esserci spazio per Vitofrancesco. In avanti infine se Zauli non partirà dall'inizio potrebbe toccare a Graziano.

Ecco comunque la nostra probabile formazione a due giorni dal match (anche se Mondonico potrebbe stupirci, quindi prendiamola con le dovute riserve):

(4-3-2-1) Sirigu; Brioschi, Viali, Perticone, Rossi; Tacchinardi, Colucci, Fietta; Graziano, Ferrarese; Temelin.


http://www.vascellocr.it/



Giorgio Bianchi ha confermato la sua attenzione e l 'ottima condizione anche contro il Noceto, l'ultimo test grigiorosso prima del playoff. Tra l'altra sul rigore a favore dei parmigiani ha sconcertato il tiratore, Pasquali, che infatti ha battuto a lato. Eccolo in un altro pericoloso assalto della squadra parmigiana, che milita in serie D.

I reduci da infortunio sono il dubbio
di Mondonico

Questa settimana la squadra è rimasta in silenzio per non deconcentrarsi in vista di Foggia ma venerdì mattina mister Mondonico è tornato a parlare alla stampa per chiarire come stanno le cose in casa grigiorossa. Un'intervista serena, in cui il tecnico ha ribadito alcuni concetti precisati durante l'anno ma ha anche fatto capire di non avere ancora del tutto deciso l'undici titolare di domenica.

Mister, allora siamo pronti?

"Per forza, in casi come questi, visto quello che ci giochiamo e come siamo arrivati sin qui, per continuare quello di buono che abbiamo fatto sperando di mettere tutti d'accordo".

Non le chiediamo nulla sulla formazione ma con la rosa disponibile al completo ha molta scelta.

"Sì, però i 4-5 giocatori reduci da infortunio (Carotti, Viali e Zauli in particolare, Nda) non danno garanzie di poter giocare tutti i 90 minuti quindi il dilemma è se schierarli tutti e sperare che durino tutta la gara, il che però sarebbe un'azzardo, o fare altre scelte".

Questo anche perché si tratta di una gara particolare, su 180 minuti.


Allenamento a porte chiuse venerdì mattina per la Cremonese. Mister Mondonico non ha voluto sguardi indiscreti, evidentemente dovendo provare qualche schema che deve rimanere segreto. Alla seduta hanno preso parte tutti i giocatori della rosa. La squadra rimarrà libera nel pomeriggio, sabato mattina allenamento e poi partenza dall'aereoporto di Parma alla volta di Foggia dove la squadra resterà in ritiro sabato sera.

"Il primo tempo dura però 90 minuti e bisogna dare subito il meglio e il massimo. Chi viene da un infortunio però non dà garanzie e forse è meglio metterlo un po' alla volta".

Mister, possiamo parlare di finale anticipata?

"No, assolutamente. Il campionato ha parlato chiaro, le cinque prime classificate ma anche il Padova erano sullo stesso livello. Di conseguenza penso che le quattro qualificate ai playoff abbiano ciascuna il 25 per cento di possibilità".

Che impostazione tattica si aspetta, ritiene che il Foggia giocherà per vincere a tutti i costi?

"Tutti devono vincere per forza, nessuno gioca per perdere. Poi è chiaro che ciascuno ha il suo modo di giocare: il Foggia ha fatto un grandissimo girone di ritorno giocando in un certo modo e non credo che si discosterà molto da come ha giocato tutto l'anno. E' anche vero che un vecchio filosofo diceva che i grandi generali sanno vincere in tanti modi. Questo perché l'avversario alla lunga può capire i tuoi punti forti e i tuoi punti deboli. La Cremonese può giocare in modo diverso, ha la possibilità di cambiare e vale la pena di sfruttarla".

Si aspetta quindi un Foggia spregiudicato?

"Non direi. La grande abilità dei tre trequartisti del Foggia è quella di saper rientrare, non credo che stiano a guardare quando i nostri esterni salgono, li seguiranno fino al limite dell'area di rigore. L'unica punta è Biancone, non sono poi così spregiudicati".

Il Foggia ha qualche punto debole?

"Difficile trovarne dopo un girone di ritorno come il loro e poi se ci fosse è meglio non dirlo..La forza del Foggia è quella di avere giocatori di categoria così come la nostra è stata quella di avere giocatori che pur venendo da categorie superiori hanno saputo calarsi nella categoria. Non fosse stato così avremmo fatto la fine di Padova e Verona: quando abbiamo battuto il Verona abbiamo pensato tutti di aver battuto la squadra più forte del campionato, poi si è visto come è andata a finire. Magari i suoi giocatori non hanno capito la categoria. Le squadre che sono arrivate ai primi posti hanno tutte giocatori di categoria. Chi aveva giocatori di categoria superiore ha fatto fatica, pensate a Padova, Verona, Venezia, Monza, Novara. Non è facile in un campionato di questo tipo. Io credo che se una squadra di serie A sfida a calcio a cinque una squadra di calcetto finisce col perdere, ogni campionato ha le sue logiche".

Non è stato difficile motivare i giocatori per questa gara, immaginiamo.

"Questa per me è stata un'annata difficile, non semplice come era preventivabile. E' stata anzi l'annata più difficile della mia carriera di allenatore. Grazie solo alla buona volontà abbiamo comunque disputato un ottimo campionato. Per fortuna, io da giocatore ho fatto sempre la serie C e conoscevo le difficoltà, per me è stato un tornare alle origini".

Che ambiente si aspetta a Foggia?

"Entusiasmo, calore. Ricordiamoci che il Foggia l'anno scorso ha perso la B all'ultimo minuto dell'ultima partita. Questo deve dare ancora più note di merito alla Cremonese per quanto fatto. Il presidente del Sassuolo (Squinzi, Nda) ha definito la B come il frutto di un lavoro di 4 anni. Perfino il Napoli ci ha messo due anni per uscire dalla C. Il Cittadella ha perso i playoff due anni di fila per un gol, anche il Foligno è una squadra costruita negli anni tanto che Bisoli lo scorso anno ha vinto la panchina d'argento e questo qualcosa vuol dire".

E dei tifosi nostri invece cosa possiamo dire? Stanno organizzando una carovana con macchine proprie, saranno circa duecento.

"Non ci sono problemi, siamo contenti di quello che abbiamo. Sembra che ci sia poco entusiasmo perché questa è una città abituata alla serie A, non porta entusiasmo essere abituati alle grandi squadre. Qualche giorno fa un tifoso mi ha detto "mister, in B contro squadre come il Brescia sì che lo riempiremmo lo stadio" ma l'importante secondo me è che ci sia la Cremonese, se c'è la Juve gli juventini riempiono lo stadio ma i nostri tifosi devono venire per la Cremonese. Poi c'è il discorso degli invincibili che tanto male ci ha fatto, io che vivo da 40 anni questo ambiente so che quando poi non si rivelano tali c'è l'illusione e subentra il pessimismo. Io questo l'ho detto in tempi non sospetti, non ho mai illuso nessuno neanche quando allenavo altre squadre. Qui non c'era neanche il problema degli abbonamenti che a volte porta a enfatizzare i toni per avere più tagliandi, ma con un presidente come il nostro è un problema che non esiste qui. Io ho sempre detto queste cose e alla fine i fatti mi hanno dato ragione".

http://www.vascellocr.it/sport/incampo1.htm

facebook

16 maggio 2008

La Cremonese pronta ad affrontare i Play-off

La rassegna stampa di venerdì 16 maggio

 

Pubblichiamo la rassegna stampa dei nostri quotidiani locali

Files:
Cronaca_16_05.pdf
Provincia_16_05.pdf
http://www.uscremonese.it/news.html?tx_ttnews%5Btt_news%5D=251&tx_ttnews%5BbackPid%5D=10&cHash=e313e43060
La Cremonese pronta ad affrontare i Play-off
Il Comm Giacomo Randazzo: Ci siamo, siamo pronti e non vogliamo lasciare niente di intentato

Il Direttore Generale, comm. Giacomo Randazzo, ha parlato con i giornalisti per spiegare come la società sta affrontando i play off.

"Ricordiamo - ha detto Randazzo - che i play off sono organizzati a tutti gli effetti dalla Lega Professionisti di Serie C, che si avvale di commissari particolari e di steward. Sia a Foggia che a Cremona ci sarà personale della Lega a controllare le varie fasi organizzative e la migliore fattibilità dell'evento.

Il Direttore Generale ha voluto nell'occasione anche anticipare qualche notizia sui prezzi stabiliti per la gara Cremonese - Foggia:

"A Cremona verranno applicati gli stessi prezzi effettuati durante il campionato, leggermente più bassi di quelli decisi dal Foggia. L'unica uniformità sono i prezzi delle curve ospiti per i quali sono stati concordati 10 euro da entrambe le società. E' importante inoltre segnalare che non saranno ritenuti validi tutti i tipi di tessera, comprese quelle stampa e gli abbonamenti".

L'U.S. Cremonese renderà pubbliche, già a partire da lunedì, tutte le informazioni riguardanti la partita di ritorno, in particolare, per gli abbonati sarà attuato un diritto di prelazione nei modi e nei tempi che verranno comunicati in seguito.

Per concludere il Commendator Randazzo ha voluto sottolineare il clima di assoluta serenità che circonda la squadra in attesa del finale di stagione:

"Andiamo a Foggia con il massimo impegno, la squadra ha lavorato bene e affronta la trasferta con l'assoluta convinzione di avere gli stimoli giusti per raggiungere l'obiettivo. Ci siamo, siamo pronti e non vogliamo lasciare niente di intentato perchè l'obiettivo è quello che tutti noi conosciamo".
http://www.cremonaweb.it/sport/wmview.php?ArtID=3306

facebook

15 maggio 2008

Cremonese: Riccardi precisa: allenatori, presidente, direttore sportivo e calciatori sono tutti in discussione.

Rassegna stampa del 15 maggio

 

La Cremonese raccontata dai quotidiani locali

Files:
Provincia_15_01.pdf
Cronaca_15_01.pdf
http://www.uscremonese.it/news.html?tx_ttnews%5Btt_news%5D=248&tx_ttnews%5BbackPid%5D=10&cHash=b62ed670bc

CREMONA - In una intervista rilasciata a pallone biancoceleste il presidente Riccardi precisa: allenatori, presidente, direttore sportivo e calciatori sono tutti in discussione.
Aspetteremo il 25 maggio per poter decidere il futuro di tutti anche di quei calciatori che aspettavano una riconferma, la retrocessione e dura da digerire, sul futuro del direttore sportivo Pavone il presidente ricorda che Pavone ha tre anni di contratto però in questo momento ripeto siamo tutti in discussione me compreso.
Francesco Scopece

CREMONA - Questa mattina in sede il Direttore Generale, comm. Giacomo Randazzo, ha parlato con i giornalisti per spiegare come la società sta affrontando i play off.
"Ricordiamo - ha detto Randazzo - che i play off sono organizzati a tutti gli effetti dalla Lega Professionisti di Serie C, che si avvale di commissari particolari e di steward. Sia a Foggia che a Cremona ci sarà personale della Lega a controllare le varie fasi organizzative e la migliore fattibilità dell'evento.
Il Direttore Generale ha voluto nell'occasione anche anticipare qualche notizia sui prezzi stabiliti per la gara Cremonese - Foggia:
"A Cremona verranno applicati gli stessi prezzi effettuati durante il campionato, leggermente più bassi di quelli decisi dal Foggia. L'unica uniformità sono i prezzi delle curve ospiti per i quali sono stati concordati 10 euro da entrambe le società. E' importante inoltre segnalare che non saranno ritenuti validi tutti i tipi di tessera, comprese quelle stampa e gli abbonamenti".
L'U.S. Cremonese renderà pubbliche, già a partire da lunedì, tutte le informazioni riguardanti la partita di ritorno, in particolare, per gli abbonati sarà attuato un diritto di prelazione nei modi e nei tempi che verranno comunicati in seguito.
Per concludere il Commendator Randazzo ha voluto sottolineare il clima di assoluta serenità che circonda la squadra in attesa del finale di stagione:
"Andiamo a Foggia con il massimo impegno, la squadra ha lavorato bene e affronta la trasferta con l'assoluta convinzione di avere gli stimoli giusti per raggiungere l'obiettivo. Ci siamo, siamo pronti e non vogliamo lasciare niente di intentato perchè l'obiettivo è quello che tutti noi conosciamo".

Fonte: uscremonese.it

facebook

sfoglia    aprile        giugno

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo