235 Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio Rassegna Web della Prima Divisione Lega Pro Serie C1 Calcio seriec1 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

logo di seriec1.ilcannocchiale.it rassegna stampa della lega pro prima divisione
Blog letto 1 volte












div>

Tim Cup 2009/2010, Risultati completi,
Tabellone, Regolamento

Coppa Italia 2009/2010
Risultati e Calendario
Siti Ufficiali


prima pagina della Gazzetta dello Sport

prima pagina del Corriere dello Sport

prima pagina di Tuttosport

il cirotano



Verdetti 2010-2011
Retrocesse dalla serie B
Frosinone Portogruaro
Triestina Piacenza
Promosse dalla 2a Div
Tritium Carpi
Latina FeralpiSalò
Carrarese Trapani
Retrocesse in 2a Div
Paganese Cavese
Monza Sudtirol
Ternana Cosenza
Promosse in serie B
Gubbio Nocerina
H.Verona Juve Stabia


Supercoppa 2010-2011
22 - 26 maggio
Gubbio Nocerina 1 - 1
Nocerina Gubbio 0 - 1
Vincente: Nocerina


Play Off Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Verona Sorrento 2 - 0
Salernitana Alessandria 1 - 1
Girone "B"
Juve Stabia Benevento 1 - 0
Taranto A. Roma 0 - 1
5 giugno 2011
Girone "A"
Sorrento Verona 1 - 1
Alessandria Salernitana 1 - 3
Girone "B"
Benevento Juve Stabia 1 - 1
A. Roma Taranto 2 - 3
Finali Play Off 2011
Andata 12 giugno
Verona Salernitana 2 - 0
Juve Stabia A. Roma 0 - 0
Ritorno 19 giugno
Salernitana Verona 1 - 0
A. Roma Juve Stabia 0 - 2


Play Out Lega Pro
29 maggio 2011
Girone "A"
Sudtirol Ravenna 1 - 0
Monza Pergocrema 1 - 0
Girone "B"
Viareggio Cosenza 3 - 1
Foligno Ternana 1 - 0
5 giugno 2011
Girone "A"
Ravenna Sudtirol 2 - 1
Pergocrema Monza 1 - 0
Girone "B"
Cosenza Viareggio 0 - 1
Ternana Foligno 1 - 1


Lega Pro 1a Div - Girone A
10a giornata - 25 ott 09
Alessandria Viareggio 0 - 0
Como Arezzo 0 - 0
Classifica - 10a giornata
 1  Novara 24   
 2  Cremonese 22

Serie C1 Rassegna Web Prima Divisione Lega Pro





































sfoglia    marzo        maggio


11 aprile 2009

Pazzo Padova: Varricchio-gol e blitz esterno - biancoscudati.net

Una rete dell'airone a inizio ripresa fa tornare il Padova al successo, dopo una gara giocata con determinazione e culminata con la quinta vittoria esterna della stagione. Esordio per il baby Veronese ...continua a leggere >>

facebook

11 aprile 2009

Il Padova senza molti titolari ha espugnato 0-1 la Cremonese - vascellocr.it

Le gallinelle padovane nonostante una formazion di assoluta emergenza hanno rivelato una consistenza di gioco nepure paragonabile a quella dei grigiorossi e ...continua a leggere >>

facebook

10 dicembre 2008

Coppa Italia: Cremonese col Padova, bastava un pari, vince 3 - 2 (facendosi parzialmente rimontare nel finale)

I veneti hanno convocato ragazzini e riserve - Solo 145 spettatori paganti ...continua a leggere >>

facebook

10 dicembre 2008

Coppa Italia: Cremonese col Padova, basta un pari, speriamo nel bel gioco (minaccia di neve)

I veneti hanno convocato solo ragazzini e riserve ...continua a leggere >>

facebook

29 aprile 2008

Dicono di noi: il dopo Cremonese-Padova

Dicono di noi: il dopo Cremonese-Padova PDF Stampa E-mail
martedì 29 aprile 2008
ImageIl pareggio di Cremona chiude in anticipo la stagione del Padova. Commenti ed opinioni dalla carta stampata a tiratura nazionale e locale, nella nostra consueta rassegna.


Da dove iniziamo questa settimana? Dal pareggio amaro dello Zini, che accresce solo i rimpianti? Oppure dall’analisi di un’altra stagione fallimentare? O ancora dalle prospettive future? Tutti argomenti che proveremo a sviscerare aiutati dai giornali del lunedì, ma permetteteci di partire parlando degli altri. Le prime righe vanno infatti dedicate agli ex Selva e Tarozzi, che con i loro compagni e il tecnico Max Allegri (altro ex) conquistano la serie B. Complimenti al piccolo, grande Sassuolo, che, come riporta La Gazzetta dello Sport, “è stato il più continuo, cattivo e concreto ma anche spettacolare, capace di segnare con dodici giocatori diversi, tra cui il centrale Piccioni, autore del gol promozione”. Insomma davvero una bella realtà, che già lo scorso anno ai play-off aveva sfiorato la finale e in questo campionato ha raccolto i frutti meritati di una seria programmazione. Parola quest’ultima che a Padova non si conosce e, guardando ai numeri della realtà Sassuolo, urge qualche seria considerazione. Domenica allo stadio modenese i paganti non arrivavano a duemila con quattrocento abbonati. Rispetto al Padova, fin qui, il Sassuolo ha perso più partite (8 a 7), ha subito quattro gol in meno, realizzandone sei in meno. Il suo attaccante più famoso e prolifico è quell’Andy Selva, che da Padova qualche anno fa è stato cacciato senza quasi giocare. Potremmo proseguire, ma la sostanza è una sola: i campionati non si vincono con i soldi, anche se a Sassuolo non mancano, con i curricula importanti, con lo stadio da serie A, con le grandi dichiarazioni, ma con scelte chiare, senza isterismi, senza esaltazioni e conseguenti depressioni, puntando su un gruppo di giocatori uniti, motivati e vincenti. Ossia l’esatto contrario di quanto abbiamo visto a Padova negli ultimi cinque anni e la partita di Cremona è l’ennesimo mattone di questo palazzo incompiuto. Lo Zini è uno stadio che evoca per i biancoscudati grandi imprese. Anche domenica serviva la partita perfetta e il Padova ha dato tutto quello che aveva ottenendo un pareggio condito di gol, emozioni, parate spettacolari da parte dei portieri, ma, come annota Il Mattino, “che non serve a nessuno”. L’inizio del match è quello atteso: partenza lenta dei biancoscudati e lombardi più propositivi. Nel momento in cui il Padova sta uscendo, ecco il vantaggio grigiorosso con Temelin, rete che Stefano Edel definisce “uno di quei gol strani che sono stati la costante di questo mese e mezzo”. O forse dell’intero campionato? Mah, fatto sta che sono bravi i ragazzi di Sabatini a rialzare subito la testa con il tocco sotto rete di Max Varricchio dopo la sponda di Mastronicola. E un’altra sponda, stavolta di Crovari, consegna all’Airone bolognese la possibilità per il vantaggio, che significa nuova speranza di rimanere in corsa. Non sono però d’accordo i ragazzi di quella vecchia volpe di Mondonico, che pareggiano i conti con Graziani, ironia della sorte, oggetto del desiderio biancoscudato l’estate scorsa. Il finale vede il Padova alla disperata ricerca del 3-2 (palo di Rabito), ma anche la Cremonese non sta a guardare con Temelin sprecone. Come dice Leggo, “finisce senza vincitori, ma con un vinto, il Padova”. Continua Il Mattino: “cuore e coraggio non sono bastati, la vittoria è rimasta sospesa lì, in aria, impossibile da agguantare. E senza di essa è andato in fumo il lavoro di un anno”. Già, un campionato rovinato dagli ultimi due risultati, soprattutto la disgraziata prova dell’Euganeo contro la Pro Sesto. Su quella sconfitta ritorna Il Mattino che si chiede “com’è stato possibile che contro la Pro Sesto lo stesso gruppo che ha lottato a Cremona, dando l’anima, abbia completamente sbagliato approccio e lettura della gara?”. Domanda che meriterebbe risposte convincenti, che non arrivano da nessun biancoscudato. E’ chiara comunque la consapevolezza in Sabatini e nei suoi ragazzi dei troppi punti persi nel corso dell’anno. Il capitano Cotroneo cita solo le partite casalinghe con Ternana e Foligno, ma l’elenco potrebbe essere più lungo. Varricchio punta l’indice su “quel periodo, un paio di mesi fa, in cui abbiamo lasciato troppi punti per strada”. Sabatini, che ha ancora in mente lo scivolone interno con la Pro Sesto, peraltro la sua unica sconfitta, mette in luce le disattenzioni difensive, “errori ricorrenti, a cui in questo poco tempo avuto a disposizione non siamo riusciti a porre rimedio”. Effettivamente le ultime due gare gettano la croce soprattutto addosso alla premiata ditta Faisca-Cotroneo. I due centrali vengono sonoramente bocciati da Il Padova e da Leggo. Il capitano ottiene mezzo punto in più per la generosità dimostrata nei minuti finali, quando si getta in attacco. Meno cattivo Il Mattino, che li giudica con un 5,5. Addirittura non si capisce che partita veda La Gazzetta dello Sport, che dà 7 a Cotroneo e 6,5 a Faisca. Da elogiare invece pienamente la prestazione di Federico Crovari: per lui “una prova di grande cuore”, secondo Leggo, che giudica positivamente anche Orazio Russo, “preciso e concreto”. Male invece Eder Baù, secondo Il Padova “invisibile sia a destra che a sinistra”. Sull’asiaghese anche un eloquente “Chi l’ha visto” da parte di Giovanni Viafora su Leggo. Chi si è visto bene domenica, e per tutto il girone di ritorno, è sicuramente Massimiliano Varricchio, che è per Carlo Della Mea “di un’altra categoria”. Il Mattino ci ricorda che le sue quindici segnature rappresentano il suo primato personale e ci lascia quasi un imperativo: “un bomber così adesso bisogna tenerselo stretto e aiutarlo di più”. L’affermazione invita a cominciare a parlare del futuro di questa squadra e di questa società. La conferma di Varricchio ci sembra una buona idea, viste le qualità di questo attaccante. Negli ultimi anni, da più parti, si è sempre sentito parlare della necessità di una punta da 15-20 reti a stagione, sembra che il Padova l’abbia trovata, riuscirà nell’impresa di farsela scappare? Un altro nodo è l’allenatore. Sabatini alla domanda sul suo futuro si limita a ricordare di avere un altro anno di contratto con la Beretti e a ringraziare il presidente per la grande opportunità che gli è stata offerta. Ci rendiamo conto che è inutile parlare di scelte tecniche quando il vero tormentone che partirà verosimilmente alla fine della stagione regolare ha un nome e un cognome: Marcello Cestaro. Resterà, venderà e, se sì, a chi? Marco Zorzo su Leggo annuncia “imminente il cambio di guardia al timone di viale Nereo Rocco. Patron Marcello Cestaro sta per cedere il bastone del comando a un gruppo di imprenditori padovani. E potrebbe anche esserci il ritorno di Sergio Giordani”. Nelle prossime settimane inizierà la telenovela e quanto mai opportuno è l’invito di Stefano Edel: “Cestaro dovrà chiarire se vuole continuare ad investire nel calcio biancoscudato oppure se intende passare la mano a qualcun altro, ma lo dica subito e senza tentennamenti”.
Intanto c’è ancora una partita da disputare e per onor di cronaca l’aritmetica non condanna ancora il Padova, ma alzi la mano chi non prevede un bel pari tra Ternana e Foggia. Forse il solo Meluso, che dà al Padova lo 0,1 per cento di possibilità, oppure qualche inguaribile tifoso con poca memoria di come vanno queste cose. Avevamo chiesto un regalo la scorsa settimana a Venezia e Monza e puntualmente non è arrivato. Questa settimana occorre che il Foggia non si presenti al Liberati e ci sembra altamente improbabile. Da parte sua il Padova ha il dovere di battere la Cavese soprattutto per i tifosi e per onorare la maglia. Attorno alle 17 di domenica deve però avere inizio un’analisi seria delle cause di questo nuovo fallimento da parte della proprietà, dei dirigenti, dei tecnici, dei giocatori e di tutti quelli che ruotano attorno a questa squadra, tifosi compresi. Ci sembra che gli anni scorsi non sia mai stata fatta e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Sarà così anche quest’anno?

Luca Zattarin - redazione@biancoscudati.net

http://www.biancoscudati.net/index.php?option=com_content&task=view&id=1151&Itemid=39

facebook

27 aprile 2008

Cremonese - Padova 2-2

Cremonese - Padova 2-2
Un pareggio che non serve a nessuno

27 aprile 2008 il giorno del ricordo del Grande Erminio Favalli allo stadio Zini. Il minuto di silenzio prima dell'inizio della gara è stato surreale. Credevo fossi diventato sordo perchè in quei 60 secondi non ho sentito volare una mosca. Al fischio dell'arbitro, esplode tutto lo stadio con un'interminabile applauso. Il Capitano Colucci depone un mazzo di rose nei distinti sotto la gigantografia di Erminio.

Allo Zini va in scena il big match tra Cremonese e Padova, squadre di alta classifica alla ricerca della promozione nella serie cadetta. I grigiorossi cullano il sogno di ottenere una promozione diretta, scalzando il Sassuolo in vetta alla classifica, mentre per il Padova l'obiettivo massimo è ottenere la qualificazione ai playoff, ma per entrambe conta solo la vittoria. Nonostante queste premesse, si materializza esattamente il risultato che non serve a nessuno: un pareggio 2-2 spettacolare che porta le firme di Temellin per il vantaggio cremonese, di Varricchio - autore di una doppietta che fa sognare i tifosi biancoscudati - ed infine il gol del pareggio ad opera di Graziani, subentrato a Graziano nella ripresa.

Emiliano Mondonico: "Oggi abbiamo giocato una buona partita, cercando la vittoria e creando gioco. Bisogna che tutti ricordino che, sin dall'inizio del campionato, l'obiettivo era di fare un discreta stagione, possibilmente centrando i play off, nessuno aveva mai parlato di vittoria del campionato e promozione diretta. I fischi a Fietta? Lui è stato il gran colpo di mercato della Cremonese, abbiamo puntato molto su di lui, è stato fortemente voluto da Favalli e chi manca di rispetto al giocatore è come se mancasse di rispetto anche al nostro compianto Erminio. Ad ogni modo era il centrocampista con 'più gambe' e si è fatto preferire davanti alla difesa, bisogna che il pubblico lo sostenga.

Mister Sabatini ringrazia i suoi ragazzi per l’impegno e la determinazione messe in campo contro la Cremonese
“Credo che gli errori difensivi siano stare ricorrenti tutto l’anno. Nelle prime partite eravamo riusciti a mascherarli, ma probabilmente non abbiamo avuto abbastanza tempo per eliminarli del tutto. Ora vogliamo chiudere questo campionato con una vittoria, credo che non sia quasi mai successo che una squadra con 55 punti non arrivasse ai play off e questo aumenterà ancora di più il nostro rammarico, ma da parte nostra non possiamo fare altro che onorare del tutto il nostro campionato chiudendolo al meglio. La partita di oggi è stata aperta come doveva essere, forse c’è mancato un pizzico di fortuna ma il rimpianto più grande è ovviamente quello per i tre punti lasciati domenica scorsa. C’è da dire che nell’ultima fase il calendario non ci ha aiutato perché abbiamo trovato davanti a noi tutte squadre motivate da ragioni di classifica. Probabilmente, senza nulla togliere ai nostri avversari, loro hanno avuto un cammino meno difficile da questo punto di vista. Siamo stati normali e invece dovevamo essere super.”

Cremonese 2-2 Padova


93°  Finisce la partita

90°  Tre minuti di recupero

87°  Cross pennellato di Ferrarese sulla testa di Temelin, da ottima posizione manda a lato

82°  Doppio intervento di Cano prima su punizione di Viali, poi su gran tiro di Chomakov dal limite

78°  Sostituzione per il Padova esce Bau entra Muzzi

77°  Ammoniti per reciproche scorrettezze, Temelin ( Cr ) e Cano ( Pd )

76°  Punizioni per la Cremo dai 20 metri, tira Viali, para a terra per un soffio Cano

75°  Sostituzione per il Padova esce Mazzocco entra Amenta

72°  Rabito dal limite, colpisce il palo alla sinistra di Sirigu

72°  Gran botta di Varricchio dal limite devia in angolo Sirigu

71°  Sostituzione per la Cremo esce Perticone entra Brioschi

68°  Ammonito Ferrarese ( Cr )

67°  Perticone dalla destra entra in area, tiro debole, palla a lato

60°  Sostituzione per il Padova esce Russo entra Rabito

56°  Sostituzione per la Cremo esce Fietta entra Chomakov

56°  GOL DELLA CREMONESE - Cross di Ferrarese dalla destra, ciccio Graziani di Testa infila Cano

50°  Sostituzione per la Cremo esce Graziano entra Graziani

49°  Tiro da fuori area di Fietta, palla a lato

47°  GOL DEL PADOVA - Angolo del Padova, di testa Mastronicola smarca Varricchio che da due passi insacca

46°  Miracolo di Sirigu, cross di Russo dalla sinistra Varricchio di testa impegna il portiere grigiorosso che devia in angolo

  Inizia il secondo tempo

46°  Finisce il primo tempo

43°  Ammonito Mazzocco ( Pd )

39°  Bella azione grigiorossa, Zauli lancia Ferrarese, quest'ultimo di prima in mezzo per Temelin, anticipa per un soffio Music

36°  Ammonito Colucci

36°  Ammonito Mastronicola ( Pd )

35°  GOL DEL PADOVA - Angolo del Padova mischia in area Verricchio di testa, Sirigu para al di là della riga bianca

33°  GOL DELLA CREMONESE - Cross di Rossi dalla destra, palla sporcata da un difensore, Temelin dal dischetto in fila Cano con un tiro angolato

29°  Ammonito Music per fallo di mano ( Pd )

26°  Il Padova prende coraggio ed inizia a mettere i grigiorossi in difficoltà

24°  Perde palla Zauli nella trequarti, la palla arriva a Varricchio che dal limite fa partere un siluro, para a terra Sirigu

22°  Ammonito Crovari ( Pd )

19°  Tiro da fuori area di Fietta, direttamente in curva

18°  Taglio in area di Zauli per Fietta, non aggancia per un soffio

15°  Gara molto combattuta al centrocampo

12°  Lancio di Zauli per Temelin in area, quest'ultimo viene anticipato dal portiere

8°  angolo di Ferrarese, Viali devia leggermente, per Perticone, indecisione davanti a Cano, libera la difesa

  Inizia la Partita - Un minuto di silenzio per il Grande Erminio Favalli

  Inizio gara ore 15:00 - Stadio Zini Cremona

  http://www.cremonaweb.it/sport/wmview.php?ArtID=3282

facebook

27 aprile 2008

Cremonese-Padova, la voce dei protagonisti

TMW A CALDO - Cremonese-Padova, la voce dei protagonisti
27.04.2008 20.25 di Germano D'Ambrosio  articolo letto 242 volte
Fonte: Alessandro Pironti
CREMONESE-PADOVA 2-2
Marcatori: 35' Temelin (C), 36' Varricchio (P), 48' Varricchio (P), 57' Graziani (C)

Allo Zini va in scena il big match tra Cremonese e Padova, squadre di alta classifica alla ricerca della promozione nella serie cadetta. I padroni di casa cullano il sogno di ottenere una promozione diretta, scalzando il Sassuolo in vetta alla classifica, mentre per il Padova l'obiettivo massimo è ottenere la qualificazione ai playoff, ma per entrambe conta solo la vittoria. Nonostante queste premesse, si materializza esattamente il risultato che non serve a nessuno: un pareggio 2-2 spettacolare che porta le firme di Temellin per il vantaggio cremonese, di Varricchio - autore di una doppietta che fa sognare i tifosi biancoscudati - ed infine il gol del pareggio ad opera di Graziani, subentrato a Graziano nella ripresa.

CREMONESE

L'allenatore della Cremonese, Emiliano Mondonico: "Oggi abbiamo giocato una buona partita, cercando la vittoria e creando gioco. Bisogna che tutti ricordino che, sin dall'inizio del campionato, l'obiettivo era di fare un discreta stagione, possibilmente centrando i play off, nessuno aveva mai parlato di vittoria del campionato e promozione diretta. I fischi a Fietta? Lui è stato il gran colpo di mercato della Cremonese, abbiamo puntato molto su di lui, è stato fortemente voluto da Favalli e chi manca di rispetto al giocatore è come se mancasse di rispetto anche al nostro compianto Erminio. Ad ogni modo era il centrocampista con 'più gambe' e si è fatto preferire davanti alla difesa, bisogna che il pubblico lo sostenga.

Il centrocampista della Cremonese, Cataldo Graziano: "Delusione? Beh sì, un po' di delusione c'è, sia per come è andata oggi, sia per il campionato: penso che potevamo vincerlo. Ai playoff bisognerà stringere i denti, sarà una battaglia".

PADOVA

L'allenatore del Padova, Carlo Sabatini: "C'è grande amarezza, amarezza enorme, per tutti i tifosi, i ragazzi, il presidente. Però non è il pareggio di oggi che ha compromesso la nostra corsa ai playoff, ma alcune altre gare, ad esempio quella di domenica scorsa. I tanti errori difensivi? Sì, sono stati importanti e sintomo che c'è qualcosa che andrebbe sistemato in difesa, però onore agli avversari che hanno saputo metterla in difficoltà. Il giudizio sulla mia avventura come allenatore della prima squadra è estremamente positivo, il coronamento di un sogno. Ad ogni modo, dalla prossima stagione, tornerò a guidare la formazione primavera".

Il capitano del Padova, Paolo Cotroneo: "Abbiamo fatto di tutto per portare a casa il risultato, il problema è che ci sono state partite come quella di domenica scorsa in cui siamo mancati, ma oggi abbiamo dato tutto. La mancata qualificazione ai playoff è una amarezza incredibile: uno ci mette tutto il suo impegno, fa sacrifici, con lui fa sacrifici anche la sua famiglia, poi se il risultato non arriva i tifosi ti criticano, ti fanno sentire un fallito. Io oggi mi sento come un fallito".
http://www.tuttomercatoweb.com/?action=read&id=101822

facebook

27 aprile 2008

Padova: Un punto che non serve

Un punto che non serve PDF Stampa E-mail
domenica 27 aprile 2008
ImageNon basta una doppietta di Varricchio. Il Padova impatta a Cremona sul 2-2, ma il punto serve soltanto a prolungare l'agonia di sette giorni. Soltanto un vero miracolo, ora, potrebbe ribaltare la situazione di classifica che vede il Foggia avanti di tre lunghezze.


Un punto ciascuno, non serve a nessuno.
E’ un epilogo amaro, quello della stagione biancoscudata, che nonostante le roboanti premesse ai nastri di partenza, i milioni di Euro spesi e le tante, troppe chiacchiere, orchestrate nel corso degli ultimi mesi, non riescono per la quinta annata consecutiva a centrare l’obiettivo minimo dei playoff.
Non serve il 2-2 ottenuto sul campo della Cremonese, al termine di una gara ben giocata dai biancoscudati, passati in vantaggio ad inizio ripresa dopo aver ribaltato l’iniziale situazione sfavorevole. Merito agli undici calciatori schierati dal tecnico Sabatini, che hanno smentito le premesse di una gara in tono minore dopo l’umiliante ko interno di sette giorni prima contro la Pro Sesto.
Ci riesce difficile capire, francamente, quali meccaniche si inneschino nell’ambiente biancoscudato in situazioni come quella odierna. Ancor più complicato è cercare di ricomporre un puzzle divenuto oramai un vero e proprio rompicapo, con la stagione 2007/08 chiusa (quasi definitivamente) in anticipo di un turno. E’ vero, la matematica non condanna ancora i biancoscudati, che con una combinazione vincente potrebbero strappare in extremis negli ultimi 90 minuti di stagione un biglietto per i playoff. Ma a noi, detto in maniera molto sincera, della matematica oggi non interessa, perché ciò che conta è che il Padova ha letteralmente gettato nel gabinetto una possibilità di ritornare finalmente a recitare un ruolo di prim’ordine.
Lo si è evinto anche allo “Zini”, dove di fronte alla Cremonese i biancoscudati di Mister Sabatini hanno a tratti illuminato il campo con un gioco fluido e ben più brillante dei tentativi della squadra in maglia grigiorossa.
Parte forte la Cremo, ma questo era prevedibile, sospinta soprattutto dal numeroso pubblico accorso nell’impianto divenuto storico per il Padova Calcio che nel 1994 vinse lo spareggio per conquistare la Serie A.
Perticone potrebbe far gioire il proprio pubblico già dopo 8 minuti, quando su suggerimento di Zauli batte a rete di prima intenzione, trovando però la fortunata deviazione di Gentile sulla linea di porta. Il Padova fatica ad organizzare una seria offensiva, continuamente messo alle corde dalle rapide folate offensive dei lombardi. Ci prova Varricchio, involatosi sulla trequarti, con una botta che Sirigu para in calcio d’angolo; quindi è Russo (27’) a tentare la conclusione da fuori area, con palla abbondantemente a lato.
Il primo sussulto capita al 34’, quando i grigiorossi passano in vantaggio grazie a Temelin, che ricevuta la sfera nel pieno dell’area, trova il tempo e lo spazio vincente per battere Cano nell’angolo basso, complice anche la dormita generale nella difesa. Uno a zero, palla al centro. Passa un minuto, forse qualcosa in più, quindi la situazione di gara torna ad equilibrarsi. Merito di bomber Varricchio che si avventa in area di rigore avversaria sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Mastronicola: deviazione vincente e palla in rete per l’1-1.
La Cremonese non ci sta a riprova subito a cercare la profondità per mettere scompiglio dalle parti di Cano. Ferrarese è protagonista sulla corsia di competenza, alla costante ricerca di Temelin, sul quale è tuttavia provvidenziale Cotroneo.
L’inizio di ripresa è da incubo, per i grigiorossi. Dopo un paio di minuti il Padova segna di nuovo. E lo fa nuovamente con il suo uomo di punta, Massimiliano Varricchio, abile a deviare sotto la traversa un tocco corto di Crovari su corner battuto da Gentile. Due a uno, con il pubblico dello “Zini” incredulo.
L’illusione biancoscudata, tuttavia, dura ben poco. Mondonico inserisce un’attaccante, Graziani, per il centrocampista Graziano. E’ proprio l’ariete dell’attacco lombardo a infilare alle spalle di Cano il (definitivo) 2-2 all’11’. Ferrarese sguscia tra due avversari sulla sinistra, mettendo al centro per l’accorrente centravanti che in tuffo di testa pareggia di nuovo il conto.
La gara, quindi, si trascina convulsa nella fase centrale, dove la Cremonese sfrutta male più di un’opportunità su calci piazzati concessi non senza un pizzico di generosità dal direttore di gara. Il Padova risponde senza indugi. Varricchio si conferma miglior biancoscudato in campo e mette i brividi a Sirigu con una conclusione a rientrare di destro che l’estremo locale devia in angolo. Sugli sviluppi dalla bandierina, Gentile tocca fuori area per Rabito che con una botta di prima centra il palo.
Al 37’, quindi l’occasione migliore per il possibile nuovo vantaggio dei locali. Viali scalda le mani a Cano su punizione; sugli sviluppi dell’azione Chomakov ci prova con un diagonale che l’estremo biancoscudato para a terra. Sul capovolgimento di fronte, quindi, è il nuovo entrato Muzzi a mettere i brividi alla retroguardia di casa; l’azione si conclude con l’ennesimo tentativo di Varricchio, parato in extremis da Sirigu.
Quindi, le fasi più confuse di un match che si spegne poco dopo il terzo minuti di recupero concesso dal direttore di gara. Il 2-2 sancisce la fine della stagione regolare per la Cremonese, che proverà a giocarsi la promozione ai playoff.
Il punticino serve a pochissimo, per non dire a nulla, ai biancoscudati, che da questa sera potranno cominciare un serio esame di coscienza (a cominciare, perché no, dalla dirigenza) sull’ennesima stagione finita senza vincitori da festeggiare.

Il tabellino
Cremonese (4-2-3-1): Sirigu; Perticone (Brioschi dal 25’ s.t.), Viali, Astori, Rossi; Colucci, Fietta (Chomakov dal 12’ s.t.);Ferrarese, Graziano (Graziani dal 5’ s.t.),  Zauli; Temelin. (In panchina: Bianchi, Argilli, Vitofrancesco, Tacchinardi). All.: Emiliano Mondonico
Padova (4-3-3): Cano; Mastronicola, Cotroneo, Faisca, Music; Mazzocco (Amenta dal 30’ s.t.), Crovari, Gentile; Russo O. (Rabito dal 16’ s.t.), Varricchio, Baù (Muzzi dal 33’ s.t.). (In panchina: Mondini, Donadoni, Gotti, Russo N.). All.: Carlo Sabatini
Arbitro: Vuoto di Livorno (Antico – Lenzi)
Marcatori: Temelin (C) al 34’ p.t., Varricchio (P) al 35’ p.t. e 3’ s.t., Graziani (C) al 11’ s.t.
Ammoniti: Crovari (P), Music (P), Colucci (C), Mazzocco (P), Ferrarese (C), Cano (P)
Note: Giornata soleggiata con temperatura primaverile, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 5.500 circa senza tifosi ospiti. Prima della gara è stato osservato un minuto di raccoglimento per l’improvvisa scomparsa del direttore sportivo della Cremonese, Erminio Favalli.

Marco Lorenzi - marco.lorenzi@biancoscudati.net

http://www.biancoscudati.net/index.php?option=com_content&task=view&id=1146&Itemid=62

Rammarico e rassegnazione PDF Stampa E-mail
domenica 27 aprile 2008
ImageSabatini parla sconsolato ai microfoni nel dopo-gara. Il Padova è fuori dai playoff e la stagione va verso un epilogo amaro. Delusione anche per Meluso e Max Varricchio.


Mister Carlo Sabatini appare sconsolato al cospetto dei giornalisti presenti. Le sue dichiarazioni di commento alla partita sono eloquenti. "Regna enorme rammarico, per come la situazione si presentava appena quindi giorni fa. Una tristezza che ci pervade soprattutto per il nostro Presidente, per il quale dispiace non esser riusciti a centrare l'obiettivo. Abbiamo disputato una buona gara contro una corazzata del torneo e questo tuttavia non basta perchè comunque non siamo andati oltre il pareggio. Peccato, perchè evidentemente il tempo avuto a disposizione in queste settimane non è stato sufficiente a cambiare qualche situazione soprattutto nella retroguardia, che anche oggi ha mostrato qualche falla ed incertezza." Poi il tecnico puntualizza. "Dalla mia squadra, comunque, pretendo il massimo impegno in vista anche della gara di domenica prossima. Vorrei chiudere la stagione a quota 55 punti. L'anno prossimo? Non mi aspetto nulla. Per me allenare la prima squadra è stato un sogno. Ho ancora un anno di contratto in quanto allenatore della Berretti e onorerò il mio impegno preso con il Padova Calcio."
Anche dalle parole del ds Meluso traspare un pizzico di rassegnazione. "Abbiamo disputato una grande partita al cospetto della favorita del torneo. Ritorniamo a casa con la consapevolezza di esser fuori dai playoff con la concomitanza dei risultati per noi negativi delle dirette concorrenti. Il futuro? Non sono abituato a tracciare bilanci prima che sia posta la parola fine sul campionato. Ne riparleremo tra sette giorni, dopo la gara con la Cavese. Sarà l'occasione per tirare le somme sul nostro campionato."
Tra i protagonisti, l'airone Massimiliano Varricchio è eloquente. "La doppietta personale e le 15 reti stagionali sono motivo d'orgoglio per me. Mi piange il cuore, però, constatare che tutto questo non serva per centrare i playoff e giocarci la B. Venire a Cremona, fare due gol e non portare a casa la vittoria è davvero incredibile."

(Ringraziamo il collega Antonio Ammazzagatti per la gentile collaborazione)
Marco Lorenzi - marco.lorenzi@biancoscudati.net

http://www.biancoscudati.net/index.php?option=com_content&task=view&id=1148&Itemid=62

L'airone stavolta non basta PDF Stampa E-mail
domenica 27 aprile 2008
ImageEnnesima prestazione da incorniciare per Varricchio. Voti bassissimi per i difensori, protagonisti in negativo della giornata biancoscudata allo "Zini".


Cano 6: Ci mette il cuore, respingendo al mittente più di un tentativo portato dagli avanti cremonesi. Nulla può nell'occasione in cui Temelin e Graziani mettono la sfera alle sue spalle.
Mastronicola 5: Bocciatura piena, al termine di 90 minuti in cui fa vedere ben poco. Costantemente sotto pressione, soffre a dismisura le folate offensive per Ferrarese e soci portano nella fascia di sua competenza.
Music 6: Rispetto al collega di reparto sopracitato, la prestazione del bosniaco è sostanzialmente buona. Si mantiene su buoni livelli, arginando anche qualche situazione spinosa.
Faisca 4,5: Dorme letteralmente nelle occasioni in cui la Cremonese va in gol. Certe disattenzioni non sono ammissibili, soprattutto da parte di un difensore esperto e sempre puntuale.
Cotroneo 5: Mezzo punto in più del compagno al centro della difesa. Male, comunque, nel complesso di un match in cui la retroguardia è determinante nel mancato successo biancoscudato.
Crovari 7: Prestazione sontuosa, condita da gran correre ed interventi determinanti all'interno della metà campo. Ha il suo bel da fare a fronteggiare l'agguerrito reparto avversario; esce a testa da ogni situazione.
Russo O. 6,5: Anima e cuore anche per l'esterno siciliano, che lavora molto in sordina a sostegno di Varricchio.
Rabito (dal 16' s.t.) 6,5: Entra in partita all'istante. Meriterebbe gloria per il tiro che vede infrangersi sul palo a Sirigu battuto.
Mazzocco 6: Prestazione diligente, a supporto dell'asse di centrocampo, dove con Crovari e Gentile riesce a farsi valere.
Amenta (dal 30' s.t.) S.v.: Ha poco tempo per mettersi in luce.
Varricchio 8: Tanto di cappello. E' il calciatore meritevole dell'ennesima lode degli ultimi tempi. Peccato che la doppietta (ed i 15 gol stagionali) non servano a portare il Padova ai playoff.
Gentile 6: Come Mazzocco, è protagonista di una gara discreta. Difficilmente si fa trovare impreparato.
Baù 5: Evanescente per buona parte del match. Lo vediamo provare e riprovare i movimenti prediletti, ma le gambe questa volta non lo seguono.
Muzzi (dal 33' s.t.) S.v.: Non ha il passo che vorrebbe, ma il merito di provarci gli va senz'altro riconosciuto.

(Ringraziamo i colleghi Antonio Ammazzagatti e Giovanni Viafora per la gentile collaborazione)

Marco Lorenzi - marco.lorenzi@biancoscudati.net

http://www.biancoscudati.net/index.php?option=com_content&task=view&id=1147&Itemid=42

facebook

sfoglia    marzo        maggio

Cerca, Rss, Atom e Counter
Ricerca personalizzata
Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0   Feed ATOM di questo blog  Atom


Link
A
ac-perugia.com
acmonzabrianza.it
acspezia.com
agenfax.it
alessandriacalcio.it
allvideo
amarantomagazine.it
arezzonotizie.it
asandriabat.it
B
beneventocalcio.it
bettiamo.net
blog.football.it
blunote.it
bondolasmarsa
br73.net Pistoia
bustocco.it
C
calciatori.com
calciocampano2009
calciocomo190
calciofoggia.it
calcioland.forumfree
calciomatto
calciomercato.com
calcionapoletano
calciopiu.net
calciopress.net
calcioscommesse.myblog.it
calcioseriec.blogspot.com
calciotoscano.it
cavese
cavanotizie.it
click4soccer.com
coni.it
corrierediarezzo.it
corrieredicomo.it
cremonaweb.it
D
datasport.it
diretta.it
direttagol.it
E
e-cremonaweb.it
esperiaviareggio.it
eurosport.yahoo.com
F
fccrotone.blogspot.com
febbrea90.com
figc.it
foggiacalciomania.com
foggialandia.it
foggiaweb.it
folignocalcio.com
folignocalcio.it
forzacavese.net
forzalucchese.net
forzanovara.net
forzapescara.com
forzaspal
G
gazzettalucchese.it
goal.com
H
hellastory.net
hellasverona.it
hellasweb.it
I
ilgrecale.it
ilpallonaro.com
ilquotidianodellabasilicata.it
ilquotidianodellacalabria.it
ilsatanello.it
ioamoilcalcio.myblog.it
infobetting.com
italiadelcalcio.it
L
la_c1.ilcannocchiale.it
lanciano.it
larena.it
leccosportweb.it
lega-calcio.it
lega-calcio-serie-c.it
legaproprimadivisione
leggonline.it
livescore.com
Live score
loschermo.it
lospallino.com
lostregone.net
lumezzanecalcio.it
M
madeinandria.it
mondorossoblu.it
N-O
noitv.it
P
paganese.it
paganesecalcio.com
pescaracalcio.com
portogruarosummaga.it
primadanoi.it
primadivisionew
primadivisione
pronostici1x2
pronostici serie A
prosestonews
Q
qn.quotidiano.net
R
radioemme.it
raisport.rai.it
ravennanotizie.it
realsports.it
reggianacalcio.it
reggianasupporters.it
resport.it
riminicalcio.com
S
salernonotizie.it
sanniocalcio.it
scommesse.betfair.it
seriec1.ilcannocchiale.it
seriec1.wordpress.com
soccerpuglia.it
socialcalcio.com
solocalcio.com
solopescara.com
sorrentocalcio.com
sportal.it
sportcity-ricio
sportedintorni.blogspot.com
sporterni.it
sportevai.it
sportitalia.com
sportoggi.com
sportpeople.net
sportvintage.blogspot.com
ssjuvestabia.it
sslanciano.it
stabia1907.it
stabiachannel.it
stampasud.it
T
tarantosera.com
tarantosupporters.com
teleradioerre.it
ternanacalcio.com
terninrete.it
terzaserie.myblog.it
tifo-e-amicizia.it
tifogrifo.com
tifosigallipoli
tifosiportogruaro
tuttalac.it
tuttocalciatori.net
tuttocalcio.it
tuttolegapro.com
tuttomercatoweb.com
tuttosport.com
tuttosporttaranto
tvgratisnet.iobloggo.com
tvoggisalerno.it
U
ultrassamb
uscremonese.it
usfoggia.it
V
varese1910.it
varesenews.it
vascellocr.it
vastocalcio
viaroma100.net
virtuslanciano
Z
zonacalcio.it

Siti rimossi

Gossip&sport

Cinema italiano
cinemaitaliano.info
trovacinema.repubblica.it
Nuovi
bg vs fq pr dago
notiziariocalcio
ilnuovocorriere
asgubbio1910
forzanocerina
piacenzacalcio
triestinacalcio
comunicatemi
chi ho dimenticato
e sarà inserito,
o rimosso per chi vuol essere cancellato

....ed è naturalmente gradito
un link a questo blog
nei vostri siti o blog
grazie



Meteo











 
 
fai.informazione.it Wikio - Top dei blog Wikio - Top dei blog Add to Google intopic.it Blog360gradi - 

L’aggregatore di notizie a 360°  provenienti dal mondo dei blog! who's online Sito ottimizzato con 

TuttoWebMaster TOP 100 

SOCCER SITES TopSportSites.com :: A 

Sports Discussion Community Top Italia Registra 

il tuo sito nei motori di ricerca liquida.it social network Notizie, immagini e video dai blog italiani su Liquida top 100 sports sites My BlogCatalog 

BlogRank urltrends reports BlogNews Questo Blog e' 

Strabello! e il tuo?

Cynegi Network
linkto.org

  Powered by  MyPagerank.Net
 

seriec1

↑ Grab this Headline Animator

  View blog authority
   
 


blinko jonny groove
rcsmobile belen

lastminute
musicbox

edreams

better
blinko grandi sorelle


Rubbrica telefonica


Elenco per nome


Elenco per ruolo